laRegione
27.09.22 - 16:49
Aggiornamento: 21:05

Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’

Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa critico sull’aumento dei premi del 9,2% rispetto al 6,6% della media nazionale

aumenti-cassa-malati-de-rosa-per-il-ticino-stangata-ingiusta
Ti-Press
De Rosa

"Una stangata ingiustificata!". È perentorio Raffaele De Rosa, che non usa giri di parole nel definire il sonoro aumento dei premi di cassa malati in Ticino: un’impennata del 9,2 per cento. Il premio medio. Una stangata, aggiunge il direttore del Dipartimento sanità e socialità nella conferenza stampa seguita a quella di Berna, "estremamente penalizzante per un Cantone che più di altri ha subito i contraccolpi della pandemia". Certo, c’è un "effetto rimbalzo". Il recupero di interventi chirurgici e cure, ma questo "non giustifica in alcun modo un incremento del premio di simile entità". Ricorda De Rosa: "Come Dipartimento avevamo chiesto a Berna di tener conto della media dei costi nel biennio 2020 e 2021". Ma invano.

Poi c’è il capitolo riserve degli assicuratori malattie. "Restano a un livello elevato - sottolinea il ministro della sanità ticinese -. Andrebbero restituite ai cittadini che già devono far fronte a rincari su più fronti". Le riserve "non vengono invece ridotte a sufficienza per tenere a freno l’aumento dei premi".

Ma De Rosa punta l’indice anche contro l’Ufficio federale della sanità pubblica per la mancanza di trasparenza dei premi e il non coinvolgimento dei Cantoni. "Riteniamo importante poter analizzare dati completi e trasparenti".

Insomma, una stangata per il Ticino incomprensibile. Da qui, aggiunge il direttore del Dss, "rabbia e frustrazione".

Leggi anche:

Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
5 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
7 ore
Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline
Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
10 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
10 ore
Salario minimo non adeguato all’inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
16 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
17 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
19 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
19 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
20 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
21 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
© Regiopress, All rights reserved