laRegione
28.09.21 - 18:05
Aggiornamento: 20:00

Cassa malati, in Ticino -0,1% sui premi

Uno stop salutato con sollievo dal direttore del Dss De Rosa, che però denuncia la scarsa trasparenza e l’esclusione dei Cantoni dalle decisioni

cassa-malati-in-ticino-0-1-sui-premi
Ti-Press

È un volto più disteso rispetto all’anno scorso, quello di Raffaele De Rosa. Il direttore del Dipartimento della sanità e della socialità (Dss) può annunciare per il 2022 premi di cassa malati stabili, anzi, in leggera diminuzione: -0,1% rispetto a quest’anno. Così, dopo l’aumento più marcato di tutta la Svizzera nel 2021 (+2,1%), per il quale «avevamo subito espresso disappunto e delusione», stavolta può dirsi relativamente soddisfatto anche il Ticino: «Riteniamo che si tratti di un timido passo nella giusta direzione, a cui altri dovranno seguire negli anni a venire, e che dà un po’ di tregua in un momento di incertezza e di difficoltà per molti cittadini», ha dichiarato il Consigliere di Stato in conferenza stampa. Il calo dei premi è maggiore per i giovani tra i 19 e i 25 anni (-0,7%) e il nostro rientra in quella metà di cantoni che vedranno riduzioni.

Certo, c’entrano molto pandemia – che ha contenuto il ricorso alle cure non urgenti – e la decisione di alcune casse malati di attingere volontariamente alle loro enormi riserve. Ma secondo De Rosa conta anche «la pressione politica a livello nazionale, alla quale il Ticino ha dato il la» con tre iniziative spedite a Berna (la prima, che chiede di coinvolgere maggiormente i Cantoni nella determinazione dei premi, è stata approvata dal Consiglio degli Stati; strada sbarrata hanno invece trovato quelle, ben più radicali, che volevano rendere obbligatorio attingere alle riserve accumulate sopra una certa soglia e adeguare i premi ai costi sanitari reali).

Il problema che permane, nota De Rosa, è «un sistema opaco che non permette alle autorità di correggere le storture». In particolare anche quest’anno – ed è il terzo consecutivo – i dati forniti dall’Ufficio federale di sanità pubblica (Ufsp) al Dss sono risultati «parziali». Ci sarebbe poi un esplicito non expedit dell’Ufsp anche dietro al fatto che per la prima volta «nessuna assicurazione malattia ha fornito dati ai Cantoni», ostacolando di fatto la proposta di correttivi specifici a questo o quell’assicuratore, ma anche l’identificazione degli abusi (cosa che quest’anno ha spinto due casse a restituire premi in eccesso, prassi che il consigliere preferirebbe diventasse obbligatoria).

Con riserve ormai doppie rispetto a quelle previste dalla legge, nel 2020 le assicurazioni hanno potuto contare su un’inedita flessione nell’erogazione di numerosi servizi di cura, anche se i costi collocano comunque il nostro cantone al quarto posto nazionale. Le spese per visite presso studi medici e ospedali sono calate di oltre il 2%, quelle per i ricoveri addirittura del 6%, mentre continua a salire di più del 2% la spesa per i medicinali, che come le ospedalizzazioni costituisce un quinto dei costi complessivi. I ticinesi continuano a ricorrere con una certa facilità al servizio sanitario, ma la preoccupazione maggiore resta quella di una popolazione che invecchia.

Venendo al mercato, nell’ultimo quarto di secolo il processo di fusioni e acquisizioni ha ridotto le casse malati elvetiche da 145 a 50, delle quali 6 ‘coprono’ da sole tre quarti dei ticinesi. La razionalizzazione ha portato anche a un sostanziale allineamento dell’offerta, con possibilità di risparmi limitate in media al 10% in caso di cambio cassa. Un’opzione che resta comunque sul tavolo, tanto che lo stesso Dss raccomanda di rivolgersi annualmente all’Ufsp o all’Associazione consumatori della Svizzera italiana per una consulenza disinteressata.

Va ricordato infine che il Ticino segue una tendenza all’aumento dei costi sanitari nel lungo periodo comune a tutti i cantoni, con un aumento del 100% dal 1996 (in Svizzera, del 130%). E dopo il ‘grande gelo’ pandemico, per i prossimi due anni ci si attende già un rimbalzo stimato attorno al 3% annuo, con quel che potrebbe conseguirne per i nostri premi. Come dire: una rondine non fa primavera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’
Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
4 ore
Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale
Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
8 ore
Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese
È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Locarnese
9 ore
‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai
Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
11 ore
La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara
Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Bellinzonese
17 ore
Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2
Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Gallery
Locarnese
1 gior
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
1 gior
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
© Regiopress, All rights reserved