laRegione
18.12.20 - 18:04
Aggiornamento: 19:06

In Danimarca, sesso senza consenso = stupro

Si tratta di un importante cambio di paradigma rispetto allo stupro inteso solo come violenza fisica. Anche in Svizzera c'è chi chiede una riforma

in-danimarca-sesso-senza-consenso-stupro
(Keystone)

In Svizzera diverse associazioni lo chiedono da anni, in Danimarca dal primo gennaio sarà legge: potrà essere considerato stupro qualsiasi atto sessuale che si dimostri avvenuto senza consenso, senza dover necessariamente fornire anche le prove di violenze fisiche, di minacce o dell’incapacità di respingere l’aggressore, come si pretendeva finora. Questo dovrebbe permettere di tutelare meglio le vittime, stimate dalle autorità in oltre 10mila all’anno in uno Stato con meno di sei milioni di abitanti. La riforma è stata approvata ieri all’unanimità dal Folketing, il Parlamento unicamerale. “Ora è chiaro che se non c’è il consenso di entrambi, è stupro”, ha commentato il ministro della Giustizia Nick Haekkerup, socialdemocratico. Anche il Partito conservatore ha sostenuto la nuova legge, dopo una lunga campagna avviata da Amnesty International: nel 2008, l’ong attiva nella difesa dei diritti umani aveva già fornito abbondanti prove del fatto che meno della metà delle denunce in materia arriva in tribunale e sono pochissime le condanne. Il tutto, in un Paese nel quale si stima che più di quattro casi su cinque passino completamente sotto silenzio (i dati nel resto d'Europa, d‘altronde, non sono più incoraggianti).

Una nuova cultura

Quello danese è un cambio di paradigma culturale, oltre che legale: spostando la definizione di stupro dalla violenza in quanto tale alla mancanza di consenso, dovrebbe permettere agli inquirenti e alle corti di agire con maggiore efficacia, e incoraggiare le vittime a farsi avanti. L’idea è che lo stupro sia, come ha spiegato la giornalista danese Kirstine Holst al ‘New York Times’, “una violenza in sé, per cui non c’è bisogno di provarne altre”. Ovviamente l’onere della prova continua comunque a incombere sul denunciante, ma d’ora in poi i giudici non saranno costretti a sanzionare solo i casi più brutali. “Un sacco di gente in Danimarca pensa ancora che uno stupratore sia qualcuno che salta fuori da un cespuglio per aggredirti mentre torni a casa di notte, e perfino certe vittime non considerano stupro il sesso forzato”, ha detto allo stesso quotidiano Beck Hansen, presidente della Società delle donne danesi; “Adesso diventa una questione di consenso, di dir di sì”.

La riforma sarà accompagnata dalla creazione di una linea telefonica per le vittime attiva 24 ore al giorno sette giorni su sette, e da cambiamenti nei corsi di educazione sessuale a scuola; potrebbe inoltre avere un impatto sull’operato della polizia, spesso accusata di verificare i fatti con un approccio troppo legato a vecchi stereotipi e tale da intimidire chi vi si rivolge.

Un Paese avanzato. O no?

La Danimarca è considerata da tempo uno dei Paesi più avanzati in termini di uguaglianza di genere. Eppure è solo la dodicesima nazione in Europa a introdurre una legge di questo tipo: arriva più tardi della Svezia, ma anche di Belgio, Croazia, Cipro, Germania, Grecia, Islanda, Irlanda, Lussemburgo, Malta e Regno Unito. La Francia ha invece respinto il principio del consenso in occasione di una recente riforma. A trainare il cambiamento è anche l’adesione alla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, meglio nota come Convenzione di Istanbul.

Commentando la situazione danese, che vede oltre la metà delle vittime avere meno di 25 anni, Amnesty ha parlato l’anno scorso di “cultura diffusa dello stupro e impunità endemica”. La legge aveva già criminalizzato lo stupro domestico e la costrizione delle vittime indifese nel 2013, includendo tra le fattispecie anche atti diversi dal rapporto sessuale completo. In precedenza,invece, neppure il sesso con una persona in stato d‘incoscienza rientrava nella definizione di legge.

Un appello per la Svizzera

Anche in Svizzera decine di organizzazioni chiedono una revisione del codice penale con l’introduzione del principio del consenso, attraverso la revisione degli articoli 189 (coazione sessuale) e 190 (violenza carnale). Lo scorso giugno, 55 associazioni tra le quali Amnesty International, Alliance F, Salute Sessuale Svizzera e Terre des femmes hanno pubblicato un appello per muoversi in questa direzione. Da noi intervistata su ‘laRegione’ del 10 dicembre, la direttrice generale di Amnesty in Svizzera Alexandra Karle aveva segnalato la riforma come priorità a livello nazionale per il 2021, in modo che “si possa davvero riconoscere che un no è un no”. Al momento dell’appello, aveva spiegato: “La legge attuale non permette alla stragrande maggioranza delle persone colpite di ottenere giustizia. La maggior parte degli aggressori non deve ricorrere alla violenza perché sfrutta lo smarrimento della vittima e il rapporto di fiducia”.

Un sondaggio dell’istituto gfs.bern del 2019 mostra la preoccupante diffusione anche in Svizzera degli atti sessuali non desiderati: il 22% delle donne interrogate ha dichiarato di averne già subiti, mentre il 12% denuncia rapporti sessuali contro la sua volontà. Di chi si è dichiarato vittima, solo l’8% ha presentato una denuncia.

Leggi anche:

La giornata mondiale dei diritti umani e la pandemia

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
10 ore
Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati
Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
eutanasia
1 gior
Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera
La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
1 gior
Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’
Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
1 gior
Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone
Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
1 gior
Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’
Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
Estero
1 gior
‘Il Papa vuole la mia morte’, la chat del cardinale a processo
Il cardinale Giovanni Angelo Becciu è imputato in Vaticano per la gestione di alcuni fondi della Santa Sede, in relazione a un affare immobiliare a Londra
Estero
1 gior
Un pitone attacca un bimbo di 5 anni, il nonno lo salva
Il serpente ha morso il bambino e ha tentato di soffocarlo fra le sue spire, ma l’intervento dell’anziano ha evitato il peggio
Confine
2 gior
Frontalieri, al via in Italia il disegno di legge
Il nuovo accordo ritorna ora all’esame del Parlamento. Ma la strada è ancora lunga.
Estero
2 gior
Zelensky avverte l’Onu: ‘Milioni di persone al gelo’
I missili russi privano città e villaggi della corrente elettrica, dell’acqua e del riscaldamento: ‘Crimine contro l’umanità’.
Estero
2 gior
La Russia multerà pesantemente la diffusione di ‘cultura gay’
Al varo la nuova legge che sanziona la ‘propaganda delle relazioni non tradizionali’ anche fra gli adulti e non solo fra i minori come in precedenza
© Regiopress, All rights reserved