laRegione
il commento
laR
 
24.01.23 - 05:30
Aggiornamento: 15:53

Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico

Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità

jacinda-jacinta-contro-il-leader-testosteronico
Jacinda Ardern (Keystone)
In questo articolo si parla di:
  • La narrazione tossica del resistere a ogni costo ci toglie la felicità di vivere, queste due donne l'hanno capito
  • La fragilità (di una democrazia come di una persona) è preziosa, prendersene cura un privilegio che va assecondato con i giusti tempi, modi ed energie

Come il saggio Yoda riusciva a spostare oggetti con la forza del pensiero, Jacinda Ardern, 42 anni, primo ministro dimissionario della Nuova Zelanda per "mancanza di energie", è riuscita a ribaltare il tavolo con la forza della gentilezza. Anni di narrazioni tossiche sulla leadership urlante e guerreggiante, l’obbligo (im)morale di mostrarsi sempre all’altezza, il lavoro h24 a ogni costo, gli obiettivi da raggiungere sempre e comunque a scapito della salute, delle relazioni, della vita per come dovrebbe essere, spazzate via dalle parole di una donna mite abituata a guardare il mondo a testa in giù.

L’anno scorso, un’altra donna del "Down Under", la tennista australiana Ashleigh Jacinta Barty – a soli 25 anni – ha lasciato il tennis dopo aver vinto il suo terzo Slam (dopo Wimbledon e Roland Garros), quello di casa, a Melbourne. Avrebbe potuto inseguirne altri, a cominciare dall’Us Open che l’avrebbe fatta rientrare nella ristretta cerchia delle vincitrici di tutti e quattro i tornei più importanti. O semplicemente continuare a giocare incassando milioni in premi e sponsor.

Barty invece ha scelto le possibilità, l’opportunità di rinascere: non più tennista, ma altro. A differenza di molte sportive di successo - tenniste incluse - che si fermano perché incapaci di reggere allo stress o piegate dalla depressione (vista come un capriccio dai fanatici della leadership testosteronica), Barty ha lasciato per raggiunti limiti di felicità. Avrebbe potuto fare ancora di più, ma a lei non interessava. L’eterno ritorno dell’"è intelligente, ma non si applica" e del "talento sprecato", a cui però Barty ha ribaltato il significato: non ti applichi abbastanza perché sei distratta da altro, in cui magari sei meno bravo, ma t’incuriosisce di più; oppure hai un altro talento e vuoi andare vedere se c’è, dov’è, se ti riempie meglio la vita.


Ashleigh Jacinta Barty con il trofeo degli Australian Open 2022 (Keystone)

Lo stesso vale per Ardern, che ha impartito una gentile lezione a tutti quelli che non mollano mai un centimetro, che siano poltrone o potere, a quelli che non lasciano spazio a chi, nel frattempo, invecchia da eterno giovane che deve stare al suo posto, ovvero fuori dai giochi. Ha detto che ora che non sarà più premier ci sarà tempo per accompagnare la figlia a scuola, e tempo per sposarsi: ha messo il diritto di star bene davanti al dovere di apparire bene, mettendo in ridicolo tutti i maschi Alfa e i loro - rammolliti - seguaci.

Dire "non ce la faccio" è il più grande atto d’amore che si può fare nei confronti di noi stessi e di chi ci circonda; e se qualcuno lo vive come un segno di debolezza ha sbagliato a scegliere la propria cerchia e pure i conti con se stesso.

Ardern - durante il suo mandato - ha rimesso al centro la dignità, l’empatia, la gentilezza. E lo ha fatto con una fermezza che ha fatto da spina dorsale a tutte quelle parole, quelle qualità che sembrano incapaci di stare in piedi da sole. Ma non era così, era solo il mondo raccontato con il vocabolario e i modi di altri tempi, lunghi e polverosi quanto sbagliati.

Parlando agli studenti di Harvard, tenuto nel maggio scorso, Ardern aveva messo al centro del suo discorso la fragilità della democrazia, paragonandola a quelle delle relazioni, alle nostre. Più qualcosa è fragile, più è preziosa e bisogna prendersene cura, e non da soli. Lo si fa restando, finché si hanno energie, e poi – al momento giusto – anche andandosene.


Ardern ad Harvard (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
La formica rossa
18 ore
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
18 ore
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
1 gior
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
2 gior
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
2 gior
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
3 gior
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
IL COMMENTO
4 gior
Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata
Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
5 gior
Neutralità tra coerenza e opportunismo
Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
IL COMMENTO
1 sett
Interpellanze in zucche: l’immorale ‘magia’ di Unitas
La richiesta di risposte chiare in merito all’audit sull’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana potrebbe trasformarsi in interrogazione
Il commento
1 sett
Razzismo e negazionismo: ho sognato che era tutto vero
Qualche considerazione – onirica e no – partendo dal documentario ‘Je suis noires’, della regista svizzera Rachel M’Bon
© Regiopress, All rights reserved