laRegione
laR
 
28.09.21 - 20:12

Premi cassa malati, ‘l’albero non nasconde la foresta’

Annuncia una lieve diminuzione per il 2022. Restano i problemi delle riserve eccessive e dell’opacità del sistema, afferma il vicepresidente della Fmh Matter.

premi-cassa-malati-l-albero-non-nasconde-la-foresta
Keystone
Michel Matter

In un articolo apparso di recente nella ‘Revue médicale suisse’, Michel Matter (vicepresidente della Federazione dei medici svizzeri-Fmh) e Philippe Eggimann (presidente della Società medica della Svizzera romanda) hanno scritto che un nuovo aumento dei premi di cassa malati quest’anno sarebbe stato “scioccante”. Pochi minuti dopo la conferenza stampa in cui Alain Berset ha annunciato la prima (quasi impercettibile) diminuzione del premio medio in Svizzera dal 2008, il consigliere nazionale verde-liberale non ha dubbi: «Dobbiamo rallegrarcene, perché è qualcosa di storico», dice Matter a ‘laRegione’. Dal 2017, osserva il ginevrino, «l’aumento annuale del premio medio e anche quello dei costi è un po’ meno marcato: assistiamo a un vero cambiamento, anche se i costi continueranno a crescere».

«L’albero però non nasconde la foresta», afferma il deputato del Pvl. Restano i problemi delle riserve eccessive e della trasparenza. Per quanto riguarda il primo, a suo parere sono due gli «elementi principali» che non vanno persi di vista: «I guadagni in borsa fatti dagli assicuratori e i premi fissati a un livello superiore rispetto ai costi effettivi stimati per l’anno successivo. Grazie a questi elementi, le riserve degli assicuratori negli ultimi tre anni sono cresciute in maniera esponenziale. Oggi siamo a 12,4 miliardi di franchi: è inammissibile, questi soldi appartengono agli assicurati!». Una trentina di casse quest’anno le hanno ridotte, ma «parliamo di 380 milioni di franchi su un totale che è appunto di 12,4 miliardi». Matter – che ha sostenuto la mozione di Lorenzo Quadri (Lega) volta a rendere obbligatorio abbattere le riserve – si aspetta che «anche nel 2022» queste vengano ridotte. «Perché non dobbiamo dimenticare che, durante la pandemia, gli assicurati hanno pagato i loro premi ma hanno avuto accesso a meno prestazioni».

La questione della trasparenza: riguarda il modo in cui i premi sono fissati. «Tempo fa Berset – ricorda Michel Matter – ha ammesso che l’Ufficio federale della sanità pubblica non dispone di tutte le risorse necessarie per valutare approfonditamente i premi sottoposti dagli assicuratori. Per questo i cantoni devono essere maggiormente coinvolti [è quanto chiede anche un’iniziativa cantonale del Ticino, ndr]». Michel Matter, assieme a Philippe Eggimann, propone un cambiamento di paradigma nel meccanismo di fissazione dei premi, attualmente «del tutto opaco»: «Bisognerebbe passare a un sistema che si basi sui costi effettivi e che preveda il versamento di acconti sui premi ed eventuali conguagli, come avviene a livello fiscale».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 ore
Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale
Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
Svizzera
13 ore
Zurigo, 17enne perde la vita dopo una rissa
Altri tre ragazzi sono rimasti feriti nell’alterco scoppiato ieri notte in un appartamento di Oetwil am See
Svizzera
14 ore
L’inflazione colpisce duramente gli anziani
L’indagine ha evidenziato notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie
Svizzera
14 ore
‘Il riscaldamento a 19 gradi? Non s’ha da fare’
A dirlo è il settore immobiliare che critica la raccomandazione del Consiglio federale, poiché una casa troppo fredda è considerata ‘un difetto’
Svizzera
16 ore
Dopo l’addio di Maurer in casa Udc parte il ‘toto-nome’
Tramite il ‘Sonntagsblick’ il presidente democentrista Marco Chiesa stila il possibile profilo (o profili) del successore di Ueli Maurer
Svizzera
1 gior
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
1 gior
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
1 gior
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
2 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
2 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
© Regiopress, All rights reserved