laRegione
post-pandemia-il-ticino-e-pronto-per-ripartire
Archivio Ti-Press
Mauro Baranzini, già decano della facoltà di economia dell’Usi
06.07.21 - 18:05

Post pandemia, il Ticino è pronto per ripartire

Gli effetti della crisi sono stati attenuati dall'intervento pubblico. Sostegno finanziario per oltre 2,2 miliardi di franchi

«Stiamo uscendo dalla crisi causata dalla pandemia e il Ticino ha le carte in regola per affrontare le sfide future acuite anche dal Covid». Così il professor Mauro Baranzini, già decano e professore emerito di economia all’Università della Svizzera italiana a proposito delle prospettive economiche per i prossimi mesi. «La Svizzera è tra i primi della classe per quanto riguarda le misure messe in campo per contrastare gli effetti economici negativi causati dal Covid-19. È il Paese Ocse che ha avuto la minore contrazione del Pil nel 2020 e registrato una buona ripresa nel corso del 2021 e in prospettiva per il prossimo anno», continua l’economista ticinese. Anche il livello di disoccupazione è rimasto contenuto in confronto con le principali economie, Stati Uniti ed Eurozona in primis, come pure la percentuale di deficit rispetto al Pil (-4% nel 2021) e il rapporto tra debito pubblico e Pil (35-38% nel 2021). «Dati che nonostante gli interventi finanziari importanti durante la pandemia restano in linea con i parametri di Maastricht. Questo dimostra che l’economia svizzera – e con essa quella ticinese – è solida e resiliente», afferma ancora Baranzini.

Per rimanere al solo Ticino, l’intervento pubblico (prevalentemente federale) è stato pari a 2,2 miliardi di franchi, circa l’8% del Pil cantonale (30 miliardi, ndr). I soli aiuti per i cosiddetti casi di rigore ammontano a oggi a circa 100 milioni di franchi. 

La gran parte di questi aiuti sono andati a sostenere i redditi grazie alle indennità di lavoro ridotto. Misure che hanno moderato l’aumento dei disoccupati. «Tra marzo dello scorso anno a marzo scorso, le indennità erogate sono stati pari a 793 milioni di franchi per una media di oltre 42 mila lavoratori toccati e circa 5’900 imprese», ha ricordato Claudia Sassi, responsabile della Sezione del lavoro del Dfe. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
crisi intervento pubblico pandemia ticino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
31 min
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
32 min
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 ora
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 ora
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 ora
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
9 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
9 ore
PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria
Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
9 ore
Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’
Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
9 ore
Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo
Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Luganese
10 ore
Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?
Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
© Regiopress, All rights reserved