laRegione
24.11.20 - 13:46
Aggiornamento: 17:02

Collettivi femministi: 'Sullo stupro la legge va cambiata'

Secondo i collettivi, la legge sullo stupro andrebbe integrata con la nozione di consenso. Attualmente è necessario provare che c'è stata costrizione

collettivi-femministi-sullo-stupro-la-legge-va-cambiata
(Ti-press)

I collettivi femministi svizzeri vogliono che la legge in vigore sugli abusi sessuali sia rivista. Approfittando della giornata internazionale contro la violenza nei confronti delle donne, in programma domani, chiedono che nella prossima revisione del Codice penale sia integrata la nozione di consenso.

"Quando non è sì, è no! Senza consenso, è uno stupro!", è lo slogan usato per attirare l'attenzione in merito alla necessità di adeguare le attuali norme. Al momento, deplorano in una nota odierna i movimenti per lo sciopero femminista, affinché uno stupro sia riconosciuto dalla giustizia come tale deve essere provata l'esistenza di una costrizione.

In Svizzera, il 22% delle donne ha subito atti sessuali indesiderati nel corso della propria vita, mentre il 12% ha avuto un rapporto sessuale contro volontà, viene ricordato nel comunicato. Di tutte le vittime, solo l'8% sporge denuncia alla polizia, una percentuale molto bassa dovuta principalmente alla vergogna per quanto accaduto.

Domani i collettivi organizzeranno diverse mobilitazioni sparse per il Paese. Alle 18.30 saranno accese delle candele a simboleggiare le violenze subite dalle donne: la popolazione è invitata a fare altrettanto. Palazzo federale a Berna, così come il Jet d'eau e il Palazzo delle Nazioni a Ginevra, alle 17.00 saranno illuminati di arancione, il colore simbolo della giornata. Lo stesso avverrà per altri edifici pubblici di varie città e per quelli delle ambasciate straniere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
12 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
13 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
16 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved