laRegione
la-bomba-svizzera-di-lukashenko
Alexander Lukashenko, anche noto come 'l'ultimo dittatore di Europa' (Keystone)
27.05.21 - 05:30

La bomba svizzera di Lukashenko

Dopo la smentita di Berna c’è solo da sperare che neppure le banche elvetiche abbiano a che fare con il satrapo di Minsk

“Su quell’aereo della Ryanair c’era una bomba, ci hanno detto. Una bomba di Hamas. Chi ce l’ha detto? Ce l’hanno detto gli svizzeri”. Certo che è difficile, sentendo Lukashenko, non pensare a quei momenti di terrore alle Medie quando il prof ti sgamava per una bravata. Quell’istante in cui qualsiasi scusa diventa buona pur di salvare la faccia (scusa che, tra l’altro, va trovata in fretta). Chi ci è passato lo sa: la cosa migliore è dare la colpa agli altri, a qualcuno con una reputazione da bravo ragazzo, a quello che non dice mai una parola di troppo (ma che in realtà sa tutto di tutti). Il presidente bielorusso non ha quindi esitato a tirare in ballo la Confederazione quale sua ‘fonte’, quella che avrebbe segnalato agli agenti del Kgb il presunto ordigno a bordo dell’aereo che portava il giornalista dissidente Roman Protasevich da Atene verso Vilnius.

Immediata la smentita giunta da Berna: nessun coinvolgimento svizzero nella vicenda. Per fortuna. A questo punto c’è solo da sperare che neppure le banche elvetiche abbiano a che fare con il satrapo di Minsk. Né con lui, né con i suoi ‘tesori’.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alexander lukashenko bielorussia minsk roman protasevich
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior
I bastian contrari
Commento
1 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
© Regiopress, All rights reserved