laRegione
casse-malati-meglio-un-pareggio-che-l-ennesima-botta
Nell’ultimo decennio i premi hanno registrato un incremento medio del 2,4% annuo (Keystone)
laR
 
29.09.21 - 05:30

Casse malati, meglio un pareggio che l’ennesima botta

Il minimo ribasso dei premi non è casuale, ma causale: c’entrano la pandemia e la riduzione volontaria delle riserve. Il problema di fondo però permane

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

L’anno scorso avevamo preso un ceffone in piena faccia. Nel bel mezzo dell’emergenza pandemica, da Berna era stato annunciato per il Ticino l’aumento dei premi di cassa malati più marcato di tutta la Svizzera (+2,1%). Un aumento che il direttore del Dss Raffaele De Rosa non aveva esitato a definire “ingiusto e ingiustificato”. Dodici mesi dopo, la prudenza era dunque d’obbligo alla vigilia del consueto appuntamento autunnale con le autorità sanitarie federali.

Ci si poteva aspettare l’ennesima botta, invece i dati forniti ieri dal consigliere federale Alain Berset hanno evidenziato una diminuzione media dei premi assicurativi di cassa malati dello 0,2% a livello nazionale, dello 0,1% in Ticino. Un ribasso che non si vedeva dal 2008 in Svizzera (dal 2012 in Ticino), con i premi che nell’ultimo decennio hanno registrato un incremento medio del 2,4%.

Come fare a non essere, almeno in parte, soddisfatti dalla notizia? Forse soddisfatti è troppo, diciamo sollevati. Praticamente un pareggio che vale quasi una vittoria, a guardare il bicchiere mezzo pieno. Soprattutto se si tiene conto che questa è una partita che si gioca contro una delle corporazioni più potenti della Confederazione.

Pure sollevato, ma piuttosto cauto, il consigliere di Stato De Rosa ha definito la diminuzione dei premi “un timido passo nella giusta direzione”, che se non altro ha il merito di dare “un po’ di tregua in un momento di incertezza e di difficoltà per molti cittadini”.

In ogni caso il minimo ribasso non è casuale, ma causale: c’entrano la pandemia, che ha contenuto il ricorso alle cure, e la decisione di certe assicurazioni di attingere alle loro enormi riserve. Riserve che rimangono tuttavia altissime, oggi intorno ai 12,4 miliardi di franchi, e che quest’anno sono state, appunto, ridotte volontariamente da alcuni assicuratori. Ma la volontà spesso non basta: era per questo che una delle tre iniziative cantonali mirava all’introduzione dell’obbligo di riduzione delle riserve in eccesso. Ma l’iniziativa è stata bocciata lo scorso giugno al Consiglio degli Stati.

Il problema di fondo quindi permane. Un problema aggravato tra l’altro dalla mancanza di trasparenza: anche quest’anno l’Ufsp ha fornito soltanto dei dati parziali, mentre nessuna informazione è giunta ai Cantoni da parte degli assicuratori. “Un sistema opaco che non permette di correggere le storture”, ha stigmatizzato ieri il capo del Dss.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alain berset casse malati raffaele de rosa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
16 ore
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
1 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
2 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
3 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
5 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
5 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
© Regiopress, All rights reserved