laRegione
22.10.21 - 17:45
Aggiornamento: 18:19

Joe Biden alla Cina: ‘Se invadete Taiwan la difenderemo’

La Casa Bianca poi corregge il tiro: nessun cambiamento nella politica estera Usa. Ma Pechino si arrabbia comunque: ‘Segnali sbagliati’

joe-biden-alla-cina-se-invadete-taiwan-la-difenderemo
Keystone
Il presidente americano usa parole forti, la Casa Bianca corregge il tiro

Washington – Joe Biden lo va ripetendo ad ogni occasione: gli Stati Uniti non vogliono una nuova Guerra Fredda con la Cina. Ma la temperatura nei rapporti tra Washington e Pechino si fa sempre più gelida ogni giorno che passa, mettendo a rischio anche il summit virtuale tra l’inquilino della Casa Bianca e Xi Jinping, previsto entro la fine dell’anno. Nelle ultime ore a far tornare alle stelle la tensione tra le due superpotenze è ancora una volta la questione Taiwan: “Se sarà invasa la difenderemo”, ha promesso a chiare lettere Biden, parlando nel corso di un dibattito televisivo e provocando la reazione stizzita della leadership cinese. “Bisogna evitare di inviare segnali sbagliati. Su Taiwan non c’è spazio per alcun compromesso”, avvertono da Pechino.

Le parole del presidente americano, che mettono in discussione il principio di ‘una sola Cina’, acquistano più peso perché arrivano il giorno dopo quelle del neoambasciatore Usa Nicholas Burns, che in Congresso aveva definito la politica estera portata avanti dal Paese del Dragone “prepotente e aggressiva”. Non solo per le pressioni sempre più forti su Taipei, ma anche per le mire espansionistiche nel Pacifico e nel Sudest asiatico.

La Casa Bianca getta acqua sul fuoco

“Abbiamo preso un impegno preciso, per noi sacro – ha affermato Biden nel town hall organizzato dalla Cnn – ed è quello di difendere tutti gli alleati della Nato in Canada e in Europa. E questo vale anche per alleati come il Giappone, la Corea del Sud e Taiwan”. Subito dopo, però, la Casa Bianca si è affrettata a gettare acqua sul fuoco, e a specificare che nella politica estera statunitense non è previsto alcun cambiamento: si va dunque avanti con quella linea, definita “strategia dell’ambiguità”, finora seguita da Washington sulla questione Taiwan. Nel rispetto della legge (il Taiwan Relations Act) che prevede di sostenere gli sforzi di autodifesa dell’isola. Non a caso qualche settimana fa si è scoperto che uomini delle forze speciali Usa e dei marines sono da tempo a Taiwan per addestrare ed equipaggiare le forze locali.

Da Pechino comunque il portavoce del Ministero degli esteri Wang Wenbin fa trapelare come le bordate che arrivano dagli Usa non fanno altro che irrigidire la linea intransigente di Xi: “La Cina difenderà la propria sovranità nazionale e la propria integrità territoriale con tutte le misure adeguate e necessarie”, ha avvertito, lanciando un chiaro segnale non solo agli Stati Uniti ma a tutti quei Paesi che intendono stabilire o sviluppare rapporti diplomatici con Taiwan. Questo anche in vista della visita del ministro degli esteri taiwanese, Joseph Wu, che la prossima settimana sarà nella Repubblica Ceca e in Slovacchia. Intanto dal quartier generale della Nato arriva l’appello del segretario generale Jens Stoltenberg a ridurre le tensioni e a risolvere le controversie come quella di Taiwan con mezzi politici e diplomatici.

La preoccupazione è tanta, ma non è certo la prima volta che un presidente americano minaccia di intervenire nel caso di un’aggressione cinese a Taiwan. Lo fece anche George W. Bush nel 2001, anche se oggi il clima è molto più rovente di allora, col ministro della difesa di Taipei, Chiu Kuo-cheng, che denuncia una tensione nello stretto di Taiwan mai così alta da 40 anni a questa parte.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
il reportage
6 ore
Lo slalom tra i confini che chiudono di chi fugge dalla guerra
Non vogliono combattere e scappano all’estero con ogni mezzo. Ma i prezzi dei biglietti e il blocco delle frontiere in Europa rendono tutto complicato
Estero
16 ore
Spagna, notificato un caso di contagio da aviaria
Secondo la testata digitale eldiario.es, sarebbe la seconda persona in Europa essere stata testata positiva al virus
la guerra in ucraina
17 ore
Al via domani le esercitazioni di soldati tedeschi in Lituania
L’azione fa parte della strategia di maggiore presenza della Nato sul fianco orientale dell’Alleanza dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia
la guerra in ucraina
18 ore
Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte
Il presidente ceceno: ‘Sono addestrati, è arrivato per loro il momento di andare in battaglia’. Hanno 16,15 e 14 anni
la guerra in ucraina
19 ore
Putin frena sul nucleare, i russi arretrano ancora
Il Cremlino ora parla di confini mobili a Kherson e Zaporizhzhia: ‘Penetrate le nostre linee di difesa’
balcani
19 ore
Voto in Bosnia: Dodik tiene, ma avanzano i moderati
Alla presidenza per l’entità serba andrà Zeljka Cvijanovic, l’ex presidente eletto nella Republika Srpska. Sconfitto anche il figlio di Izetbegovic
Regno Unito
21 ore
Un taglio di capelli? ‘La prossima volta’
Finito il periodo di lutto, primo impegno ufficiale per re Carlo III, oggi in visita alla cittadina scozzese di Dunfermline
Russia
22 ore
Elude i domiciliari la giornalista russa ‘no war’
Prima la multa per il cartello mostrato durante un telegiornale, poi la condanna per quello esposto vicino al Cremlino. E ora la fuga
Confine
22 ore
Lavori nella galleria di San Fermo Nord, code verso il Ticino
Il cantiere per la ricostruzione della calotta della galleria durerà fino al 18 novembre. Traffico verso nord deviato sotto San Fermo Sud
Iran
1 gior
Italiana arrestata a Teheran nel giorno del suo compleanno
Alessia Piperno era entrata in Iran con altri turisti. La Farnesina sta verificando le informazioni del padre rilasciate su Facebook
© Regiopress, All rights reserved