laRegione
07.04.21 - 18:55

Svizzeri per energie pulite e pronti a pagare di più

È quanto indica un sondaggio pubblicato oggi. Quattro su cinque disposti a sborsare fino a 95 franchi in più all’anno.

svizzeri-per-energie-pulite-e-pronti-a-pagare-di-piu
Keystone
Avanti con convinzione verso la svolta energetica

Berna – La popolazione svizzera è favorevole alla svolta energetica, una trasformazione che andrebbe portata avanti senza indugio. È quanto risulta da un sondaggio rappresentativo tra 1012 persone pubblicato oggi dalla Fondazione svizzera per l'energia (Schweizerische Energiestiftung) con sede a Zurigo.

Nove persone su dieci condividono l'obiettivo di un'energia rinnovabile. L'89,5% è assolutamente d'accordo o piuttosto d'accordo affinché l'energia pulita venga generata in loco. Meno importante - circa il 65% - il numero di coloro che credono che l'energia così prodotta debba anche essere a buon mercato.

Fonti rinnovabili, pronti a pagare

Una forte maggioranza del campione auspica anche che la svolta energetica avvenga a ritmo sostenuto: entro il 2038, la corrente elettrica dovrà essere generata da fonti rinnovabili.

Per quanto attiene ai costi di una simile transizione, quattro persone su cinque sarebbero disposte a pagare fino a 95 franchi in più all'anno pur di veder realizzato l'obiettivo. Attualmente, una famiglia media di quattro persone spende 40 franchi all'anno per promuovere le energie rinnovabili.

I risultati del sondaggio sono chiari, si legge in una nota odierna della fondazione che ha incaricato l'istituto gfs di Zurigo di svolgere il sondaggio. La popolazione è pronta anche a spendere di più pur di accelerare la svolta energetica, "un segnale che i politici dovrebbero prendere sul serio".

Capacità in aumento

Nonostante la pandemia e il rallentamento dell'economia, nel 2020 la capacità di produrre energia pulita è cresciuta in Svizzera dal 17,92 a 18,49 gigawatt, secondo un rapporto diffuso ieri dall'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena).

Il 13 giugno la popolazione sarà chiamata ad esprimersi in merito alla legge sul CO2, legge contro la quale è stato lanciato il referendum. La Confederazione intende azzerare le proprie emissioni nocive entro il 2050. Stando ai ricercatori dell'istituto Paul Scherrer (Psi), il perseguimento di un simile obiettivo costerebbe 330 franchi per persona all'anno.

La norma, così come licenziata dal parlamento alla fine di settembre 2020, contiene misure relative al traffico aereo, alle emissioni industriali e al risanamento degli edifici. I limiti delle emissioni di CO2 per i veicoli sono stati inaspriti e le tasse sulla benzina e sul gasolio aumentate.

I cambiamenti sono volti a ottenere una diminuzione graduale dei gas a effetto serra. La Svizzera intende così dimezzare le sue emissioni entro il 2030 e azzerarli entro il 2050. Nella votazione finale in parlamento, tutti i partiti, tranne l'UDC, hanno sostenuto la legge.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
18 min
Secondo tunnel del San Gottardo: potenziale presenza di amianto
Nel frattempo sono state prese misure per proteggere i lavoratori e la popolazione, ha indicato oggi l’Ufficio federale delle strade
Svizzera
1 ora
Svizzera romanda in ‘bianco’, ecco le prime nevicate in pianura
Secondo MeteoNews, fino a domenica sono previsti tra i 5 e i 15 centimetri di neve in pianura e tra i 10 e i 50 centimetri in montagna
Svizzera
15 ore
Regolazione del lupo, Regazzi: ‘Era ora’, Gysin: ‘Andati oltre’
La modifica della legge federale sulla caccia permetterà ‘abbattimenti preventivi’. A Palazzo federale un dibattito acceso e opinioni agli antipodi
Svizzera
17 ore
Baume-Schneider, Rösti: l’en plein delle Franches-Montagnes
La regione della consigliera federale eletta esce due volte vincitrice. La ‘Question jurassienne’? Il bernese dice che lui l’aveva già chiusa
Svizzera
19 ore
Ebs, tutte le chiavi di una sorprendente elezione
Simpatica, gradita ai contadini, funzionale agli svizzero-tedeschi con gli occhi puntati sul seggio di Alain Berset. L’analisi, col politologo Georg Lutz
Svizzera
23 ore
Governo: ‘Bel regalo’ o ‘brutta sorpresa’, stampa divisa
La nomina di chi ha preso il posto di Simonetta Sommaruga fa discutere: i pro e i contro del mondo del giornalismo
Svizzera
1 gior
Tra sorpresa e preoccupazione, le reazioni dei deputati ticinesi
Elezioni dei consiglieri federali, Storni (Ps): ‘Pensavo che la questione linguistica avrebbe prevalso’. Marchesi (Udc): ‘Vedrei bene Rösti all’Ambiente’.
Svizzera
1 gior
La centrale elettrica di riserva è una priorità
La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
1 gior
90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale
Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
1 gior
Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze
Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
© Regiopress, All rights reserved