laRegione
Svizzera
Turchia
18:00
 
Italia
Galles
18:00
 
BRENGLE M. (USA)
GOLUBIC V. (SUI)
17:45
 
SAMSONOVA L. (RUS)
1
BENCIC B. (SUI)
1
3 set
(1-6 : 6-1 : 4-3)
di-demolizioni-silenzi-stampa-e-risposte-che-tardano
(Ti-Press)
La formica rossa
09.06.21 - 05:250
Aggiornamento : 11:15

Di demolizioni, silenzi stampa e risposte che tardano

Dopo la distruzione all’ex Macello le autorità sono reticenti. Silenzio non solo sull’autogestione, ma soprattutto sul modo in cui si usa il potere

Prima il silenzio stampa, come calciatori bizzosi dopo una partita storta. Ora al massimo qualche dichiarazione di circostanza, solo per ribadire che non si era capito bene cosa stesse succedendo. Il Municipio di Lugano continua a essere reticente sulla parziale demolizione dell’ex Macello, e con esso il Dipartimento delle istituzioni, responsabile della polizia. C’è un’inchiesta in corso, si dice: certo, ma al di là delle responsabilità legali, mancano le spiegazioni politiche. Spiegazioni che sollecitiamo non perché inebriati dall’autogestione, ma perché se le ruspe tirano giù un centro sociale in piena notte e all’improvviso, poi è ragionevole farsi venire qualche dubbio circa l’uso del potere e della forza. Senza moralismi: si vorrebbe solo capire chi ha deciso cosa, quanto ci sia stato di deliberazione e quanto d’improvvisazione. Sabato in piazza c’erano migliaia di persone, inclusi moderati e liberali. Non erano lì per rovesciare lo Stato, ma per difenderne il diritto e ottenere qualcosa in più dei “non sapevamo nulla”, degli “e allora le scritte sui muri?”, delle bocche cucite. Qualcosa come una risposta, ad esempio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
L’importanza di chiamarsi Orbán
Il premier ungherese apparecchia la giornata perfetta, per lui, tra leggi omofobe e sfida calcistica al Portogallo. A tradirlo sarà sempre Orbán
Gallery
Commento
2 gior
Cercasi maturità, prima che talento e qualità
In seno alla Nazionale spuntano accenni di leggerezza e superficialità. La fragilità tecnica era ipotizzabile, tuttavia manca qualcosa a livello di atteggiamento
Commento
3 gior
Due passi a Lugano, dal Macello a Cornaredo
Il Macello trasmette la grande tristezza di un'esperienza soffocata. Cornaredo, con i campi deserti, è un limbo di città, con tanto verde transennato
La formica rossa
3 gior
Biden, Putin e un giro a bordo della DeLorean
Viaggio nel passato: se avessimo fatto vedere a Reagan e a Gorbaciov la foto dell’incontro di ieri forse il mondo di oggi sarebbe tutt’altro luogo
Commento
4 gior
La piccola Guerra Fredda di Biden e Putin
Biden e Putin a Ginevra, uno davanti all'altro eppure lontanissimi, tra interessi internazionali e insulti personali
Commento
4 gior
L'‘offensiva liberale’ abbia al centro anche la persona
Domani in comitato cantonale il Plr parlerà del progetto di rilancio, in cui Speziali si gioca molto tra tante aspettative e bisogni della popolazione
Commento
5 gior
Realpolitik alla ginevrina
Biden e Putin verso un summit che non fa presagire nulla di buono. Ma il precedente Reagan-Gorbaciov, in piena Guerra fredda, può farci sperare.
Commento
5 gior
Eriksen e le gazzette del voyeur
La tragedia sfiorata in campo del giocatore danese ha fatto dare il peggio a pagine social e media internazionali, che hanno preferito la morbosità alla cronaca
Commento
5 gior
L’arduo compito del successore di Petra Gössi
La presidente del Plr rassegna le dimissioni. La svittese lascia con un bilancio in chiaroscuro un partito che si trova di nuovo in una spirale discendente.
Commento
6 gior
Il clima, i pesticidi e una domenica ironicamente tragica
La fossa alla legge sul CO2 è stata scavata nelle zone rurali, da chi in nome della sopravvivenza dell’agricoltura si è battuto contro le due iniziative
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile