laRegione
accordo-quadro-calmy-rey-non-firmate-prendiamoci-del-tempo
Micheline Calmy-Rey (Keystone)
Svizzera
22.10.20 - 16:240

Accordo quadro, Calmy-Rey: 'Non firmate, prendiamoci del tempo'

Secondo l'ex direttrice del dipartimento affari esteri l'accordo naufragherebbe di fronte al popolo. Prima bisogna quindi costruire un consenso interno

Non è il caso di affrettarsi a sottoscrivere l'accordo quadro fra Svizzera e Ue attualmente sul tavolo, meglio aspettare e vedere magari come evolverà la Brexit: lo afferma l'ex consigliera federale Micheline Calmy-Rey, che per nove anni è stata alla testa del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae).

Ue impazionete

Respingendo nettamente l'iniziativa Udc per la limitazione dell'immigrazione lo scorso 27 settembre il popolo svizzero si è espresso in modo chiaro per la via bilaterale, afferma l'esponente socialista in un contributo pubblicato oggi dalla Weltwoche. "Ma improvvisamente vi è grande agitazione", constata. "Bruxelles agisce con impazienza, aspettandosi che la Svizzera si avvicini all'Ue e firmi rapidamente un accordo quadro che è stato oggetto di lunghi negoziati: in breve, il Consiglio federale viene esortato ad andare avanti".

L'ex ministra degli esteri (2003-2011) ricorda però come i partner sociali sostengono che nella sua forma attuale l'intesa non abbia alcuna possibilità di riuscita davanti al popolo. "Tutti sono d'accordo sul fatto che l'accordo metterebbe in pericolo la sovranità della Svizzera, ponendola sotto la giurisdizione della Corte di giustizia europea in caso di controversie", prosegue la 75enne.

La collaborazione con Ue sarebbe vanificata

In effetti, argomenta Calmy-Rey, i risultati della fruttuosa collaborazione pluriennale della Confederazione con l'Unione europea verrebbero tutti vanificati: "Non saremmo trattati in modo diverso da qualsiasi altro paese terzo, al quale sarebbero imposti controlli e pareri vincolanti della Corte di giustizia europea, per quanto riguarda l'applicazione del diritto comunitario".

Come reagire a questo punto? Calma e gesso, risponde in buona sostanza l'ex consigliera di Stato ginevrina. "Penso che sia una cattiva idea correre a Bruxelles per scusarsi e firmare questo accordo a tutti i costi il prima possibile". E questo - spiega - per tre ragioni.

Se salta l'accordo, rimarrebbe solo l'adesione?

"In primo luogo l'accordo proposto non convince all'interno del paese. Come si possono condurre trattative sensate se gli svizzeri (per non dire lo stesso Consiglio federale) non sono d'accordo? Immaginiamoci che io sia il ministro degli esteri, che corra a Bruxelles, che debba firmare l'accordo, per poi presentarlo al parlamento: ci sarebbe una votazione e il popolo lo respingesse. In quel caso ci ritroveremmo in una situazione molto spiacevole. Ci rimarrebbe solo l'adesione all'Ue?", si chiede l'ex capo del Dfae.

Vediamo cosa succede con la Brexit

"Secondo punto: vediamo cosa gli inglesi riescono a ricavare per loro stessi. Anch'essi non vogliono essere soggetti alla Corte di giustizia europea. Lasciamoli giocare allo spazzaneve e auguriamo al signor Boris Johnson buona fortuna", prosegue Calmy-Rey.

"Terzo: non c'è nessuna fretta. Prendiamoci il tempo di concordare qualcosa al nostro interno, mantenendo un dialogo costruttivo con l'Ue. L'Unione europea ha accettato di impegnarsi in discussioni chiarificatrici. Teniamo questi colloqui. Dopotutto, la diplomazia non è altro che una questione di pazienza e di sagacia", conclude l'ex magistrata con infanzia in Vallese.
 
 

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
Vacanze di natale, 19% in meno di prenotazioni in Svizzera
Svizzera Turismo preannuncia una stagione invernale difficile, con un calo delle prenotazioni del 19% per il periodo natalizio e del 28% per febbraio
Zurigo
5 ore
Rapinatore incriminato per assassinio dopo 23 anni
Un cittadino italiano 77enne già in carcere per una brutale rapina a Thun, è stato incriminato nel canton Zurigo per l'assassinio di un'anziana donna nel 1997
Svizzera
6 ore
Tentata estorsione a Berset, inchiesta sul ruolo dell'Mpc
L'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico vuole chiarire se esso ha seguito le regole nel caso della denuncia del ministro dell'interno
Svizzera
8 ore
In Svizzera nel week-end 9'751 casi, 410 ricoveri, 213 morti
Sotto quota 10'000 i nuovi contagiati nelle ultime 72 ore. Il tasso di positività in calo di quasi due punti e mezzo, al 16,7%.
Svizzera
10 ore
Hiv, un terzo di infezioni in meno rispetto al 2019
Lo ha annunciato la radio svizzerotedesca SRF, che basandosi sulle cifre provvisorie dell'Ufficio federale della sanità pubblica, fa stato di "soli" 236 casi
Svizzera
10 ore
Oltre la metà della popolazione è sotto al reddito medio
L'Ufficio federale di statistica ha pubblicato i dati relativi al 2018 che parlano di una somma di un'economia domestica elvetica di 7069 franchi al mese
Svizzera
10 ore
Pandemia costerà tra 1,7 e 2,6 miliardi agli ospedali svizzeri
Accelererà inoltre cambiamenti strutturali già in atto. È quanto emerge da uno studio pubblicato dalla società di consulenza per la revisione e la gestione PwC
Svizzera
1 gior
A Ginevra pompieri e giardinieri aiutano pompe funebri
La responsabile del Dicastero della coesione sociale e della solidarietà indica che il Comune ha ingaggiato del personale e sta cercando di reclutarne ancora
Svizzera
1 gior
Berset vittima di un tentativo di estorsione
Il caso è stato reso pubblico durante il fine settimana dalla "Weltwoche" ed è stato confermato dal Ministero pubblico della Confederazione
Svizzera
1 gior
'Preoccupa la mortalità, ma stiamo andando nella buona direzione'
La direttrice dell'Ufsp Anne Lévy guarda con ottimismo all'evoluzione della pandemia, ma avverte: ‘ridurre ricoveri e morti. Altrimenti dovremo inasprire le misure’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile