laRegione
23.03.22 - 08:42
Aggiornamento: 31.03.22 - 08:20

‘Sono esausta’: Ashleigh Barty annuncia il suo ritiro

La 25enne australiana e numero uno al mondo ha comunicato la sua decisione in un video sui social

Ats, a cura de laRegione
sono-esausta-ashleigh-barty-annuncia-il-suo-ritiro
Keystone

Ashleigh Barty ha sorpreso tutti annunciando il suo ritiro, all’età di soli 25 anni, in un videomessaggio. Numero uno al mondo dal 2019, l’australiana ha vinto tre titoli del Grande Slam.

"Oggi è un giorno difficile e pieno di emozioni per me perché sto annunciando il mio ritiro dal tennis", ha detto Ashleigh Barty su Instagram. Ha sottolineato di aver realizzato i suoi sogni e di essere "assolutamente esausta".

"Sono così felice, e sono così pronta e sento ora nel mio cuore che come persona questa è la decisione giusta", ha proseguito l’australiana in lacrime accanto alla sua ex partner di doppio Casey Dellacqua.

Classificata al primo posto della Wta quasi ininterrottamente dal giugno 2019, Ashleigh Barty ha vinto tre titoli del Grande Slam, al Roland-Garros nel 2019, a Wimbledon nel 2021 e agli Australian Open quest’anno. A gennaio è diventata la prima campionessa locale in 44 anni a vincere a Melbourne, unendosi al ristretto club dei vincitori del Grande Slam su tre superfici diverse.

"Il successo per me è sapere che ho dato il massimo, tutto quello che potevo. Sono soddisfatta, sono felice, e so quanto lavoro ci vuole per dare il meglio", ha detto. "Solamente non ho più tutto questo dentro di me. Non ho l’energia fisica, la spinta emotiva e tutto il resto che serve per superarsi ai massimi livelli", ha continuato, aggiungendo di essere "assolutamente esausta".

Tecnica superiore alla media

Una delle giocatrici più rispettate e amate del circuito, Ashleigh Barty è diventata rapidamente la migliore, con la sua vertiginosa serie di slice, i servizi precisi e un dritto impeccabile. Pochi atleti possono vantare un curriculum così vario. Ha iniziato a giocare a tennis da bambina a Brisbane, la capitale dello Stato del Queensland, e ha vinto il torneo junior di Wimbledon a 15 anni nel 2011.

Ma le aspettative di successo hanno avuto la meglio su di lei e tre anni dopo ha abbandonato il tennis per il cricket, firmando con i Brisbane Heat nella prima edizione della Women’s big bash league.

Ma il richiamo del tennis non è mai stato lontano e lei è tornata dopo una stagione di assenza, segnando il suo primo trionfo del Grande Slam al Roland-Garros nel 2019 e diventando la prima australiana numero uno del mondo da Evonne Goolagong-Cawley 50 anni prima. Ha finalmente vinto il tanto atteso titolo a Wimbledon l’anno scorso, prima del suo trionfo agli Australian Open a gennaio.

"Marchio indelebile"

Solo Chris Evert, Martina Navratilova, Steffi Graf e Serena Williams avevano finito tre anni di fila in cima. "Essere in grado di vincere Wimbledon era il mio sogno, il mio unico vero sogno nel tennis. Ha davvero cambiato la mia prospettiva. Ho avuto questa intuizione dopo Wimbledon e ne ho parlato molto con la mia squadra", ha confessato la campionessa.

"C’era solo una piccola parte di me che non era del tutto soddisfatta. (...) E poi è arrivata la sfida degli Australian Open e penso che per me sia il modo più perfetto" per lasciare.

La Wta ha salutato "un incredibile ambasciatore per lo sport". "Grazie, @ashbarty, per il segno indelebile che hai lasciato sul campo, fuori dal campo e nei nostri cuori", ha twittato la federazione.

"Voglio ringraziarti, Ash, per aver ispirato un Paese, per aver ispirato una nazione, in un momento in cui questo Paese aveva davvero bisogno di una buona spinta", ha detto il primo ministro australiano Scott Morrison.

L’australiana ha detto dopo la sua vittoria agli Australian Open che voleva prendersi un po’ di tempo per riflettere sulla sua carriera, saltando i prestigiosi tornei di inizio stagione di Indian Wells e Miami. Si è fidanzata l’anno scorso con il suo compagno di lunga data, Garry Kissick, che era sempre in campo quando lei giocava.

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
il dopopartita
4 ore
È un Lugano poco cinico: ‘Abbiamo fatto tutto da soli’
A Bienne i bianconeri partono bene ma poi calano. Gianinazzi: ‘È mancata concretezza, ma a volte bisogna accettare che le partite girino in questo modo’.
il dopopartita
4 ore
I due volti dell’Ambrì: ‘Vinto con le nostre forze e col gruppo’
Successo biancoblù con il Rappi nonostante le assenze e il brutto inizio. Mentre si avvicina la Spengler: ‘Atmosfera che non vediamo l’ora di rivivere’.
Qatar 2022
6 ore
Tre gol al Senegal, l’Inghilterra brinda ai quarti
Dopo mezz’ora di difficoltà, la selezoine dei Tre Leoni sblocca la partita e poi tira dritta per la propria strada, mentre gli africani sparicono di scena
Sci
8 ore
La domenica incorona Corine Suter. Per due centesimi
Terza gara nel weekend canadese, terzo podio per la ventottenne svittese. Poca fortuna invece per Lara, fuori dai giochi proprio mentre stava spingendo
Sci
9 ore
Il duello Kilde-Odermatt va di nuovo al norvegese
Nel SuperG di Beaver Creek i due sono separati da 20 centesimi. Terzo a 30 centesimi Pinturault, buon quarto Gino Caviezel.
Basket
9 ore
La Sam e un weekend che è un bell’affare
Spinelli sempre più leader, con quattro punti di margine grazie alla sconfitta del Vevey a opera del Boncourt. Il Lugano, invece, s’arrende a Ginevra
QATAR 2020
9 ore
Mbappé incontenibile, la Francia annienta la Polonia
Doppietta per il fenomeno del Psg, ma la selezione di Deschamps concede troppe occasioni a una Polonia finalmente propositiva
Volley
10 ore
Düdingen troppo forte, luganesi costrette alla resa
Dopo sette vittorie filate le bianconere cadono in casa propria, con le friborghesi che chiudono il match vincendo tutti e tre i set
Ciclismo
10 ore
Ciclocross, ad Anversa domina Van der Poel
All’esordio in Coppa del mondo l’attesissimo belga Wout van Aert si deve arrendere allo strapotere dell’olandese
Formula 1
12 ore
Il Circus piange la morte di Patrick Tambay
Ex pilota parigino di Ferrari, McLaren e Renault soffriva da tempo del morbo di Parkinson. Nel 1982 vinse il suo primo Gp, dedicandolo a Gilles Villeneuve
© Regiopress, All rights reserved