laRegione
24.07.19 - 06:00

Divieto di accendere i fuochi all'aperto o non divieto?

Primi disagi al traffico ferroviario e non solo a nord delle Alpi a causa delle elevate temperature. Anche in Ticino si valuta se emanare il divieto.

di Stefano Guerra
divieto-di-accendere-i-fuochi-all-aperto-o-non-divieto
TiPress

L’ondata di calore (oltre 34 gradi ieri a Sion, Basilea, Biasca e in altre località) e la siccità da lunedì attanagliano di nuovo la Svizzera. A Nord delle Alpi si registrano i primi disagi, in parte attesi. Mentre le autorità cantonali valutano se proibire o no i fuochi all’aperto, con divieti che – a pochi giorni dal Primo agosto – includerebbero fuochi d’artificio e falò.

A Ginevra, il Municipio ha riattivato il suo piano d’emergenza per anziani e senzatetto. A Basilea un ramo di un castagno rinsecchito s’è spezzato ed è caduto su un’auto in corsa, senza conseguenze per la conducente.

A causa delle alte temperature, i tre battelli della società di navigazione zurighese che circolano sulla Limmat – con tetti in vetro che lasciano surriscaldare gli interni – sono fermi. Lo stop dovrebbe protrarsi almeno fino a domani.

Perturbazioni anche al traffico ferroviario. Le Ffs – che proprio lunedì hanno presentato misure per evitare la deformazione dei binari a seguito delle elevate temperature (cfr. ‘laRegione’ di ieri) – hanno dovuto chiudere la tratta fra Stäfa e Uitikon, sulla riva destra del lago di Zurigo, dopo che i binari si erano abbassati di 5 centimetri. La tratta è stata riaperta nel corso del pomeriggio, dopo l’intervento di un vagone antincendio che con un getto d’acqua ha raffreddato i binari e il consolidamento della massicciata. Un analogo problema s’è verificato anche tra Yverdon e Losanna. Danni ai binari sono stati segnalati anche nell’Oberland bernese e nell’Emmental.

A causa della persistente siccità nei cantoni di Lucerna, Uri, Nidvaldo e Obvaldo sono state disposte restrizioni all’accensione di fuochi all’aperto. È possibile che per il Primo agosto venga emesso un divieto assoluto.
Da parte loro, le autorità lucernesi invitano alla prudenza nell’accensione di fuochi nei boschi o in prossimità di essi e raccomandano di ricorrere unicamente a focolari fissi. In caso di forte vento, ad esempio in vista di un temporale, si rinunci. Viene inoltre ricordato di non lasciare mai le fiamme incustodite e di spegnerle del tutto prima di partire. Altro consiglio: non gettare tabacchi o fiammiferi accesi. Per il fine settimana sono attesi temporali. Bisognerà vedere se pioverà abbastanza. Altrimenti non è da escludere un divieto assoluto di accensione di fuochi nei boschi e nelle loro vicinanze.

Valutazioni in questo senso sono in corso anche a Bellinzona. In Ticino la situazione ieri pomeriggio era «incerta», ci hanno detto alla Sezione forestale del Dipartimento del territorio. Attualmente, il pericolo di incendio di boschi è “marcato” (livello 3, su una scala che ne conta 5), come nella Svizzera centrale, in alcune regioni dei cantoni di San Gallo e dei Grigioni e in quasi tutta la Romandia (eccetto in buona parte del Vallese). Significa ad esempio che una sigaretta gettata o la scintilla di un fuoco acceso per una grigliata bastano per provocare un incendio che si propagherebbe velocemente. Le raccomandazioni anche qui sono le stesse: evitare di accendere fuochi in presenza di vento, per le grigliate utilizzare solo i focolari già esistenti, tenere sempre sotto controllo il fuoco e spegnere immediatamente le scintille, disporre di una riserva d’acqua in caso d’emergenza.

Nemmeno in Ticino si esclude di emanare a breve un divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto. Dipenderà dall’evolversi della situazione meteorologica. MeteoSvizzera ieri prevedeva alcuni temporali non prima di venerdì sera (ma “isolati”, e “più probabili nelle Alpi”), temporali che non dovrebbero mancare all’appello sabato e domenica. A seconda dell’evoluzione delle previsioni nel corso della giornata odierna, un divieto di accendere fuochi all’aperto potrebbe essere emanato entro le 12 di domani, giovedì, oppure slittare di qualche giorno, probabilmente a lunedì.
In questo caso, i Comuni intenzionati a festeggiare il Primo agosto dovranno organizzarsi. Come avvenne lo scorso anno, quando gli spettacoli con fuochi d’artificio si svolsero in deroga al divieto di accendere fuochi all’aperto, decretato a Sud delle Alpi il 9 luglio e revocato soltanto un mese dopo, il 10 agosto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
friburgo
5 ore
Tribunale cantonale assolve in appello 27 attivisti per clima
Avevano bloccato l’entrata di un centro commerciale il 29 novembre 2019 in occasione della giornata del Black Friday.
Svizzera
11 ore
Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca
Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
16 ore
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
Svizzera
17 ore
Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla
Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
18 ore
Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini
L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
1 gior
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
1 gior
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
1 gior
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
1 gior
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
© Regiopress, All rights reserved