laRegione
di-demolizioni-silenzi-stampa-e-risposte-che-tardano
(Ti-Press)
09.06.21 - 05:25
Aggiornamento : 11:15

Di demolizioni, silenzi stampa e risposte che tardano

Dopo la distruzione all’ex Macello le autorità sono reticenti. Silenzio non solo sull’autogestione, ma soprattutto sul modo in cui si usa il potere

Prima il silenzio stampa, come calciatori bizzosi dopo una partita storta. Ora al massimo qualche dichiarazione di circostanza, solo per ribadire che non si era capito bene cosa stesse succedendo. Il Municipio di Lugano continua a essere reticente sulla parziale demolizione dell’ex Macello, e con esso il Dipartimento delle istituzioni, responsabile della polizia. C’è un’inchiesta in corso, si dice: certo, ma al di là delle responsabilità legali, mancano le spiegazioni politiche. Spiegazioni che sollecitiamo non perché inebriati dall’autogestione, ma perché se le ruspe tirano giù un centro sociale in piena notte e all’improvviso, poi è ragionevole farsi venire qualche dubbio circa l’uso del potere e della forza. Senza moralismi: si vorrebbe solo capire chi ha deciso cosa, quanto ci sia stato di deliberazione e quanto d’improvvisazione. Sabato in piazza c’erano migliaia di persone, inclusi moderati e liberali. Non erano lì per rovesciare lo Stato, ma per difenderne il diritto e ottenere qualcosa in più dei “non sapevamo nulla”, degli “e allora le scritte sui muri?”, delle bocche cucite. Qualcosa come una risposta, ad esempio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ex macello lugano molino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
1 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
2 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
2 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
3 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
3 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
4 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
5 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
6 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
1 sett
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
© Regiopress, All rights reserved