laRegione
17.07.22 - 08:20
Aggiornamento: 15:14

Su iOS 16, la ‘modalità di blocco’ migliora la privacy

La nuova funzionalità, che permette di proteggere la sfera privata dei suoi utenti, è stata pensata in particolare per attivisti e giornalisti

Ansa, a cura di Red.Web
su-ios-16-la-modalita-di-blocco-migliora-la-privacy
Keystone
C’è del nuovo nella ‘Mela’

Nei giorni scorsi, Apple ha rilasciato agli sviluppatori la terza beta di iOS 16. Il prossimo sistema operativo per iPhone, che sarà rilasciato pubblicamente in autunno insieme alla presentazione degli iPhone 14, introduce la ‘modalità di blocco’. Conosciuta in inglese come ‘lockdown mode’, si tratta dell’ennesimo tentativo del colosso di Cupertino di proteggere la privacy dei suoi utenti.

Una volta attivata all’interno delle impostazioni del cellulare, la modalità impedisce a terzi, tanto connessi da remoto quanto fisicamente con lo smartphone, di accedere a informazioni sensibili, tra cui le email, la rubrica, foto e video presenti sul dispositivo.

La stessa Apple ha affermato che una novità del genere è pensata per attivisti e giornalisti che, sempre di più, cadono sotto l’operato di agenzie che concedono a Governi ed enti la possibilità di violare i telefonini, con software spia.

La lockdown mode blocca tutti i tipi di allegati e disabilita le anteprime dei collegamenti in Messaggi. Blocca le chiamate FaceTime, gli inviti e le richieste di servizio in arrivo da soggetti sconosciuti. Ferma le connessioni cablate a computer o periferiche quando il dispositivo è bloccato e non permette l’attivazione di alcune tecnologie web, come la compilazione JavaScript, che può nascondere insidie di sicurezza.

Nell’ottobre 2021, Apple aveva citato in giudizio lo sviluppatore Nso Group per il programma Pegasus, di fatto un virus che spia ogni elemento del device e i dati in esso contenuti. Pegasus è stato utilizzato da vari Paesi per tracciare dissidenti, giornalisti e altri presunti oppositori dei governanti.

Per Ivan Krstic, capo dell’ingegneria e dell’architettura della sicurezza di Apple, "la modalità di blocco è rivoluzionaria e riflette il nostro impegno nel voler proteggere gli utenti anche dagli attacchi più rari e sofisticati".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
15 min
Diabolik, Eva Kant compie 60 anni
L’esordio dell’affascinante compagna del protagonista nel terzo numero del fumetto nel ’53. La Zecca italiana emetterà una moneta da collezione
Microcosmi/Microcinema
46 min
Cinelario. Esserci, è la parola.
A Menaggio, la sala animata da ‘cineD’AUTORE’ è un valore per una comunità piuttosto povera di iniziative culturali, uno spazio per creare relazioni
La recensione
3 ore
Accorsi e Finzi Pasca, gioie e dolori del calcio
Sala Teatro piena, giovedì sera al Lac, per la prima luganese di ‘Azul’
Culture
6 ore
La tensione verso l’infinito del testardo Anton Bruckner
A colloquio col Maestro Francesco Angelico, che dirigerà l’Ottava sinfonia del compositore austriaco con l’Orchestra sinfonica del Conservatorio di Lugano
Scienze
20 ore
La Terra ha un suo sosia. Si chiama Wolf 1069 b
Il pianeta, scoperto grazie al progetto Carmenes (attivo dal 2016) dista 31 anni luce dal nostro e verosimilmente potrebbe essere abitabile
Culture
20 ore
Addio a Paco Rabanne
Lo stilista spagnolo è morto all’età di 88 anni a Portsall, in Francia. Era ribelle e provocatorio.
Musica
1 gior
‘On&On’ di Iris Moné, la tristezza può diventare oro
La cantautrice ticinese, che vive a San Diego, è tornata in Ticino per stare vicino alla madre. Dagli ultimi giorni insieme a lei è nata una canzone
Spettacoli
1 gior
‘Figli di E.’, un dono e un vuoto grandi come solo l’amore
Domenica a ‘Storie’ il percorso di Marta e Tazio dopo la tragica scomparsa del papà Erminio Ferrari, in un toccante documentario di Fabrizio Albertini
Musica
1 gior
A Carlo, il Conservatorio in Festival
È una lunga dedica al Ciceri che non c’è più la seconda edizione dell’evento, dal 6 al 12 febbraio tra aule, Lac e altre sale da concerto cittadine
Lac
1 gior
Ulisse Artico solo fra i ghiacci
Lina Prosa reinterpreta gesta e peripezie del mito classico in un futuro apocalittico. Ne abbiamo parlato con Carmelo Rifici, nel ruolo di regista
© Regiopress, All rights reserved