laRegione
disagi-tutto-l-anno-nuova-caserma-per-le-guardie-svizzere
Keystone
Angeli custodi
01.05.22 - 18:18
Aggiornamento: 20:16
di Manuel Tulli, Ansa

Disagi tutto l’anno: nuova caserma per le Guardie Svizzere

D‘inverno fredda e umida, d’estate la chiamano ‘California’. Presto una struttura con più comfort e adeguata a ospitare i 135 ‘angeli custodi’ del Papa

D’inverno fa freddo ed è umido, d’estate fa talmente caldo che tra commilitoni la chiamano ‘California’. È la caserma delle Guardie Svizzere, una costruzione datata e ormai non adeguata nemmeno ai numeri del contingente che sono cresciuti. Per questo va in porto il progetto di una nuova caserma, con più comfort e destinata a ospitare i 135 ‘angeli custodi’ del Papa previsti dal nuovo organico deciso dal 2015. A raccogliere fondi per la nuova realizzazione è la ‘Fondazione per il Restauro della Caserma della Guardia Svizzera Pontificia in Vaticano’, che il 4 maggio firmerà un protocollo d’intesa con la Segreteria di Stato vaticana. "Questo importante atto ha luogo nel contesto delle celebrazioni per il solenne giuramento della Guardia Svizzera Pontificia, che commemora il sacrificio eroico delle 147 guardie cadute durante il ‘Sacco di Roma’ in difesa di Papa Clemente VII", sottolineano le stesse Guardie Svizzere.

La caserma, una costruzione storica del Diciannovesimo secolo, è all’interno delle mura vaticane, subito dopo Porta Sant’Anna. È di fatto la via d’ingresso più frequentata perché da lì si arriva subito alla farmacia, all’annona e anche ad altri servizi che vedono la presenza di pellegrini, come il servizio fotografico dell’Osservatore Romano e l’Elemosineria che, oltre a operare per aiutare i più bisognosi, distribuisce le gettonatissime pergamene di auguri benedette dal Papa. Per questo i lavori cominceranno nel 2026, dopo la fine dell’Anno Santo del 2025. In pieno Giubileo "un cantiere sarebbe un problema", sottolineava qualche giorno fa la fondazione svizzera. Difficile a questo punto raggiungere l’obiettivo del 2027, quando si celebreranno i 500 anni del Sacco di Roma.

Le attuali camerate, che ospitano fino a dieci guardie, con i bagni in comune, dovrebbero essere sostituite da mini-appartamenti con bagno privato per accogliere una o due guardie. Ma è pensabile che verranno predisposti dei locali capaci di ospitare anche quei soldati che hanno famiglia. Con questo progetto la caserma delle Guardie Svizzere si adegua per poter ospitare, in futuro, anche donne-alabardiere. È una prospettiva al momento solo sulla carta perché l’esercito più piccolo del mondo è "un Corpo esclusivamente maschile", come sottolinea lo stesso sito ufficiale.

La fondazione, presieduta da Jean-Pierre Roth, ex presidente della Banca Nazionale Svizzera, avrebbe già raccolto oltre 42 milioni di franchi, comprese donazioni di privati e di fondazioni. Per il completamento dell’opera si parla della necessità di arrivare a un budget tra i 45 e i 50 milioni di franchi. I dettagli verranno però resi noti la prossima settimana.

Leggi anche:

Vaticano, il 6 maggio giurano 36 reclute della Guardia Svizzera

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
città del vaticano guardie svizzere nuova caserma papa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Curiosità
Curiosità
2 gior
Ponti dorati: 35 milioni per quello di Waterloo dipinto da Monet
Cifra da capogiro per l’opera realizzata nel 1904, partita con un piede d’asta di 20 milioni di sterline. Cinque i privati a contendersela
Curiosità
3 gior
La prima chitarra non si scorda mai: ritrovata 46 anni dopo
Un rocker canadese vola in Giappone per riabbracciare la sua Gretsch, che gli era stata sottratta a Toronto nel 1976
Curiosità
4 gior
Anche il Borscht diventa patrimonio dell’Unesco
Il piatto tipico della cucina ucraina verrà iscritto fra i beni culturali immateriali: chiuso con un anno d’anticipo l’iter avviato nel 2019
Curiosità
6 gior
Battuta all’asta una ciliegia (una sola!) per 282 franchi
Per il loro sapore dolce e la gradevolezza al palato, i frutti della qualità Juno Heart sono ritenuti un articolo da regalo di alta fascia
Curiosità
1 sett
La Torre del Moron perde i pezzi, Mario Botta: ‘Rattristato’
Inaugurata 18 anni fa, perde gli scalini esterni. L’architetto ticinese ricorda di averla disegnata, ma di non averne seguito la costruzione
Curiosità
1 sett
Robot razzista e sessista addestrato sul web
Fa discutere un esperimento condotto negli Stati Uniti, dove un robot ha imparato ad agire secondo stereotipi comuni
Curiosità
1 sett
Il Toblerone verrà prodotto anche in Slovacchia
Secondo la radio Srf, non potrà più essere etichettato come ‘cioccolato al latte svizzero’. Lo spostamento di parte della produzione avverrà a fine 2023.
Curiosità
2 sett
La carta batte il sasso, Maika 1° e Pogacar 2° alla morra cinese
Il due volte vincitore di Tour de France e lo scalatore polacco al Giro di Slovenia, già sicuri della vittoria, si sono giocati il primo posto.
Curiosità
2 sett
Zoo di Berna, parto di alci dopo undici anni
Si tratta di due gemelli che hanno trascorso le prime settimane insieme alla madre in un recinto al riparo dagli sguardi del pubblico.
Curiosità
2 sett
Lunga vita agli iconici panni stesi sui balconi di Napoli
Eliminata dalla bozza del regolamento comunale la parte dedicata al decoro urbano che ne prevedeva il divieto
© Regiopress, All rights reserved