laRegione
Venezia
1
Fiorentina
0
2. tempo
(1-0)
apple-ritarda-il-lancio-del-software-contro-la-pedopornografia
Un aggiornamento del software che non fa l'unanimità (foto Keystone)
Tecnologia
03.09.21 - 18:380

Apple ritarda il lancio del software contro la pedopornografia

L'annuncio di Cupertino segue la pioggia di critiche da parte degli attivisti della privacy e non solo, c'è chi teme violazioni indiscriminate

L'aggiornamento che Apple voleva introdurre prevedeva la scansione delle immagini caricate dagli utenti su iCloud e sui propri dispositivi, con la successiva segnalazione di eventuali abusi.

"Lo scorso mese abbiamo annunciato un piano che puntava a proteggere i bambini dai predatori che usano i mezzi di comunicazione per attirarli e usarli e per limitare la circolazione di materiale pedopornografico. Sulla base dei commenti di consumatori, ricercatori e altri, abbiamo deciso di prenderci altro tempo per effettuare miglioramenti prima del lancio" del software, afferma Apple che puntava a introdurre le nuove funzioni quest'anno.

La retromarcia di Cupertino è legata alle violente critiche che le sono piovute addosso da più parti, soprattutto dopo che per anni Apple è stata la paladina della Silicon Valley nella tutela dei dati personali. I gruppi a tutela della privacy hanno denunciato come un tale software avrebbe consentito per la prima volta a un'azienda di guardare ai dati privati dei suoi utenti e, in caso di abusi, denunciarli alle autorità.

In una lettera aperta - firmata anche da diverse no profit e che ha raccolto quasi 8'000 firme, inclusa quella di Edward Snowden - molti esperti di criptaggio hanno invece osservato come il software avrebbe potuto essere utilizzato in altre modalità, aprendo la porta alla persecuzione di dissidenti, alla sorveglianza e alla censura.

"Non possiamo essere sicuri che Apple sia in grado di resistere sempre alle possibili richieste dei governi sulla scansione di ulteriore materiale sugli iPhone", ha detto l'American Civil Liberties Union criticando il software.

Nelle ultime settimane Apple ha difeso la sua iniziativa, parlando dell'utilizzo di tecniche all'avanguardia per assicurare la tutela delle immagini caricate dagli utenti sui propri dispositivi. Rassicurazioni che però sono cadute nel vuoto. Il passo indietro di Cupertino delude invece gli attivisti della tutela dei bimbi dalla pedopornografia, che si dicono "profondamente delusi" dalla decisione. Apple - sostengono - avrebbe dovuto andare avanti sulla sua strada.

Ma farlo avrebbe esposto la società a critiche in grado di indebolire la propria posizione in un momento in cui la Big Tech è al centro dei pensieri del Congresso in termini di una stretta della regolamentazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Tecnologia
Tecnologia
1 sett
Arriva da oggi Windows 11, ma non da subito per tutti
L’aggiornamento del sistema operativo di Microsoft è stato rilasciato oggi ma sarà disponibile gradualmente entro il 2022
Tecnologia
2 sett
Facebook, Instagram e WhatsApp sono in down
Problemi di connessione con i tre grandi social network. Sui siti specializzati piovono le segnalazioni dalle 17.20 circa.
Tecnologia
3 sett
Un miliardo di persone al mese usano TikTok
Da luglio 2020 gli utenti sono cresciuti del 45 per cento. Stati Uniti, Europa, Brasile e Sud-Est asiatico i mercati più grandi dell’app di video brevi
Tecnologia
3 sett
Instagram sospende il progetto di social per ‘under 13’
Instagram Kids va in stand by. Nei giorni scorsi era stata pubblicata un’inchiesta sui danni del social agli adolescenti, soprattutto alle ragazze
Tecnologia
3 sett
Tanti auguri al floppy disk, splendido cinquantenne
I primi dischi da 8 pollici avevano quasi le dimensioni di un foglio A4. La tecnologia è alla base delle moderne memorie per smartphone
Tecnologia
1 mese
Addio a Sir Clive Sinclair, pioniere dell’home computing
Il suo ZX Spectrum è stato uno degli home computer di maggior successo degli anni 80, una delle icone della generazione 8bit e grande rivale del Commodore 64
Tecnologia
1 mese
Instagram mette in crisi le adolescenti. E lo dice Facebook
Il Wsj ha pubblicato una ricerca interna della società proprietaria del social: una giovane su tre sviluppa disturbi di percezione del proprio corpo
Tecnologia
1 mese
Su Fifa 22 non si potrà giocare con la Nazionale svizzera
La casa produttrice del gioco Ea Sports ha lasciato fuori la Nati dalla lista delle squadre giocabili. L’Asf: ’Sorpresi e delusi, appreso tramite stampa'
Tecnologia
1 mese
Facebook chiude un occhio per i Vip
Secondo un’inchiesta del Wall Street Journal, la società ha creato un programma che esenta le celebrità dal rispetto degli standard di comportamento sul social
Tecnologia
1 mese
Marte: si cercano tracce di vita su campioni di pietra
Montdenier e Montagnac sono i nomi dati ai due frammenti di roccia, sottili come una matita e lunghi circa sei centimetri
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile