laRegione
facili-da-usare-poco-affidabili-ecco-i-test-fai-da-te
Keystone
Per ognuno un massimo di 5 test gratuiti al mese per l’autodiagnosi
07.04.21 - 19:23
Aggiornamento: 08.04.21 - 07:18

Facili da usare, poco affidabili: ecco i test ‘fai da te’

L’essenziale da sapere sul kit per l’autodiagnosi disponibile da oggi nelle farmacie

Potremo rilassarci un po’ solo quando il 50% della popolazione sarà stato vaccinato, e per questo ci vorranno altri tre mesi circa. Lo ha detto ieri in una conferenza stampa a Berna Martin Ackermann, presidente della task force Covid-19 del Consiglio federale. Secondo lo specialista, il traguardo è vicino. Ma per non vanificare gli sforzi compiuti finora, bisogna mantenere le nuove infezioni a un livello il più basso possibile. Anche i test ‘fai da te’ disponibili da ieri nelle farmacie dovrebbero dare il loro modesto contributo in tal senso. A condizione che siano utilizzati in maniera adeguata. Domande e risposte per sapere l’essenziale.

A cosa servono i test fai da te?

A stabilire se ho il Covid nel momento in cui lo eseguo.

Dove li posso trovare?

Soltanto nelle farmacie, e non in tutte. Presentando il tesserino della cassa malati, me ne posso procurare fino a 5 al mese. Posso ritirarne la stessa quantità anche per conto di terzi, sempre dietro presentazione della carta di assicurato. Quest’ultima permette di verificare se ho già ricevuto la mia quota, impedendomi così di fare incetta in altre farmacie. Attualmente un solo tipo di test ‘fai da te’ è disponibile: quello della Roche. 

Chiunque li può ottenere?

Sì, dai 6 anni in su. Compresi gli stranieri che lavorano in Svizzera, come i frontalieri (basta che presentino il permesso di lavoro e la carta sanitaria). 

Devo pagare qualcosa?

No. I costi vengono assunti dalla Confederazione e io non devo pagare né franchigia, né partecipazione ai costi. Se però ne voglio acquistare altri, oltre ai 5 gratuiti che mi spettano, allora devo pagarli di tasca mia.

Cosa li differenzia dagli altri tipi di test?

Il fatto che si può fare tutto da soli, a casa. I test disponibili finora – quelli rapidi e i test Pcr – dovevano essere eseguiti da specialisti (per esempio negli studi medici, nei centri Covid e in farmacia) e analizzati in laboratorio.

Come ci si testa?

Inserire il cotton fioc fino a 2 cm in una narice e girarlo lentamente quattro volte. Ripetere l’operazione per l’altra narice. Infilare il bastoncino nella provetta contenente il liquido reagente. Versare alcune gocce di questa miscela su uno strumento simile a un test di gravidanza. Attendere 15-20 minuti. Dopodiché se appare una barra rossa, il test è negativo. Due barre rosse indicano un risultato positivo.

Per chi sono indicati?

Per le persone che non hanno sintomi e che vogliono assicurarsi di non essere contagiose in un determinato momento.  

Quando bisogna utilizzarli?

Ad esempio poco prima di andare a un pranzo di compleanno, di vedere famigliari o amici per cena o una grigliata all’aperto, di incontrare delle persone sul lavoro, di un allenamento con la mia squadra sportiva giovanile.

Quando non bisogna utilizzarli?

Se ho sintomi (in questo caso devo sottopormi a un test Pcr) o se devo vedere delle persone a rischio, come un famigliare in una casa per anziani o all’ospedale (qui meglio un test antigenico rapido in farmacia, più affidabile). I test fai da te non servono nemmeno per accorciare un’eventuale quarantena, né per poter rientrare in Svizzera da un Paese ad elevato rischio di contagio. 

Se risulto negativo, sono sicuro di non avere il Covid?  

No, perché questi test non sono affidabili come gli altri. Un risultato negativo non è che “un’istantanea” valida 24 ore e non “esclude completamente un’infezione da coronavirus”, avverte l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). Per questo, anche in caso di test negativo, si devono rispettare le regole di igiene e di comportamento. 

Cosa devo fare se risulto positivo?

Devo rimanere isolato in casa, contattare il mio medico curante e sottopormi a un test Pcr di conferma. 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus fai da te farmacie test
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
9 ore
Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà
La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Luganese
10 ore
Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio
In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22
Grigioni
10 ore
Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi
È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz
Bellinzonese
10 ore
A Giubiasco quasi un milione per l’ex palazzo comunale
Dopo una prima fase di risanamento strutturale, è ora necessario installare la nuova caldaia e un impianto per rinfrescare
Bellinzonese
11 ore
Castellinaria, ‘Mercato coperto più accogliente e accessibile’
Per Flavia Marone (presidente del festival) la struttura di Giubiasco presenta vantaggi sia dal punto di vista logistico, sia da quello finanziario
Grigioni
12 ore
Torneo Grandinani quest’anno declinato anche al femminile
Football: nel weekend del 13 e 14 agosto i campi di Roveredo e Lostallo accolgono la 16esima edizione dell’evento nazionale U14
Ticino
13 ore
Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’
Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera
Bellinzonese
14 ore
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dall’aggregazione e i 600 dalla battaglia
Luganese
14 ore
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
14 ore
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscita di strada finendo in un fossato
© Regiopress, All rights reserved