laRegione
06.07.21 - 18:05

Post pandemia, il Ticino è pronto per ripartire

Gli effetti della crisi sono stati attenuati dall'intervento pubblico. Sostegno finanziario per oltre 2,2 miliardi di franchi

di Generoso Chiaradonna
post-pandemia-il-ticino-e-pronto-per-ripartire
Archivio Ti-Press
Mauro Baranzini, già decano della facoltà di economia dell’Usi

«Stiamo uscendo dalla crisi causata dalla pandemia e il Ticino ha le carte in regola per affrontare le sfide future acuite anche dal Covid». Così il professor Mauro Baranzini, già decano e professore emerito di economia all’Università della Svizzera italiana a proposito delle prospettive economiche per i prossimi mesi. «La Svizzera è tra i primi della classe per quanto riguarda le misure messe in campo per contrastare gli effetti economici negativi causati dal Covid-19. È il Paese Ocse che ha avuto la minore contrazione del Pil nel 2020 e registrato una buona ripresa nel corso del 2021 e in prospettiva per il prossimo anno», continua l’economista ticinese. Anche il livello di disoccupazione è rimasto contenuto in confronto con le principali economie, Stati Uniti ed Eurozona in primis, come pure la percentuale di deficit rispetto al Pil (-4% nel 2021) e il rapporto tra debito pubblico e Pil (35-38% nel 2021). «Dati che nonostante gli interventi finanziari importanti durante la pandemia restano in linea con i parametri di Maastricht. Questo dimostra che l’economia svizzera – e con essa quella ticinese – è solida e resiliente», afferma ancora Baranzini.

Per rimanere al solo Ticino, l’intervento pubblico (prevalentemente federale) è stato pari a 2,2 miliardi di franchi, circa l’8% del Pil cantonale (30 miliardi, ndr). I soli aiuti per i cosiddetti casi di rigore ammontano a oggi a circa 100 milioni di franchi. 

La gran parte di questi aiuti sono andati a sostenere i redditi grazie alle indennità di lavoro ridotto. Misure che hanno moderato l’aumento dei disoccupati. «Tra marzo dello scorso anno a marzo scorso, le indennità erogate sono stati pari a 793 milioni di franchi per una media di oltre 42 mila lavoratori toccati e circa 5’900 imprese», ha ricordato Claudia Sassi, responsabile della Sezione del lavoro del Dfe. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarno
2 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
4 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
4 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
5 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
5 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
5 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
5 ore
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
9 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
11 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
11 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
© Regiopress, All rights reserved