laRegione
22.09.21 - 22:31

Biden cerca di ricucire con Macron, ma Johnson strappa

Dopo il caso dei sottomarini, Washington tenta di riavvicinarsi a Parigi, ma il premier inglese incalza l’Eliseo: ‘Smettetela un po’’

Ansa, a cura de laRegione
biden-cerca-di-ricucire-con-macron-ma-johnson-strappa
Biden, Johnson e Macron al G7 (Keystone)

Primi segnali di tregua dopo la bufera sul patto indo-pacifico Aukus sottoscritto da Usa, Regno Unito e Australia, per cui la Francia ha perso una commessa miliardaria di sottomarini. Dopo giorni di polemiche e accuse di Parigi, il presidente americano Joe Biden ha avuto oggi un colloquio telefonico con l’omologo francese Emmanuel Macron. Uno scambio sollecitato dalla Casa Bianca, ha sottolineato l’Eliseo, in cui i due capi di Stato hanno deciso di avviare “consultazioni approfondite per stabilire condizioni che garantiscano la fiducia e proporre misure concrete per realizzare obiettivi comuni", dandosi appuntamento "in Europa alla fine di ottobre per raggiungere dei punti di accordo”.

Intanto, un primo passo verso la distensione arriverà con il ritorno la prossima settimana a Washington dell’ambasciatore francese Philippe Etienne, che era stato richiamato per consultazioni. Il diplomatico, ha spiegato l’Eliseo, “lavorerà a stretto contatto con i funzionari americani” per tentare di risolvere la crisi. Nessuna decisione invece è stata ancora presa sull’eventuale rientro dell’ambasciatore in Australia, Jean-Pierre Thébault.

Londra più dura

Meno diplomatico, poche ore prima della telefonata tra Biden e Macron, Boris Johnson aveva cercato a suo modo di spegnere le polemiche con Parigi. “Io penso semplicemente che alcuni dei nostri più cari amici si debbano ora dare una calmata su questo argomento e darci un taglio (“donnez-moi un break”)", ha motteggiato da Washington il premier britannico, in un misto di inglese e francese. Parole che giungono dopo aver già tentato di placare le ire della Francia giurandole "amore inestirpabile”.

Per Johnson, il patto Aukus aiuta la sicurezza globale, non esclude nessuno e non è neppure “ostile" alla Cina. L’accordo, ha rivendicato ancora, “è fondamentalmente un grande passo in avanti per la sicurezza globale. È un accordo fra tre alleati dalla mentalità molto affine, che si schierano spalla a spalla per creare una partnership stretta nella condivisione di tecnologie” militari. Ad auspicare un chiarimento tra Parigi e Washington era stata anche l’Unione europea. "Siamo solidali con la Francia e consideriamo Usa, Australia e Regno Unito nostri alleati e amici, ed è importante che amici e alleati parlino tra di loro, anche di questioni problematiche", ha affermato il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis, precisando che sul caso "non è stata presa nessuna decisione operativa”, dopo che Bruxelles aveva fatto sapere di valutare l’impatto di Aukus sulle date del consiglio Ue-Usa su commercio e tecnologia (Ttc) e sui negoziati commerciali Ue-Australia. Incontri, questi, che il Ppe spinge per non rinviare.

L’Europa

Il fronte europeo appare comunque meno compatto. A sfilarsi con decisione è in queste ore la Danimarca, che “non comprende affatto” le critiche mosse agli Usa. “Ritengo Biden molto leale verso l’alleanza transatlantica“, ha detto la premier Mette Frederiksen, invitando a "non trasformare delle sfide concrete, che ci saranno sempre tra alleati, in qualcosa che non dovrebbero essere". All’attacco del patto indo-pacifico torna intanto la Cina, che invita i singoli Paesi "ad adempiere ai propri obblighi internazionali di non proliferazione nucleare". E sul caso è intervenuto anche il Vaticano. "La Santa Sede - ha detto il Segretario di Stato Pietro Parolin - è contraria al riarmo e tutti gli sforzi che si sono fatti e si stanno facendo sono nel senso dell’eliminazione delle armi nucleari”, che "creano ancora più pericoli per la pace e ancora più conflittualità. Quindi all’interno di questa visione non si può non essere preoccupati”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
coronavirus
5 ore
L’Oms: ‘Il 90% della popolazione mondiale è immune’
‘Vicini alla fine, ma serve ancora cautela’. Ancora test, sequenziamento e vaccini per evitare nuove varianti
russia
6 ore
Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no
La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
6 ore
Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein
La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
Confine
8 ore
Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese
Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
12 ore
Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando
Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
la guerra in ucraina
1 gior
Biden pronto a parlare con Putin
Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
1 gior
La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’
Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
1 gior
Giallo su sei pacchi bomba in Spagna
Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
1 gior
“La Nato non entrerà nel conflitto”
Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
1 gior
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
© Regiopress, All rights reserved