laRegione
laR
 
10.06.21 - 05:30

Avs 21, quando l’esperienza non insegna

Il Parlamento aumenta a 65 anni l’età di pensionamento delle donne. Ma le compensazioni sono insufficienti. Una scelta che potrebbe costare cara alle urne

avs-21-quando-l-esperienza-non-insegna
Keystone
Transizione

L’ultima vera e propria riforma dell’Avs? 24 anni fa. Allora fu possibile portare l’età di pensionamento delle donne da 62 a 64 anni, in due tappe, grazie a generose misure compensatorie. Tre successivi tentativi di ritoccarla verso l’alto sono falliti in Parlamento (2010) o alle urne (2004, 2017), poiché sprovvisti di un’adeguata contropartita. Il Consiglio federale lo sa: l’esperienza – scrive nel messaggio sulla riforma Avs 21 – dimostra che la concessione di misure compensatorie sufficienti permette di convincere [in una votazione popolare] anche molte persone contrarie all’aumento dell’età di riferimento delle donne. Il discorso vale anche per la riduzione delle rendite, e per la previdenza professionale: nel 2010 un abbassamento ‘secco’ – senza compensazione – dell’aliquota di conversione Lpp venne spazzato via da una valanga di ‘no’ (72,2%).

Il Parlamento adesso ci riprova. Come il Consiglio degli Stati, anche il Nazionale vuole aumentare da 64 a 65 anni l’età di pensionamento delle donne. Significa in pratica che una donna dovrà lavorare un anno in più per ricevere la stessa rendita che riceve oggi. La sinistra denuncia «un peggioramento delle rendite di 1’200 franchi all’anno in media» (Barbara Gysi), perché «un aumento dell’età di pensionamento è [de facto, ndr] una diminuzione di rendita» (Mattea Meyer). Referendum in canna, Ps, Verdi e sindacati censurano una riforma fatta “sulle spalle delle donne”. Donne – è bene ricordarlo – campionesse del lavoro non retribuito, già discriminate sul piano salariale, svantaggiate a livello occupazionale e pensionistico. E ora anche sacrificate sull’altare della stabilizzazione del primo pilastro.

La sinistra va un po’ lunga. Ma sulla sostanza ha ragione. Anche perché le compensazioni che il Nazionale ha messo sul tavolo a favore della cosiddetta generazione di transizione sono insufficienti. Se la maggioranza di centro-destra cercava una carta da spendere in votazione popolare, questa non vale granché.

È vero che il modello è più generoso, più equo e più mirato alle donne a basso reddito rispetto a quello approvato in primavera dai ‘senatori’. Ma il volume di compensazione (40%), pur superiore a quello delle soluzioni rivali, rappresenta la metà di quello della decima revisione dell’Avs, dove ben l’80% del surplus finanziario generato dall’aumento dell’età pensionabile per le donne venne reinvestito in misure di compensazione a lungo termine. Anche la durata (sei anni, poi basta) delle misure compensatorie è del tutto insufficiente e penalizzante per molte donne. 

C’è anche del buono in questa riforma, così com’è uscita dal Nazionale. Attribuire all’Avs il prodotto dei tassi negativi della Bns è opportuno (l’idea dovrebbe avere vita breve, comunque: i ‘senatori’ sono contrari). Lo è anche flessibilizzare il passaggio al pensionamento: uomini e donne potranno anticipare (perdendoci meno che finora) o rinviare (sono previsti incentivi) la totalità o una parte della rendita tra i 63 (meglio sarebbe stato 62, ma il Parlamento non ne vuol sapere) e i 70 anni, anche nella previdenza professionale.

Già, la previdenza professionale. È qui che si gioca la partita più importante per le donne. «Sappiamo che il necessario miglioramento della situazione delle donne nel secondo pilastro è una questione essenziale, che tocca anche il primo pilastro», ha detto il ministro della Socialità Alain Berset. Il Parlamento dovrà darsi da fare, e in fretta: il divario esistente tra le rendite pensionistiche di donne e uomini (37% in media), imputabile quasi esclusivamente al secondo pilastro, è una vergogna sempre meno tollerabile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
1 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
2 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
3 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
3 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
4 gior
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
4 gior
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
6 gior
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
1 sett
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
1 sett
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
© Regiopress, All rights reserved