laRegione
26.02.22 - 22:04
Aggiornamento: 27.02.22 - 17:27

Le ingenuità costano care: da Davos a mani vuote

Il Lugano spinge, ci prova, ci crede ma alla fine deve arrendersi, in un weekend senza punti. Anche a causa di un altro gol subito in superiorità numerica

le-ingenuita-costano-care-da-davos-a-mani-vuote
Keystone
Fazzini offre ad Arcobello il disco del provvisorio 1-0

Va a finire che per il Lugano il sabato è simile al venerdì. Ed è un vero peccato che vada a finire in quel modo, perché esattamente come la sera prima contro lo Zugo, Arcobello e compagni partono subito con la marcia avanti inserita. Anzi, di più: per i bianconeri miglior avvio non potrebbe esserci, visto che nei primi due minuti il puck praticamente non esce dal terzo difensivo dei padroni di casa, con Sandro Aeschlimann che si ritrova immediatamente sotto pressione, e in un paio di occasioni (come quella capitata a Walker) al ventisettenne portiere grigionese sarà senz‘altro venuto qualche brivido. Il primo pericolo per Fatton, invece, arriva al quinto minuto. Quando un cambio a dir poco azzardato dei bianconeri spalanca un‘autostrada davanti a Barandun, il quale pur non essendo un attaccante, dal suo punto di vista, vista la situazione avrebbe senz‘altro potuto fare di meglio. E cosa si può fare quando c’è un po’ di spazio a disposizione lo dimostra il Lugano, al 5’43’’: il generosissimo Morini recupera un disco d’oro in attacco, e la triangolazione di prima intenzione con Fazzini e Arcobello si trasforma nella più limpida delle occasioni. Che, appunto, uno dalle qualità dell’americano neppure impegnandosi riuscirebbe a fallire.

Un vantaggio a dir poco meritato, quello dei bianconeri, che a quel punto hanno già tirato undici volte nello specchio della porta del Davos. A cui, però, basta davvero poco per crearsi un’opportunità: gran lancio di Egli (Dominik), e una quarantina di metri più avanti Ambühl si fa trovare oltre i difensori bianconeri, ma Fatton gli chiude la porta in faccia. Fatton che, però, dopo essere stato assistito da Loeffel qualche istante prima (con il difensore numero 58 che riesce ad anticipare il liberissimo Canova), al 12’12’’ nulla può sul centro di Rasmussen ribadito in porta al volo da Rasmussen. Di clamoroso, però, c’è il modo in cui quell’azione nasce: con i bianconeri che a quel punto si trovano in superiorità numerica per un passaggio con la mano fischiato a Chris Egli all’11’59’’, ma dopo una penalità differita sul conto degli stessi bianconeri subito dopo l’ingaggio, improvvisamente i cinque bianconeri in pista si fermano, al contrario di Bromé che rincorre il puck nell’angolo alla sinistra di Fatton, prima di servire al centro il liberissimo Rasmussen, che firma il pareggio al 12’12’’. Da lì in poi, è il Davos a fare la partita, e a un minuto dalla sirena Knak ha sul bastone il puck del 2-1, ma dopo aver scartato Fatton non riesce a centrare la porta.

All’inizio di periodo centrale, nonostante una penalità inflitta a Loeffel sul finire del primo tempo, il Lugano ritrova la verve d’inizio confronto. Poi, 24‘50’’ sono i bianconeri a poter beneficiare di una superiorità numerica, nell’occasione per un bastone alto fischiato a Nygren: anche in quell’occasione, tuttavia, gli uomini di McSorley rischiano di farsi infilare in shorthand, quando Ambühl se ne va tutto solo a sfidare il portiere neocastellano del Lugano, disturbato però all’ultimo dal rientro di Loeffel. Il gol del 2-1 alla fine, però, il Davos lo trova comunque: al 29’40’’, in mischia, con Raphael Prassl, che è il più lesto a tuffarsi su un disco pericolosamente ballonzolante davanti a Fatton. Al 34’, poi, i grigionesi potrebbero beneficiare di 1’17’’ a 5 contro 3: quando Thürkauf si trova già sulla panchina dei cattivi per un colpo di bastone, ai bianconeri viene fischiata una seconda infrazione per ostruzione: in quell’occasione, però, Stransky non si dimostra particolarmente furbo, e si fa spedir fuori a sua volta dopo aver fatto volare per aria il bastone di Josephs una decina di secondi dopo.

