laRegione
l-sos-di-zingaretti-l-uomo-invisibile
Nicola Zingaretti (Keystone)
laR
 
06.03.21 - 06:00

L'Sos di Zingaretti, l'uomo invisibile

Il segretario del Pd annuncia le dimissioni attaccando il partito, che ‘pensa solo alle poltrone’. La strategia dello struzzo non ha funzionato

Nicola Zingaretti si è dimesso da segretario del Pd dopo due anni. Una notizia che pare abbia colto di sorpresa i dirigenti del partito. E sinceramente anche il sottoscritto: non mi ero accorto che fosse segretario del Pd.

Zingaretti aveva fatto dell’invisibilità e della debolezza la sua forza. Due caratteristiche difficilmente associabili al leader di qualsiasi cosa, figuriamoci del partito più longevo e più partito d’Italia: la prima dote può andar bene per un supereroe della Marvel, o per un ladro. Ma possiamo escludere con ragionevole certezza entrambe le ipotesi. La seconda può essere un buon modo per arrivare ai piani alti evitando di pestare i piedi a chi decide davvero e preferisce muoversi nell’ombra, occupando e assegnando poltrone senza l’assillo e il fastidio di dover stare in prima linea.

Il vero errore di Zingaretti è stato applicare questa sua attitudine allo scomparire anche al Pd: una strategia dello struzzo che ha perfino raccolto qualche applauso alle Europee del 2019. Prese il 22,7%: un risultato pessimo passato per un capolavoro per via dei 4 punti scarsi guadagnati rispetto alle elezioni precedenti (con il nemico Renzi come segretario).

L’idea di fondo  – stringi stringi – era fingersi morto: “meno parlo, meno mi muovo, e meglio è”. Funzionava, quando funzionava, per evitare le interrogazioni al liceo. Ma in Parlamento ci si aspetterebbe qualcosa di più raffinato di una testa appiattita sul banco. L’immobilità del Pd durante l’ultima crisi di governo ha mostrato tutte le lacune di un partito che per conservare l’idea che ha (ormai solo lui) di se stesso si è autosabotato. Forse questa cosa che gli ideali di sinistra funzionano più in teoria che in pratica, il Pd l’ha presa troppo alla lettera. E mentre altri si muovono – magari male, in modo maldestro, spesso sguaiatamente – il Pd fatica a tenere il passo nella turbopolitica di oggi. Un’inadeguatezza che si palesa nei rari casi in cui si cerca di recuperare con un guizzo di modernità, dimenticandosi che non c’è niente di peggio che tentare uno scatto a freddo dopo essere rimasti fermi a lungo. Il goffo tweet di Zingaretti a sostegno del baraccone tv di Barbara D’Urso – chiuso anzitempo da Mediaset – in cui un politico valeva quanto una soubrette fedifraga o il recordman di palle da biliardo in bocca, ne è l’ennesima prova.

Dieci segretari in 14 anni, poi, sono cifre da presidente impaziente e mangia-allenatori, non da partito in grado di darsi una stabilità e programmare un futuro.

E ora? Molti chiedono a Zingaretti di restare anche se il suo messaggio d’addio pare netto (“Mi vergogno che nel Pd, da 20 giorni si parli solo di poltrone e primarie, quando in Italia sta esplodendo la terza ondata del Covid… ora tutti dovranno assumersi le proprie responsabilità”). Dopo due anni passati a nascondersi davanti a sciagure come il Covid e Salvini ministro, alla fine è sbottato per una questione interna: abbastanza da far capire quanto il partito sia a pezzi.

A sentire i retroscenisti le dimissioni potrebbero essere una mossa per farsi rieleggere, un addio per candidarsi a sindaco di Roma o uno sfogo per essere stato lasciato solo – e con il cerino in mano – mentre Belzebù Renzi orchestrava il passaggio di consegne tra Conte e Draghi. C’è poi chi la vede come un’accusa alla vecchia guardia e chi ai filo-renziani rimasti nel partito.

Bisognerebbe avere il coraggio di dire addio ai Veltroni e ai Fassino, azzerare tutto. Zingaretti compreso. Rottamare, diceva uno che era passato di lì per darle, finendo col prenderle.

A prescindere da cosa succederà, possiamo però immaginare come andrà: male.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
italia matteo renzi nicola zingaretti partito democratico pd
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
22 ore
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
2 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
3 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
4 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
5 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
6 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
© Regiopress, All rights reserved