laRegione
07.05.21 - 11:21
Aggiornamento: 17:09

Ex Macello a Lugano, Aida: 'Si riconosca l'autogestione'

L'associazione deplora l'atteggiamento del Municipio che porta avanti il braccio di ferro mentre lo sgombero non è urgente né necessario

ex-macello-a-lugano-aida-si-riconosca-l-autogestione
L'ex Macello, una parte del quale è occupato dal centro sociale (Ti-Press)

Ex Macello: la questione viene rimandata almeno di una settimana. Scaduto ieri il termine, la procedura esecutiva della disdetta della convenzione siglata fra le parti (Cantone, Città e centro sociale) tornerà sul tavolo del Municipio di Lugano settimana prossima. A Palazzo Civico, l'esecutivo probabilmente si riconterà ma gli equilibri a favore dello sgombero (a maggioranza 4 a 3) non dovrebbero mutare. Nel frattempo, l'Aida, Associazione idea autogestione denuncia la pressione sulla comunità autogestita aumentata, mentre di pari passo l’assemblea del Csoa si organizza. L'associazione deplora "il braccio di ferro con cui la città vuole portare avanti la soluzione finale. Una maniera di fare che corrisponde "con gli atteggiamenti usati in campagna elettorale perché non c’è nessun oggettivo motivo per proseguire nell’intento dello sgombero!". Eppure, sottolinea l'associazione, i membri del centro sociale "hanno dato prova coi fatti che sono una realtà non bellicosa se non provocati. Hanno dato prova di organizzazione, di dibattito pubblico aperto sulle piazze della città. È un mondo e una realtà da conoscere mettendo da parte i preconcetti e l’astio nei loro confronti anche se la loro visione di società è fortemente antagonista". Quindi che fare? Aida ribadisce che il primo passo è il riconoscimento, il diritto di cittadinanza dell’autogestione in città! Questo deve essere il primo atto ufficiale, poi i dettagli sono altra cosa e di tempo per un accordo ce n’è assai"

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino
Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali
Bellinzonese
1 ora
Tragedia in montagna, monitori indagati per omicidio colposo
Inchiesta sui due 14enni varesini morti sopra Ghirone: gli accompagnatori respingono le accuse riguardo alla scelta del sentiero impervio non ufficiale
Bellinzonese
6 ore
Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca
Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
9 ore
Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale
Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
9 ore
‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’
Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
10 ore
Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’
‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Ticino
11 ore
Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’
Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
12 ore
A Sementina scocca l’ora della tanto attesa nuova scuola
Il Municipio di Bellinzona rispedisce al mittente la critica e il timore che si voglia procedere con una soluzione d’urgenza provvisoria
Grigioni
14 ore
La strada della Calanca riaperta già oggi alle 16
Lo ha deciso l’Ufficio tecnico cantonale: ultimati prima del previsto i lavori di sgombero e di parziale ripristino
Luganese
15 ore
Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità
L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi
© Regiopress, All rights reserved