laRegione
24.02.21 - 10:18
Aggiornamento: 18:46

Berset: ‘Il federalismo va protetto e non criticato’

Il consigliere federale socialista: 'il sistema elvetico è stato regolarmente messo alla prova durante la crisi del coronavirus iniziata un anno fa'

Ats, a cura de laRegione
berset-il-federalismo-va-protetto-e-non-criticato
Keystone

Il federalismo è stato regolarmente messo alla prova durante la crisi del coronavirus iniziata un anno fa. Per il ministro della sanità Alain Berset è uno degli aspetti negativi della pandemia: «La cultura politica svizzera deve essere preservata e non incrinata».

«Cercare di mettere i membri del governo gli uni contro gli altri o cercare di personalizzare le decisioni prese non è svizzero. Non è così che funziona da noi», sottolinea il consigliere federale in un'intervista a Keystone-Ats, affrontando le recenti critiche dei partiti di destra. Plr e Udc non usano infatti mezzi termini contro il ministro socialista.

«La nostra forza è la nostra cultura politica. Sono i governi collegiali», continua Alain Berset. È del resto grazie al lavoro dei Cantoni e della Confederazione che la Svizzera può superare la crisi.

«Nei momenti di forti tensioni, il Consiglio federale è presente. Funziona come un'autorità collegiale», insiste il friburghese. Un esempio recente: i due ministri Udc, Guy Parmelin e Ueli Maurer, sono venuti in aiuto del loro collega durante l'ultima conferenza stampa.

La legge sulle epidemie dovrà essere adattata: non prevede un sostegno finanziario

Tornando sul primo anno di pandemia Berset nota che la Svizzera non era così male preparata. «Avevamo imparato le lezioni dalla Sars nel 2003 e dall'influenza causata dal virus H1N1 nel 2009, e istituito la legge sulle epidemie dal 2012-2013».

«Era la migliore preparazione. Altrimenti, la situazione sarebbe stata molto più difficile», spiega il consigliere federale. Il testo definisce in maniera più precisa la ripartizione dei compiti tra Cantoni e Confederazione.

Ciononostante, la Svizzera non era completamente pronta a una crisi di questa portata. Berset riconosce una certa mancanza di preparazione. «Ma non solo da parte della Confederazione. I Cantoni, gli ospedali, i cittadini: tutti sono stati presi alla sprovvista».

Sono mancati mascherine e respiratori artificiali. «È stato necessario correggere uno a uno i problemi legati alla natura imprevedibile della pandemia». Altri sono ancora in sospeso. Come la digitalizzazione di certi servizi. Il ministro spera che la crisi permetta di fare un salto di qualità in questi ambiti.

Messa alla prova durante la crisi, anche la legge sulle epidemie ha mostrato le sue lacune. «Non prevede un sostegno finanziario», nota Berset. Ma le aziende, che non sono responsabili della situazione, ne hanno bisogno. La legge dovrà quindi probabilmente essere adattata. E un bilancio andrà tracciato alla fine della pandemia.

Corsa salutare

Personalmente, il ministro è stato molto provato. «Ho raggiunto limiti fisici che non avevo mai toccato prima, lavorando sempre. Giorno e notte e anche nei fine settimana. Ci sono stati momenti estremamente difficili». Come il giorno in cui il Consiglio federale ha dovuto chiudere le scuole. «Non lo auguro a nessuno».

La salvezza è venuta dalla corsa. «Ho la fortuna, grazie allo sport, di conoscermi abbastanza bene da sapere come fare a non perdere il passo». Il consigliere federale assicura che ora sta meglio. «Ma sarò molto felice quando tutto questo sarà finito», ha detto.

«Ho imparato molto durante la pandemia», aggiunge. Proprio come il resto del paese. «Se una situazione simile dovesse ripetersi tra 10 o 15 anni, sapremo come reagire».

La Svizzera in ogni caso è sulla buona strada per piegare l'attuale epidemia. «Le prospettive sono buone, soprattutto grazie alla vaccinazione». E per Berset, la speranza è quella di potersi godere in estate una buona birra sulla terrazza di un ristorante.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
12 ore
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
12 ore
‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’
Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
12 ore
In dogana con un ghepardo imbalsamato
Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
Svizzera
13 ore
Duecentomila voci per la responsabilità delle multinazionali
A due anni dalla bocciatura alle urne dell’iniziativa, depositata alla Cancelleria federale una petizione che chiede una legge efficace
Svizzera
13 ore
Dodici milioni di... anelli per la Catena della solidarietà
È l’importo delle donazioni raccolte a favore delle vittime della carestia nell’Africa orientale
Svizzera
14 ore
Operaio travolto dal treno nella notte a Rickenbach
Nonostante i tentativi di rianimazione, l’uomo, un 34enne serbo, è deceduto sul posto. Ancora da chiarire le cause esatte dell’incidente
Svizzera
15 ore
Cure ambulatoriali e ospedaliere finanziate su base unitaria
Il Consiglio degli Stati approva la riforma di legge sull’assicurazione malattie. Sulla quale ora dovrà esprimersi il Nazionale
Svizzera
16 ore
I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati
È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
16 ore
Si schianta contro un albero: morto un 21enne
Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
© Regiopress, All rights reserved