laRegione
lasciateci-in-pace
“Se lasciate cadere l’Ucraina, chi sarà il prossimo?”
11.03.22 - 05:15
Aggiornamento: 16:38

Lasciateci in pace

Il popolo ucraino soffre sotto le bombe, l’Occidente risponde con lamentele per il caro benzina. In prima linea per la pace: la nostra, mica la loro

"Sono ormai più di mezzo miliardo le bandiere ucraine sui profili social di tutto il mondo. Putin, messo all’angolo, si arrende e ritira le truppe". Se è questo l’annuncio che i pacifisti duri e puri si aspettano, si armino di tanta pazienza, almeno di quella.

Perché la vicinanza a distanza sarà anche bella, ma è fragile. E così, mentre Putin bombarda bambini e manda i suoi ai negoziati con l’ordine di non negoziare, c’è chi si ostina a fare distinguo e mettere paletti ovunque: no all’intervento Nato, no alla no-fly zone, no alle armi agli ucraini, no alle sanzioni. E quindi? Come la vogliamo risolvere questa guerra? A pari e dispari? A morra cinese? Con una partita a Fifa?

Abbiamo criticato le grandi multinazionali che tenevano un piede, o entrambi, in casa del nemico. Se ne stanno andando tutte o quasi. Ci siamo indignati contro la loro ipocrisia dimenticandoci della nostra. Trasformati in tanti iceberg che fanno galleggiare oltre la superficie solo la parte presentabile dei nostri interessi. Stando bene attenti a lasciare sommerso quel groviglio fatto di vigliaccherie, egoismi e inconfessabili cattivi pensieri: non ci piace farlo vedere agli altri, ancor meno rivelarlo a noi stessi.


Manifestazione contro Putin (Keystone)

In quegli interstizi si trovano le radici del pacifismo intransigente, romantico e ingenuo da scuola elementare che imperversa un po’ ovunque, dai social ai dibattiti tv: c’è sempre qualcuno pronto a propinarci questo pensiero magico che è doveroso insegnare ai nostri figli, ma altrettanto doveroso dimenticare tornati nel mondo degli adulti, quello in cui – ahinoi – ci tocca vivere e non sempre "andrà tutto bene".

Un pacifismo da fumetto edulcorato che stona con le immagini che arrivano dall’Ucraina, una risposta preconfezionata da reginetta dei concorsi di bellezza che mal si concilia con le domande che siamo costretti a farci.

Sono i pacifisti a oltranza, quelli "senza se e senza ma". E senza un sacco di altre cose, tipo l’altruismo, l’empatia. Sventolano la loro pur nobile bandiera ignorando fatti e sofferenze altrui: dicono "mettete i fiori nei vostri cannoni" e poi con il loro carro armato arcobaleno di frasi fatte travolgono tutto e tutti: ucraini compresi, che si ostinano a combattere, quando tutto quel che i pacifisti d’Occidente vogliono è la pace: qua. E una resa là, senza tenere conto che c’è un’invasione, e che in Ucraina la gente perde quotidianamente affetti, averi, speranze, case e presto, forse, anche il proprio Paese così come l’avevano conosciuto.

Dai salotti a migliaia di chilometri dalle bombe, si invoca la pace come fosse un deus ex machina, qualcuno con l’aureola o il mantello da supereroe che arriva e dice "stop". Come se non ci fossero i russi con cui fare i conti.


Sfollati a Bucha, nei dintorni di Kiev (Keystone)

In uno dei tanti dibattiti tv si è visto un professore italiano spiegare a un ucraino collegato da un rifugio che il solo modo di uscirne era consegnare l’Ucraina a Putin. A nulla sono valse le obiezioni dell’oppresso ("Non hanno ancora vinto, c’è la resistenza, vogliamo la libertà, proprio come voi"). L’interlocutore occidentale, spazientito, ha alzato i toni: "Se lei vuole la guerra, io voglio la pace". Lo ha detto comodamente da casa sua, dove la guerra è un’idea, qualcosa che si vede in tv come una partita di calcio e che si può mettere in pausa o spegnere con il telecomando.

A tanti piaceva la valorosa resistenza ucraina finché richiedeva solo un po’ di comprensione. Quando hanno iniziato a chiederci armi e un conto salato dal benzinaio, quella resistenza è diventata un impiccio, il fiero Zelensky un fanatico egoista: lui. Il tutto, ovviamente, nel nome della pace. O del lasciarci in pace?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
1 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
2 gior
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
3 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
3 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
4 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
5 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
© Regiopress, All rights reserved