laRegione
crisi-covid-gli-effetti-collaterali-dureranno-a-lungo
Archivio Ti-Press
laR
 
18.03.21 - 06:10

Crisi Covid, gli effetti collaterali dureranno a lungo

Saranno certamente i consumi interni a spingere la ripresa economica, ma non basteranno a compensare quanto perso durante la lunga pandemia

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Domani conosceremo le decisioni del Consiglio federale sulla strategia che verrà attuata per tentare di dare alla cittadinanza, demoralizzata da un anno di pandemia e da una serie di limitazioni alle libertà individuali, una prospettiva di ritorno alla normalità. Nessuno si fa troppe illusioni, però. Con i dati delle infezioni in aumento, cresce anche la probabilità di un film già visto lo scorso anno: Pasqua tra le mura domestiche, al massimo in giardino per chi ce l’ha. Eppure la ripresa economica è legata a doppio filo da una parte alla campagna di vaccinazione in corso e dall’altra all’allentamento delle misure di contenimento del virus che dovrebbero andare di pari passo con il miglioramento della situazione sanitaria. 

Che ci sia voglia di buttarsi alle spalle questo periodo anomalo è quasi tangibile fisicamente. Basta vedere come i centri commerciali siano tornati a riempirsi di persone appena hanno potuto, pur con tante cautele, accogliere nuovamente i clienti. Oppure il boom repentino di prenotazioni turistiche dalla Svizzera verso la Spagna e il Portogallo, paesi appena usciti dalle liste delle zone a rischio della Confederazione. La stessa cosa potrebbe accadere – anzi, sicuramente accadrà – con la riaperture di bar, ristoranti e luoghi di svago. Insomma, il desiderio di riappropriarsi di riti quasi dimenticati e agognati, come l’aperitivo, la pizza fuori con la famiglia o una serata a teatro o al cinema, una gita fuori porta, potrebbe dare carburante ai consumi interni per troppo tempo repressi. La stessa dinamica dovrebbe registrarsi anche fuori dai confini svizzeri. 

Questo dinamismo, però, non permetterà di recuperare quanto perso in questi mesi. Non in tutti i settori economici, perlomeno, e quindi bisognerà attendere la fine definitiva della crisi sanitaria per capire a quanto ammonteranno i danni in termini di fallimenti e maggiori licenziamenti: la fattura sociale sarà molto probabilmente elevata.

Intanto, stando agli economisti del Credit Suisse, le prospettive economiche sono positive, tanto che confermano un aumento del Pil del 3,5% per quest’anno. E la spinta arriverà proprio dai consumi, o meglio dall’eccesso di risparmio cumulato dalle famiglie svizzere durante i due lockdown, stimato in circa 12 miliardi durante la prima ondata e in altri 3,5 miliardi nella seconda, che dovrebbe trasformarsi in maggiore domanda di beni e servizi. Non tutti i settori torneranno velocemente alla situazione pre-crisi. Sempre gli analisti di Credit Suisse stimano che per compensare ogni settimana di chiusura del commercio non alimentare, ne serviranno due di recupero dei consumi. Per il segmento ‘intrattenimento e sport’ ce ne vorranno addirittura otto. Ristoranti e alberghi saranno le imprese che arrancheranno di più: 14 settimane post Covid per ognuna persa. Questo per dire che ci trascineremo a lungo gli effetti collaterali della pandemia di coronavirus. Anche se molto probabilmente entro la fine di quest’anno l’attività economica tornerà a livelli simili a quelli del 2019, la perdita di benessere in termini di mancata progressione del reddito è valutata in 57 miliardi di franchi (36 miliardi nel 2020 e 21 miliardi nel 2021, pari all’8% del Pil). E il divario di crescita provocato dal Covid non sarà colmato nemmeno entro la fine del 2022. Per questo le politiche pubbliche di sostegno dei redditi dei cittadini dovrebbero andare oltre l’orizzonte della fine della crisi sanitaria.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus economia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
6 ore
Corsia per i Tir nel Mendrisiotto, quando la misura è colma
Nel Distretto spiazzano l’agire dell’autorità federale e il silenzio del Cantone. E monta la voglia di un’azione di protesta
L’analisi
8 ore
Il pacifismo, i valori assoluti e il ‘dilemma del carrello’
Risolvere l’esperimento noto come “trolley problem” mette in crisi certe pretese di superiorità morale
Commento
2 gior
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
3 gior
I bastian contrari
Commento
3 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
4 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
6 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
6 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
1 sett
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
1 sett
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
© Regiopress, All rights reserved