laRegione
22.12.21 - 22:13
Aggiornamento: 23:30

Un tocco di Mottet spegne i sogni di gloria del Lugano

Epilogo amaro per i bianconeri sul ghiaccio del capolista Friborgo, sconfitti al prolungamento al termine di una partita che avrebbero meritato di vincere

un-tocco-di-mottet-spegne-i-sogni-di-gloria-del-lugano
Walker prova la soluzione (Keystone)

Si ferma a cinque successi di fila la bella serie del Lugano di Chris McSorley. In un mercoledì sera in cui i bianconeri, arrivati sul ghiaccio del capolista Friborgo forti del successo di lunedì sul Davos, si presentano in pista con il medesimo assetto con cui avevano giocato da metà partita in poi lunedì contro il Davos. Infatti all‘ala destra della prima linea c’è il canadese Troy Josephs, il quale prende il posto di un Luca Fazzini spostato a fianco di Thürkauf e Bertaggia. E la prima linea ticinese è senz’altro tra le maggiori protagoniste di un primo tempo in cui è il Lugano a fare la figura migliore, con i bianconeri che portano a spasso il disco e creano i maggiori pericoli davanti alla porta. Nonostante tutto, però, in una delle sue rare puntate di peso, è il Friborgo a passare per primo, grazie a un veloce uno-due nello slot, con Alatalo e Riva che si fanno prendere di sorpresa, e sul rapido tocco di Mottet per Marchon Schlegel non può nulla: è l’1-0 al 6’02’’. Tuttavia, non passano che venticinque secondi e i ticinesi pareggiano: Josephs punta la porta, Berra chiude la porta, ma l’accorrente Carr legge benissimo la situazione, e la sua intelligente giravolta con appoggio al centro viene sfruttata in backhand da Arcobello. In verità, il pareggio sta comunque stretto agli uomini di McSorley, e infatti al 16’30’’ i bianconeri trovano il gol del vantaggio, grazie a una discesa nel terzo di Walker. Tuttavia, quel gol non verrà mai accordato, semplicemente perché l’azione è viziata da un fuorigioco macroscopico, con Stoffel che incredibilmente si trova tre o quattro metri buoni nel settore difensivo friborghese, e ancor più incredibilmente il linesman non se ne avvede. La cosa però, evidentemente, non sfugge a Christian Dubé, che chiede subito quello che è il coach-challenge probabilmente più scontato della storia dell’hockey.

Di scontato, però, c‘è sempre il fatto che questo Lugano meriterebbe di più. E alla fine l’1-2, buono stavolta, arriva al 21’54’’: grande taglio dalla destra di Samuel Guerra per Alessio Bertaggia, la cui deviazione al volo sul primo palo non lascia scampo a Reto Berra. Il Friborgo prova a reagire, ma l’occasione più ghiotta della prima metà del terzo tempo capita ancora sul conto degli ospiti, con una deviazione volante di Josephs davanti a Berra, con il puck che manca il bersaglio per un soffio. Poco dopo i bianconeri si ritrovano sul ghiaccio in 4 per un aggancio fischiato ad Arcobello, ma in quei due minuti i bianconeri non corrono pericoli. E poco dopo, a 9’15’’ dalla seconda pausa, sono poi Fazzini e compagni a ritrovarsi in superiorità numerica, ma addirittura per quattro minuti filati, dopo la carica alla testa di Mottet nei confronti dello stesso Arcobello. E non è tutto: dopo 2’55’’ un ingenuo sgambetto di Gunderson a Josephs costringe il Friborgo a giocare a 3 contro 5 per due minuti interi: per il Lugano quella è l’occasione di chiudere il match, ma i ticinesi non la sfruttano, e a parte un paio di tentativi di Fazzini (il quale si mostra pure un po’ precipitoso sul secondo tentativo, considerando che Berra in quel momento è sul ghiaccio senza bastone) non riescono praticamente neppure a farsi minacciosi.

Il Lugano, però, naturalmente non smette d‘insistere, e in avvio di terzo tempo Berra è subito allertato da un tentativo di Josephs. Poi poco dopo ci prova anche Morini. Il Friborgo prova a costruire, ma i bianconeri sono bravi a tenere il disco il più lontano possibile da Schlegel, così da minimizzare i rischi. Il rischio, invece, i bianconeri lo corrono al 48‘14’’, quando Thürkauf reagisce a una carica di un avversario davanti alla propria panchina, beccandosi ingenuamente due minuti: a quel punto i padroni di casa spingono, e il Lugano deve anche stringere i denti, ma supera indenne il momento difficile. Ma la squadra di Dubé continua a spingere, finché un nuovo tocco da dietro la porta, proprio come in occasione dell’1-0 al 7’, si trasforma nel migliore degli assist per il solito Marchon, il più lesto di tutti a capire e ad approfittarne: è il 2-2 al 51’30’’. Il Lugano accusa il colpo, e Sprunger e compagni sanno che a quel punto possono ottenere anche di più. Però anche i ticinesi hanno le loro belle occasioni, come quella di Thürkauf, liberato da un intelligente tocco di Carr, o il gran tiro di Fazzini. Fazzini che, però, a 3’20’’ dal termine, a conclusione di una furibonda mischia dalle parte di Schlegel, si sostituisce al proprio portiere nascondendo il disco sotto la mano. Dubé capisce l’importanza del momento e chiama il timeout, mentre Walker riesce a far innervosire il topscorer burgundo DiDomenico, e il risultato è naturalmente che gli arbitri li spediscono in panchina entrambi. Nervosismo che, a quanto pare, contagia anche la panchina dei friborghesi, i quali si ritrovano in pista in sei a poco più un minuto dalla fine, annullando così la possibilità di portare a termine la superiorità numerica. In un epilogo di terzo tempo in cui Carr colpisce anche il palo con Berra battuto, a 58’’ dalla terza sirena.