Anche in avvio di terzo tempo sono i ticinesi i più pericolosi: prima Carr manca una ghiotta occasione da due passi, poi Walker d‘istinto tocca sulla traversa a portiere battuto. Ai bianconeri basta però solo distrarsi un attimo e il Davos si fa minaccioso. Come al 42’49’’, quando Chris Egli trova un varco in mezzo e Samuel Guerra gli sbarra la strada in qualche modo, beccandosi due minuti per aggancio. Superato il momento delicato, Fazzini e compagni si rimettono a spingere. I tiri ci sono, le occasioni pure, ma gli uomini di Wohlwend chiudono ogni varco. A differenza del Lugano, che si fa infilare ancora una volta in shorthand: disco perso da Alatalo a centropista, Boedker non riesce a intervenire, e sull‘allungo di Prassl si fionda il solito Ambühl, il quale (curiosamente) arma uno slap da due passi e fa secco il povero Fatton al 52’59’’. E la partita, in pratica, si chiude lì.

Davos - Lugano (1-1 1-0 1-0) 3-1
Reti:
5’43’’ Arcobello (Morini, Fazzini) 0-1. 12’12’’ Rasmussen (Bromé/esp. Chris Egli, penalità differita contro il Lugano) 1-1. 29’40’’ Prassl 2-1. 52’59’’ Ambühl (Prassl) 3-1.
Davos:
Aeschlimann; Nygren, Heynen; Dominik Egli, Wellinger; Barandun, Zgraggen; Chris Egli, Corvi, Ambühl; Stransky, Rasmussen, Bromé; Schmutz, Prassl, Frehner; Wieser, Canova, Knak; Simic.
Lugano: Fatton; Müller, Loeffel; Alatalo, Guerra; Wolf, Chiesa; Morini, Arcobello, Fazzini; Josephs, Thürkauf, Carr; Bertaggia, Herburger, Boedker; Stoffel, Walker, Traber; Vedova.
Arbitri: Stricker, Dipietro; Fuchs, Wolf.
Note: 5’236 spettatori. Penalità: 4 x 2’ contro entrambe le squadre. Tiri in porta: 33-42 (13-19, 14-12, 6-11). Davos senza Nussbaumer (infortunato), Stoop (ammalato), Jung (squalificato) e Pospisil (straniero in soprannumero); Lugano privo di Herren, Schlegel, Fadani (infortunati), Riva (ammalato), Irving (straniero in soprannumero). Al 21’34’’ traversa colpita da Walker. Al 58’17’’ timeout chiesto dal Lugano, che gioca senza portiere dal 58’27’’ e fino al termine. Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Denis Rasmussen e Thibault Fatton.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Bidus
1512
2
KISS of DEATH
1505
3
Futti
1497
4
AmStars
1495
5
Sparta Becherovka
1492
6
LucHC Lions
1471
7
Furrioso
1447
8
Topshelfers
1445
9
HC Frauenkirch
1415
10
Whity Selection
1414
TOP NEWS Sport
Calcio
2 ore
Rabbia Mihajlovic, gioia Pollero
Sentimenti contrastanti a Bellinzona, con l’uruguagio che diventerà papà di una bimba e il ticinese che vorrebbe disporre di strutture migliori
IPPICA
9 ore
Svizzera in finale a Barcellona: sfiderà il Belgio per i Giochi
In attesa di Steve Guerdat, Schmitz, Schwizer, Rutschi e Fuchs centrano l’atto conclusivo al Premio delle nazioni, dove si giocano il posto a Parigi 2024
Hockey
10 ore
Hischier è costretto a fermarsi: avvio di stagione a rischio
Un problema alla coscia obbliga alla pausa forzata il ventitreenne capitano dei New Jersey Devils, a due settimane dall’inizio del campionato Nhl
SCACCHI
11 ore
‘Hans ha barato!’. Adesso la Federazione vuol vederci chiaro
Dopo le proteste della superstar Magnus Carlsen, la Fide apre l’inchiesta sull’accusa nei confronti del rivale americano che già aveva imbrogliato sul web
Tennis
13 ore
L’exploit di Hüsler: batte Carreño Busta e vola in semifinale
Secondo successo in carriera contro un giocatore piazzato nella top 20 per lo zurighese, che a Sofia riesce a piegare la resistenza dell’iberico in 3 set
MOTOCICLISMO
16 ore
Aegerter passerà alla Superbike
L’elvetico premiato dalla Yamaha per le sue prestazioni in Supersport
Hockey
19 ore
Torneo a Friborgo per la Nazionale in dicembre
Fissato anche un match di gala sul ghiaccio di Zurigo per il 9 febbraio 2023, contro la Finlandia
Calcio
20 ore
Coppa Svizzera, due ottavi di finale nel 2023
Il match di Super League fra Lucerna e Basilea, rimandato al 9 novembre, impedisce di completare il turno di Coppa entro fine anno
CANOA
1 gior
Pagaiando in kayak lungo i 1’230 km del Reno
L’emozionante avventura della scorsa estate di due amici ticinesi appassionati di canoa
Calcio
1 gior
Francia, un’inchiesta giornalistica accusa il presidente del Psg
A due mesi dai Mondiali, Libération pubblica la storia di un imprenditore franco-algerino fermato in Qatar ’perché sapeva troppo su Al-Khelaifi’
© Regiopress, All rights reserved