laRegione
27.12.19 - 10:04

Prevarrebbe il sì per affitti moderati e per norma antiomofobia

Ats, a cura de laRegione
prevarrebbe-il-si-per-affitti-moderati-e-per-norma-antiomofobia
Contro l'omofobia (foto d'archivio) ©Ti-Press

Abitazioni a prezzi abbordabili ed estensione della norma antirazzismo alla discriminazione omofobica convincono gli svizzeri. Lo dice un sondaggio di Tamedia, che ha interrogato oltre 11mila svizzeri fra il 19 e il 21 dicembre, in vista delle votazioni del prossimo 9 febbraio.

La norma contro le discriminazioni sull'orientamento sessuale: sì per il 55%

Per quanto riguarda la norma che vuole impedire discriminazioni basate sull'orientamento sessuale, contro la quale l'Udf ha lanciato un referendum in nome della libertà di espressione, il sondaggio Tamedia dà i favorevoli alla modifica del Codice penale avanti con il 65% e i contrari fermi al 32%. Il 55% appare già convinto del sì.

Gli elettori di tutti i principali partiti sono inclini a schierarsi con il governo, con picchi oltre l'80% nel campo rosso-verde. Appoggio arriva in particolare dalle donne (76%), meno dagli uomini (55%).

Più i votanti sono giovani e residenti nei centri urbani e più sostengono la norma che vuole punire atti e propositi omofobi. Il tasso di favorevoli raggiunge il 76% nella fascia d'età 18-34 anni e il 72% fra gli abitanti delle città.

Abitazioni accessibili: a favore il 63 per cento

L'iniziativa popolare "Più abitazioni a prezzi accessibili", lanciata dall'Associazione Svizzera Inquilini, raccoglie il 63% di pareri favorevoli, contro il 32% di no, mette in rilievo l'indagine pubblicata oggi. Tra i sostenitori, il 41% dice di essere sicuro della propria scelta.

Nonostante solitamente un'iniziativa perda di slancio man mano che la campagna avanza, sembra esserci margine per una vittoria del sì. Senza sorpresa, il testo raccoglie ampi consensi a sinistra (circa il 90%). Dal Ppd arriva un sostegno moderato (55%), mentre in casa Udc la situazione è praticamente di parità e in seno al Plr prevale lo scetticismo (55% di no).

A livello di categorie, a simpatizzare per l'iniziativa, che si pone come obiettivo l'aumento dell'offerta di alloggi a costi bassi e che Consiglio federale e Parlamento raccomandano di respingere, sono soprattutto le donne, gli abitanti dei cantoni latini e chi abita in città.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 min
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
1 ora
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
2 ore
L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave
Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
4 ore
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
18 ore
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
19 ore
Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp
Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
21 ore
Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola
Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
Svizzera
21 ore
Berna intende aumentare lo stoccaggio di farmaci
Nell’inventario delle scorte obbligatorie saranno inseriti anche i preparati contro il morbo di Parkinson e gli antiepilettici
Svizzera
22 ore
Questione giurassiana, Baume-Schneider può fare da mediatrice
Come i suoi predecessori in seno al Dipartimento federale di giustizia e polizia, la consigliera federale farà da giudice sul ‘caso’ Moutier
Svizzera
23 ore
Altri due casi di influenza aviaria nel Canton Zurigo
Per gli esperti federali la situazione in Europa è ‘preoccupante’. Misure estese in Svizzera fino a metà marzo
© Regiopress, All rights reserved