laRegione
lugano-verso-il-braccio-di-ferro-fra-autogestione-e-citta
Un'istantanea dell'assemblea del Csoa alla Foce (Ti-Press)
laR
 
22.03.21 - 06:00
Aggiornamento : 14:28

Lugano, verso il braccio di ferro fra autogestione e Città

Difficile che il dialogo possa ripartire dopo l'ultimatum del Municipio. Pare così giunta al capolinea l'esperienza negli spazi dell'ex Macello

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La contestazione dà forma all’autogestione, non solo a Lugano. Dalle discussioni tenute nell’assemblea allargata del centro sociale riunita alla Foce è emerso questo pilastro sul quale poggia la pluridecennale esperienza cittadina, così come viene interpretata da coloro che partecipano regolarmente alle attività nell’ex Macello. Peraltro, protesta e lotta contro le regole del sistema politico, economico e sociale fanno parte del Dna di queste esperienze a Lugano, come altrove in Svizzera e all’estero. Sono espressioni e manifestazioni che danno voce a un malessere che, secondo i promotori, non hanno bisogno di alcuna autorizzazione governativa per scendere in piazza o sulle strade. Tentare di escluderle, appare un approccio sterile e inefficace perché riteniamo che continueranno a esistere anche senza uno spazio fisico.

Venendo al dunque, pare abbia i giorni contati l’autogestione nei locali dell’ex Macello concessi dall'allora esecutivo guidato da Giorgio Giudici e Giuliano Bignasca poco meno di 19 anni fa, lo ricordiamo, obtorto collo e per evitare le proteste quotidiane che proseguirono per oltre due mesi dopo lo sgombero forzato del Maglio di Canobbio ordinato dal Consiglio di Stato. Ci si sta avviando verso un capolinea già 'esplorato' nel 2002. Difficile intravvedere vie d’uscite per tornare al dialogo e rilanciare una trattativa ripetutamente interrotta e mai decollata. Tantomeno in una ventina di giorni, il tempo concesso dal Municipio di Lugano che esce da questa vicenda lacerato con la decisione presa a maggioranza risicata (4 a 3). Non vogliamo attribuire la responsabilità di questo stallo a nessuna delle due parti. Ci limitiamo a constatare che saranno probabilmente (ancora una volta) i rapporti di forza a disegnare il futuro di questa esperienza.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autogestione dialogo ex macello lugano municipio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
1 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
2 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
2 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
3 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
3 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
4 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
5 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
6 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
1 sett
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
© Regiopress, All rights reserved