A decidere tutto, alla fine, è così l’appendice di cinque minuti supplementari, che i bianconeri iniziano oltretutto con 43’’ di superiorità numerica, in cui ci provano Loeffel e poi Carr, ma senza fortuna. Poi arriva il momento più difficile di tutti per i ticinesi, che chiudono la partita con un uomo in meno, dopo un bastone di Alatalo in faccia a Sprunger, che si becca un 2+2’: e quel momento i padroni di casa lo sfruttano, per chiudere definitivamente i conti a 1’42’’ dalla fine, con un tocco del solito Mottet, che non lascia scampo a Schlegel.

Friborgo - Lugano (1-1 0-1 1-0 1-0) d.p. 3-2
Reti:
6’02’’ Marchon (Mottet, Desharnais) 1-0. 6’28’’ Arcobello (Carr, Josephs) 1-1. 21’54’’ Bertaggia (Guerra) 1-2. 51’30’’ Marchon (Sprunger, Desharnais) 2-2. 63’18’’ Mottet (Gunderson/esp. Alatalo) 3-2.
Friborgo: Berra; Kamerzin, Chavaillaz; Jecker, Gunderson; Sutter, Furrer; Sprunger, Schmid, DiDomenico; Mottet, Desharnais, Marchon; Rossi, Haussener, Bykov; Bougro, Jobin.
Lugano: Schlegel; Müller, Loeffel; Sutter, Riva; Guerra, Chiesa; Wolf; Morini, Herburger, Boedker; Bertaggia, Thürkauf, Fazzini; Josephs, Arcobello, Carr; Stoffel, Walker, Traber; Vedova.
Arbitri: Lemelin (Usa), Kaukokari (Fin); Wolf; Progin
Note: 8’873 spettatori. Penalità: 4 x 2’ contro il Friborgo; 7 x 2’ contro il Lugano. Tiri: 25-35 (3-10, 10-12, 11-11, 2-2). Friborgo senza Dufner, Diaz, Jörg, Walser (infortunati) e Brodin (ammalato); Lugano privo di Herren (infortunati), Hudacek, Irving e Nodari (in soprannumero). Al 16’30’’ rete annullata a Walker (fuorigioco di Stoffel). Al 56’40’’ timeout chiesto dal Friborgo. Al 59’12’’ palo colpito da Carr. Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Nathan Marchon e Daniel Carr.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Bidus
1512
2
KISS of DEATH
1505
3
Futti
1497
4
AmStars
1495
5
Sparta Becherovka
1492
6
LucHC Lions
1471
7
Furrioso
1447
8
Topshelfers
1445
9
HC Frauenkirch
1415
10
Whity Selection
1414
TOP NEWS Sport
Calcio
2 ore
Rabbia Mihajlovic, gioia Pollero
Sentimenti contrastanti a Bellinzona, con l’uruguagio che diventerà papà di una bimba e il ticinese che vorrebbe disporre di strutture migliori
IPPICA
8 ore
Svizzera in finale a Barcellona: sfiderà il Belgio per i Giochi
In attesa di Steve Guerdat, Schmitz, Schwizer, Rutschi e Fuchs centrano l’atto conclusivo al Premio delle nazioni, dove si giocano il posto a Parigi 2024
Hockey
10 ore
Hischier è costretto a fermarsi: avvio di stagione a rischio
Un problema alla coscia obbliga alla pausa forzata il ventitreenne capitano dei New Jersey Devils, a due settimane dall’inizio del campionato Nhl
SCACCHI
10 ore
‘Hans ha barato!’. Adesso la Federazione vuol vederci chiaro
Dopo le proteste della superstar Magnus Carlsen, la Fide apre l’inchiesta sull’accusa nei confronti del rivale americano che già aveva imbrogliato sul web
Tennis
13 ore
L’exploit di Hüsler: batte Carreño Busta e vola in semifinale
Secondo successo in carriera contro un giocatore piazzato nella top 20 per lo zurighese, che a Sofia riesce a piegare la resistenza dell’iberico in 3 set
MOTOCICLISMO
16 ore
Aegerter passerà alla Superbike
L’elvetico premiato dalla Yamaha per le sue prestazioni in Supersport
Hockey
19 ore
Torneo a Friborgo per la Nazionale in dicembre
Fissato anche un match di gala sul ghiaccio di Zurigo per il 9 febbraio 2023, contro la Finlandia
Calcio
20 ore
Coppa Svizzera, due ottavi di finale nel 2023
Il match di Super League fra Lucerna e Basilea, rimandato al 9 novembre, impedisce di completare il turno di Coppa entro fine anno
CANOA
1 gior
Pagaiando in kayak lungo i 1’230 km del Reno
L’emozionante avventura della scorsa estate di due amici ticinesi appassionati di canoa
Calcio
1 gior
Francia, un’inchiesta giornalistica accusa il presidente del Psg
A due mesi dai Mondiali, Libération pubblica la storia di un imprenditore franco-algerino fermato in Qatar ’perché sapeva troppo su Al-Khelaifi’
© Regiopress, All rights reserved