laRegione
01.06.21 - 20:57

Polemiche sulla scarcerazione del mafioso Brusca

Fu lui ad azionare il telecomando a Capaci che fece saltare in aria l'auto di Falcone. "La sua uscita dal carcere è un pugno nello stomaco"

Ansa, a cura de laRegione
polemiche-sulla-scarcerazione-del-mafioso-brusca
Giovanni Brusca durante l'arresto (Keystone)

Che fosse solo questione di tempo lo sapevano tutti: familiari delle vittime, magistrati, politici. Ma la notizia della liberazione di Giovanni Brusca, "u verru", il porco, così lo chiamavano in Cosa nostra, ha avuto un effetto deflagrante. Oltre 100 omicidi, tra i quali quello del piccolo Giuseppe Di Matteo, il bambino strangolato e sciolto nell'acido dopo una lunghissima prigionia, l'ex capomafia di San Giuseppe Jato passato tra i ranghi dei collaboratori di giustizia ha finito per incarnare per l'opinione pubblica il volto del male.

Fu lui ad azionare il telecomando a Capaci facendo saltare in aria Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Crudele, spietato, ha più volte detto di non ricordare neppure i nomi di tutte le sue vittime. Poi la scelta di parlare con i magistrati, il bluff dell'esordio seguito da decine di migliaia di pagine di verbali con nomi, fatti, legami tra mafiosi politici e affari. Una collaborazione con la giustizia ancora avvolta da molte ombre Brusca, secondo alcuni, avrebbe coperto alcuni favoreggiatori e soprattutto avrebbe tutelato il suo tesoro solo in parte confiscato. Il ritratto di un criminale che rende assolutamente comprensibile il profluvio di dichiarazioni indignate dopo la scarcerazione per fine pena: 25 anni di reclusione per chi ha fatto la guerra allo Stato.

Le leggi e la rabbia

La liberazione di Brusca "é stato un pugno nello stomaco che lascia senza respiro e ti chiedi come sia possibile. La sorella di Falcone ricorda a tutti che quella legge applicata oggi l'ha voluta anche suo fratello, che ha consentito tanti arresti e di scardinare le attività mafiose, ma è un pugno nello stomaco", dice il segretario del Pd, Enrico Letta, citando le parole di Maria Falcone che a caldo, ieri sera, aveva usato parole di grande equilibrio. "Quello che temevamo da tempo si è avverato: Giovanni Brusca, il 'macellaio' che ha premuto il telecomando a Capaci, è libero. Lo prevede la legge, una legge che ha voluto mio fratello e che rispettiamo, ma restano il dolore, la rabbia e il timore che un individuo capace di tanto male possa tornare a delinquere. - ha detto - Ci auguriamo che la magistratura e le forze dell'ordine vigilino: sarebbe un insulto a Giovanni, Francesca, Rocco, Antonio e Vito che possa tornare indisturbato a godere di soldi che grondano sangue".

Sulla stessa linea il fratello e la madre del piccolo Giuseppe Di Matteo: "Umanamente non si potrà mai perdonare. Per me il dolore della morte di mio fratello non si rimarginerà mai, per mia madre la sofferenza è ancora più grande. Ma abbiamo fiducia nella magistratura che ci è stata sempre vicina. Se non crediamo nella magistratura non crediamo più nello Stato. Brusca ha ucciso mio fratello ma espiato la pena nel rispetto della legge", dicono. Molto dura la vedova del caposcorta di Falcone, Tina Montinaro che ha commentato di essere delusa dallo Stato. E se il leader della Lega Matteo Salvini si dice indignato che "uno che ha ammazzato centinaia di persone sia libero di passeggiare per Roma" e la presidente dei senatori di Fi Annamaria Bernini e Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, parlano di "schiaffo alle vittime", la magistratura difende la legge sui pentiti. "La legge sui collaboratori di giustizia si è rivelata uno strumento fondamentale nella destrutturazione delle mafie. Giovanni Falcone, che ne è stato l'ideatore, aveva ben presenti i costi sul piano della sofferenza per le vittime dei mafiosi che l'approvazione di una normativa del genere avrebbe comportato. Ma aveva anche chiaro quali danni alla mafia avrebbero e hanno fatto le collaborazioni di alcuni esponenti di vertice di Cosa nostra", commenta il procuratore di Messina Maurizio de Lucia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
3 ore
La Germania rifiuta le riparazioni di guerra alla Polonia
La ministra degli Esteri tedesca Annalena Baerbock ha detto che si tratta di una questione chiusa, dopo le rinunce di Varsavia del 1953 e del 1990
Estero
4 ore
Angela Merkel riceverà il Premio Onu per i rifugiati
L’onorificenza verrà consegnata all’ex cancelliera in ricordo alla sua decisione di aprire le porte della Germania a oltre un milione di siriani nel 2015
la guerra
5 ore
‘Putin prepara un test nucleare al confine ucraino’
Il Times cita un’informativa della Nato. La Cia: ‘Spalle al muro, può essere pericoloso’. La Casa bianca minimizza
stati uniti
5 ore
‘Obbligò la fidanzata ad abortire’, bufera sul protetto di Trump
Accusato dalla sua ex il fervente anti-abortista Herschel Walker, leggenda del football in Georgia, che paragona la pratica a un omicidio
Estero
5 ore
Zelensky vieta i negoziati coi russi, che ammettono la ritirata
Il presidente ucraino ha firmato un decreto che ratifica una decisione del Consiglio di sicurezza di Kiev dopo le annessioni delle quattro regioni
estremo oriente
5 ore
La Corea del Nord ha lanciato un missile sopra il Giappone
Allarme aereo a Tokyo, ora si teme il settimo test nucleare di Pyongyang
Gran Bretagna
7 ore
Londra e la volontà di limitare il numero di studenti stranieri
Truss verso la stretta delle iscrizioni nelle prestigiose università per ridurre il fenomeno dell’arrivo di familiari con permessi di ricongiungimento
il reportage
17 ore
Lo slalom tra i confini che chiudono di chi fugge dalla guerra
Non vogliono combattere e scappano all’estero con ogni mezzo. Ma i prezzi dei biglietti e il blocco delle frontiere in Europa rendono tutto complicato
Estero
1 gior
Spagna, notificato un caso di contagio da aviaria
Secondo la testata digitale eldiario.es, sarebbe la seconda persona in Europa essere stata testata positiva al virus
la guerra in ucraina
1 gior
Al via domani le esercitazioni di soldati tedeschi in Lituania
L’azione fa parte della strategia di maggiore presenza della Nato sul fianco orientale dell’Alleanza dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia
© Regiopress, All rights reserved