laRegione
quaranta-minuti-a-trazione-anteriore-stendono-il-davos
I bianconeri esultano: è il quinto successo consecutivo (Ti-Press)
20.12.21 - 22:11

Quaranta minuti a trazione anteriore stendono il Davos

Sotto di due reti alla prima pausa, dal ventesimo il Lugano innesta la marcia superiore e centra il quinto successo consecutivo

È una partenza ad handicap quella che accusa il Lugano contro il Davos, che alla prima pausa ci arriva in ritardo di due reti. E che già dopo trentasei secondi è costretto a inseguire gli uomini di Wohlwend, passati a condurre le danze alla Cornèr Arena grazie a un zig-zag di Stransky tra le maglie della difesa bianconera concluso con un tiro sott’asta. L’azione è talmente fulminea che gli arbitri non se ne avvedono subito, lasciando proseguire l’azione per un altro paio di minuti. È solo allora che il gioco si interrompe, e dopo aver rivisto l’azione al video i gialloblù possono esultare. La rincorsa però dura mezzo minuto e spiccioli, perché all’1’06" Boedker in aggiramento della porta difesa da Sandro Aeschlimann pesca l’accorrente Morini che fa centro: 1-1. Negli istanti che seguono il gioco del Lugano si fa più concreto, al punto che gli uomini di McSorley sembrano in grado di prendere in mano le redini della partita. Colpiscono anche un palo con Riva, ma niente reti su quel fronte. Ne arrivano invece due su quello opposto: la prima la firma Pospisil, che insacca un disco buttato sullo slot a ritroso da Hammerer, e l’altra è a cura di Corvi a fil di sirena, con la complicità di un erroraccio di Fazzini in uscita dal terzo.

Partita ribaltata nel periodo centrale

Ciò che il Lugano non era riuscito a fare nei primi venti minuti, lo concretizza nel tempo di mezzo. In cui il momentum passa decisamente nelle mani dei pupilli di Chris McSorley. Al 26’20" Thürkauf dà ufficialmente avvio alla rinascita dei bianconeri, accorciando le distanze doo una verticalizzazione di Bertaggia, abile a impossessarsi di un disco all’altezza della linea blu. Il pareggio è cosa fatta poco dopo il giro di boa di metà partita: Arcobello vince l’ingaggio e serve il puck a Carr, il cui diagonale non lascia scampo ad Aeschlimann. Subito dopo i bianconeri vivono il loro momento più delicato del secondo tempo: tra il 32’57" e il 35’27" si ritrovano infatti in doppia inferiorità numerica. Centocinquanta interminabili secondo in cui il Davos piazza un assedio asfissiante, cozzando però ripetutamente contro la muraglia alzata da Schlegel. E al 38’19" arriva anche il sorpasso con un’entrata di Josephs dalla sinistra del portiere del Davos che viene battuto in velocità: 4-3, risultato con cui le due squadre riguadagnano lo spogliatoio per la seconda pausa.

Ed è ancora il numero 19 dei bianconeri a trovare il guizzo che al 42’42" permette al Lugano di andare in doppio vantaggio, mettendo in discesa i binari del confronto. Il Davos non vuol comunque saperne di mollare la presa, e allora ci pensa ancora una volta Schlegel a blindare la sua gabbia. Il 6-3 di Carr, al termine di un brillante due contro uno condotto da un Jospehs in formato extralusso mette la parola fine con largo anticipo al match: il Davos accorcia sì le distanze a 6’22" dal sessantesimo con Simic, ma da quel 6-4 non si schioderà infatti più.

Lugano - Davos (1-3 3-0 2-1) 6-4

Reti: 33" Stransky 0-1. 1’06" Morini (Boedker) 1-1. 9’55" Pospisil (Hammerer) 1-2. 18’50" Corvi (esp. Riva, Rasmussen) 1-3. 26’20" Thürkauf (Bertaggia) 2-3. 30’47" Carr (Arcobello/esp. Jung) 3-3. 38’19" Josephs (Arcobello) 4-3. 42’42" Josephs 5-3. 51’17" Carr (Josephs) 6-3. 53’38" Simic (Rasmussen) 6-4.

Lugano: Schlegel; Loeffel, Müller; Riva, Alatalo; Chiesa, Guerra; Wolf; Boedker, Herburger, Morini; Fazzini, Arcobello, Carr; Bertaggia, Thürkauf, Josephs; Vedova, Walker, Stoffel; Traber.

Davos: Aeschlimann; Stoop, Zgraggen; Nygren, Jung; Dominik Egli, Wellinger; Barandun; Schmutz, Chris Egli, Canova; Stransky, Rasmussen, Simic; Wieser, Corvi, Ambühl; Hammerer, Prassl, Pospisil.

Arbitri: Dipietro, Kaukokari (Fin); Wolf, Kehrli.

Note: 4’634 spettatori. Penalità: 9 x 2’ contro il Lugano; 6 x 2’ contro il Davos. Tiri in porta: 31-32 (5-12, 16-7, 10-13). Lugano senza Herren (infortunato), Hudacek, Irving, Nodari (soprannumero); Davos privo di Bromé, Frehner, Nussbaumer (infortunati), Heinen (ammalato), Knak, Parrée e Ritzmann (soprannumero). Pali: 1’31" Riva, 51’52" Boedker. Davos senza portiere dal 58’12" al 58’58”. Premiati quali migliori in pista Troy Josephs e Matej Stransky.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
davos hc lugano hockey lugano davos mcsorley national league
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CICLISMO
1 ora
Scatta la Vuelta, Roglic cerca il poker
Venerdì a Utrecht (Olanda) prende il via l’edizione numero 77 del Giro di Spagna
Calcio
2 ore
Giovanni Simeone firma col Napoli
Dopo le indiscrezioni, ecco l’ufficialità: il Cholito lascia il Verona
CICLISMO
2 ore
Per Vingegaard momenti difficili dopo il Tour
Lo rivela il direttore sportivo della Jumbo-Visma
Calcio
8 ore
Tra David Sesa e il Bellinzona è già divorzio
L’amichevole col Lugano U21 è stata l’ultima da allenatore dei granata: due mesi dopo il suo arrivo, il 48enne tecnico lascia la panchina dell’Acb
Hockey
9 ore
Canada troppo forte: fine della corsa per la U20
Non basta una doppietta di Attilio Biasca: la Svizzera di Marco Bayer si ferma ai quarti di finale, inchinandosi ai nordamericani
STRONGMAN
11 ore
Fabio Guglielmini, davvero un tipo forte!
Vita, record e progetti di un ragazzo dai molti interessi e talenti, diviso fra Svizzera e Brasile
atletica
17 ore
Ricky Petrucciani ‘vola’ all’argento
Splendido secondo posto sui 400 m dell’onsernonese agli Europei di Monaco di Baviera, con l’ottimo tempo di 45”03
nuoto
21 ore
Antonio Djakovic si regala l’argento nei 400 stile libero
Seconda medaglia individuale per lo zurighese, mentre Mityukov e Desplanches devono accontentarsi del quarto posto nei 100 dorso e nei 200 misti
Altri sport
21 ore
La Baviera è degli Stefan: festa svizzera a cronometro
Bissegger precede Küng in una gara memorabile
ciclismo
1 gior
Nairo Quintana squalificato a posteriori dal Tour
Il colombiano si vede togliere il sesto posto conquistato a luglio sulle strade francesi a causa di un irregolarità nell’utilizzo del tramadolo
© Regiopress, All rights reserved