laRegione
03.09.21 - 18:38

Apple ritarda il lancio del software contro la pedopornografia

L'annuncio di Cupertino segue la pioggia di critiche da parte degli attivisti della privacy e non solo, c'è chi teme violazioni indiscriminate

Ats, a cura de laRegione
apple-ritarda-il-lancio-del-software-contro-la-pedopornografia
Un aggiornamento del software che non fa l'unanimità (foto Keystone)

L'aggiornamento che Apple voleva introdurre prevedeva la scansione delle immagini caricate dagli utenti su iCloud e sui propri dispositivi, con la successiva segnalazione di eventuali abusi.

"Lo scorso mese abbiamo annunciato un piano che puntava a proteggere i bambini dai predatori che usano i mezzi di comunicazione per attirarli e usarli e per limitare la circolazione di materiale pedopornografico. Sulla base dei commenti di consumatori, ricercatori e altri, abbiamo deciso di prenderci altro tempo per effettuare miglioramenti prima del lancio" del software, afferma Apple che puntava a introdurre le nuove funzioni quest'anno.

La retromarcia di Cupertino è legata alle violente critiche che le sono piovute addosso da più parti, soprattutto dopo che per anni Apple è stata la paladina della Silicon Valley nella tutela dei dati personali. I gruppi a tutela della privacy hanno denunciato come un tale software avrebbe consentito per la prima volta a un'azienda di guardare ai dati privati dei suoi utenti e, in caso di abusi, denunciarli alle autorità.

In una lettera aperta - firmata anche da diverse no profit e che ha raccolto quasi 8'000 firme, inclusa quella di Edward Snowden - molti esperti di criptaggio hanno invece osservato come il software avrebbe potuto essere utilizzato in altre modalità, aprendo la porta alla persecuzione di dissidenti, alla sorveglianza e alla censura.

"Non possiamo essere sicuri che Apple sia in grado di resistere sempre alle possibili richieste dei governi sulla scansione di ulteriore materiale sugli iPhone", ha detto l'American Civil Liberties Union criticando il software.

Nelle ultime settimane Apple ha difeso la sua iniziativa, parlando dell'utilizzo di tecniche all'avanguardia per assicurare la tutela delle immagini caricate dagli utenti sui propri dispositivi. Rassicurazioni che però sono cadute nel vuoto. Il passo indietro di Cupertino delude invece gli attivisti della tutela dei bimbi dalla pedopornografia, che si dicono "profondamente delusi" dalla decisione. Apple - sostengono - avrebbe dovuto andare avanti sulla sua strada.

Ma farlo avrebbe esposto la società a critiche in grado di indebolire la propria posizione in un momento in cui la Big Tech è al centro dei pensieri del Congresso in termini di una stretta della regolamentazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Tecnologia
Tecnologia
5 gior
Va usato diversamente! Tecnologie e usi inattesi
Le Big Tech sono in difficoltà anche perché gli utenti non sempre si comportano come le aziende sperano. Come spesso accade
TECNOLOGIA
1 mese
Tecnologia: un’alleata, non una nemica
Prudenza e regole, ma non sprechiamo l’immenso potenziale che il digitale offre all’educazione e alla crescita
Tecnologia
1 mese
L’ondata Covid in Cina? Una minaccia per Apple
Gli analisti temono per il trimestre in corso un calo dei ricavi sotto i 123,9 miliardi di dollari dello scorso anno
Tecnologia
1 mese
Twitter, nuove regole per bloccare l’incitamento all’odio
Il social annuncia che i tweet con parole vietate o di incitamento all’odio verranno valutati in base al contesto e penalizzati nella diffusione
Tecnologia
1 mese
Twitter avvia da domani gli abbonamenti premium
Da domani con 8 dollari al mese (11 su iPhone) sarà possibile ottenere la famosa (o famigerata) spunta blu e modificare i tweet già pubblicati
TECNOLOGIA
2 mesi
L’essere umano sempre al centro
L’intelligenza artificiale a 25 anni dalla prima sfida vinta da un computer contro un campione del mondo di scacchi
Tecnologia
2 mesi
Facebook, via dai profili preferenze religiose e politiche
Dal primo dicembre il social cambia in favore della privacy
Tecnologia
2 mesi
Musk riammette Trump su Twitter, ma lui resta su Truth
Il nuovo patron del social network ha riattivato l’account dell’ex presidente Usa dopo un sondaggio fra gli utenti
Tecnologia
2 mesi
Mentre Twitter e Meta licenziano, TikTok continua ad assumere
La piattaforma cinese è impegnata in un piano triennale di reclutamento di circa 3’000 ingegneri nelle sue sedi in tutto il mondo
Tecnologia
3 mesi
Google parlerà tutte le lingue, pure quelle delle... catastrofi
Sono i tre passi avanti del motore di ricerca fra i più utilizzati al mondo: dall’inclusione alle allerte a una maggiore risoluzione dei video
© Regiopress, All rights reserved