laRegione
07.04.21 - 17:33

Test fai da te, grande richiesta ma nessuna massa di clienti

Nessun problema per il primo giorno di distribuzione dei test "fai da te" gratuiti nelle farmacie, secondo la società svizzera dei farmacisti (pharmaSuisse)

Ats, a cura de laRegione
test-fai-da-te-grande-richiesta-ma-nessuna-massa-di-clienti
(Ti-Press)

Il primo giorno di distribuzione dei test "fai da te" gratuiti nelle farmacie si è svolto senza problemi, secondo la società svizzera dei farmacisti (pharmaSuisse). La domanda si è rivelata molto elevata, ma non si è assistito a una massa di clienti.

Questi test erano disponibili in tutte le farmacie di tutta la Svizzera. Ogni persona ha diritto a un massimo di cinque test gratuiti al mese. Per ottenerli bisogna presentare la tessera della cassa malattia. Questo permette di controllare se la persona interessata ha già ricevuto la sua quota e di evitare che ne riceva di più visitando diverse farmacie. Gli "autotest" sono destinati solo a persone senza sintomi e che non hanno contatti con persone di un gruppo a rischio.

Secondo il gruppo farmaceutico Roche, la fornitura di un milione di autotest al giorno è assicurata.

Nessuna folla nelle farmacie

Poiché i piani di protezione anti-Covid-19 limitano il numero di clienti all'interno di una farmacia, a volte si sono formate delle code, ha indicato in serata pharmaSuisse in un comunicato. La gente si è dimostrata molto paziente.

La distribuzione dei test è stata accompagnata da molti consigli, poiché le persone volevano sapere cosa fare se fossero risultate positive, ha detto Martine Ruggli, presidente di pharmaSuisse, citata nel comunicato. Alcune persone hanno richiesto più di cinque test, ma in generale le restrizioni sono state ben accettate.

In generale per l'insieme del paese, i farmacisti hanno distribuito molti set per le autoanalisi, ma non vi è stata folla, hanno indicato vari farmacisti a Keystone-ATS. Talora vi sono stati picchi di affluenza: a Hinterkappelen, vicino a Berna, la proprietaria della farmacia del villaggio ha ad esempio riferito che aveva già distribuito diverse centinaia di pacchetti di test alle 10.00.

Davanti a una farmacia di Davos (GR) si è formata una coda di turisti svizzeri. A Basilea, un farmacista ha riferito che la gente ha fatto proprio l'appello della presidente di pharmaSuisse, la quale aveva invitato la popolazione a non buttarsi sui test il primo giorno.

Un'istantanea

Un risultato negativo è solo "un'istantanea" e non "esclude completamente un'infezione da coronavirus", avverte l'UFSP sul suo sito web. Il risultato inoltre è valido solo per un solo giorno. I test "fai da te" quindi non sostituiscono l'obbligo di rispettare le norme igieniche e i concetti di protezione. Se l'esito è positivo, si consiglia alle persone interessate di farlo confermare da un test PCR e di rimanere a casa nel frattempo.

L'obiettivo del Consiglio federale è che il 40% della popolazione si sottoponga a un test ogni settimana. Finora erano disponibili solo i test rapidi e i test PCR e dovevano essere eseguiti da specialisti e analizzati in laboratorio. I nuovi "autotest" invece permettono di fare tutto da soli.

La confezione contiene un tampone di cotone che deve essere inserito fino a tre-quattro centimetri in ogni narice per quattro volte. Deve poi essere infilato in una provetta contenente un liquido, e una goccia di questa miscela viene analizzata su uno strumento simile a un test di gravidanza. Il risultato è disponibile in 15-20 minuti. Se appare una barra, il test è negativo. Due barre indicano un risultato positivo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 ore
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
16 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
17 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
© Regiopress, All rights reserved