laRegione
pechino-sanziona-i-parlamentari-britannici
Il premier Boris Johnson (Keystone)
26.03.21 - 22:50

Pechino sanziona i parlamentari britannici

L'ira di Johnson che convoca l'ambasciatore: ‘Denunciare gli abusi è un dovere’

La Cina non incassa la nuova ondata di sanzioni occidentali senza reagire e scatena la sua rappresaglia diplomatica anche sulla Gran Bretagna di Boris Johnson: in prima fila in questi mesi nelle accuse a Pechino sulle repressioni contro la minoranza musulmana degli Uiguri dello Xinjiang, ma anche sulla stretta imposta dal dragone a Hong Kong, l'ex colonia restituita nel 1997 fra inchini, salamelecchi e promesse di amicizia ormai sbiadite. La risposta del gigante asiatico si condensa nel bando di ben sette parlamentari del Regno, alcuni dei quali vicinissimi al primo ministro Tory, e a due personalità impegnate per i diritti umani: ritorsioni cui Londra fa seguire a stretto giro la convocazione dell'ambasciatore cinese al Foreign Office. Non ci faremo intimidire né mettere a tacere, è il messaggio salito da Downing Street e dintorni malgrado le dimensioni dell'interlocutore e gli interessi ciclopici in gioco (tanto più nella realtà del dopo Brexit): interessi lievitati per anni ai tempi in cui il governo laburista di Tony Blair o quello conservatore dell'attuale consulente sinofilo David Cameron non esitavano a stendere il tappeto rosso ai piedi dei leader della nomenklatura d'oltre Muraglia e alle valanghe di capitali in arrivo da est.

Il tweet di Londra

BoJo ha affidato il suo sdegno a un tweet: sanzionando sette parlamentari, un avvocato e un'accademica britannici, ha scritto, Pechino ha voluto colpire persone che "svolgono un ruolo vitale per illuminare le grossolane violazioni dei diritti umani perpetrate contro gli Uiguri musulmani. Ma la libertà di parlare per opporsi all'abuso è fondamentale e io sono fermamente schierato al loro fianco". Parole alle quali ha fatto seguire i fatti, ordinando al dicastero degli Esteri di convocare senza indugi l'ambasciatore cinese. Obiettivo, come ha poi spiegato il ministro Dominic Raab, "spiegare in termini molto chiari che non ci lasceremo zittire sugli abusi contro i diritti umani". Abusi che la Cina commette "su scala industriale nello Xinjiang", ha rincarato Raab, sfidando la potenza asiatica a provare la credibilità delle sue smentite consentendo l'accesso alle ispezioni dell'alto commissariato Onu sui Diritti Umani guidato dalla ex presidente cilena Michelle Bachelet.

L'asse con gli Usa

Il capo del Foreign Office fa leva del resto sulla sintonia e sul coordinamento stabiliti su questa trincea con la nuova amministrazione Usa di Joe Biden, oltre che con l'Ue e con gli alleati occidentali in genere. Bollando la mossa del colosso d'oriente come un "segnale di debolezza" in realtà, e fidando che misure anti-cinesi siano in arrivo in totale da almeno "30 Paesi". Non meno battagliera la replica dei nove sanzionati - i deputati conservatori Iain Duncan Smith, Nusrat Ghani, Tim Loughton, Tom Tugendhat e Neil O'Brien i pari della Camera dei Lord Helena Kennedy (Labour) e David Alton (LibDem), nonché l'avvocato dei diritti umani Geoffrey Nice, presidente dell'Uighur Tribunal, e la sinologa Jo Smith Finley, studiosa degli Uiguri - tutti esclusi dal poter viaggiare d'ora in avanti in Cina, a Hong Kong o a Macao, da scambi d'alcun tipo con istituzioni o realtà economiche cinesi e dall'accesso a qualsiasi asset personale a portata di mano di Pechino. Ma tutti decisi a non piegarsi. "E' un nostro dovere chiamare il governo cinese a rispondere degli abusi sui diritti umani a Hong Kong o sul genocidio del popolo degli Uiguri", ha tuonato fra gli altri Duncan Smith, già leader del Partito conservatore e veterano della destra brexiteer. "Non accetteremo questo attacco alla democrazia britannica e il tentativo di sovvertirla", ha alzato ulteriormente i toni Tugendhat, presidente della commissione Esteri della Camera dei Comuni e sostenitore britannico delle dottrine neocon americane. "Non mi pento d'aver parlato - ha chiosato infine la professoressa Smith Finley -. E non mi farò ridurre al silenzio"

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boris johnson cina diritti umani pechino regno unito
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Stati Uniti
19 min
Auto contro la folla in Pennsylvania: un morto e 17 feriti
L’uomo ha dapprima investito le persone di un corteo, dopodiché ha preso mira una 56enne, poi presa a colpi di martello
Stati Uniti
28 min
Aggressione a Rushdie: Blinken punta il dito contro l’Iran
Il segretario di Stato degli Usa condanna autorità e media: ‘Le istituzioni hanno incitato alla violenza contro di lui per anni’
Estero
15 ore
Salman Rushdie è sulla via della guarigione
Lo ha detto il suo agente, Andrew Wylie, in un comunicato al Washington Post
Estero
17 ore
Si schianta in auto contro Capitol Hill, spara e si suicida
Un uomo si è schiantato contro la Cancellata del Congresso, ha poi esploso alcuni colpi in aria e si è tolto la vita. Nessun altro è rimasto ferito
Estero
17 ore
Spopolamento a Venezia, abitanti sotto la soglia dei 50mila
Il processo sembra inarrestabile. Nel 2002 il capoluogo aveva 64mila residenti.
Estero
17 ore
Dopo Rushdie, minacce su Twitter a Rowling: ‘Tu la prossima’
Il messaggio minaccioso è stato inviato all’autrice della saga di Harry Potter come replica a un tweet. Il profilo dell’autore è poi sparito
Estero
18 ore
In 10mila a ballare contro la mafia a ‘casa’ del boss
Migliaia di giovani hanno partecipato all’evento ‘Musica&Legalità’ a Castelvetrano, paese del boss di Cosa Nostra latitante Matteo Messina Denaro
Estero
19 ore
Troppo pericoloso per il pubblico: abbattuto il tricheco Freya
Il mammifero marino era diventato abitudinario nel fiordo di Oslo e le autorità, dopo una valutazione completa, hanno deciso per l’eutanasia
Estero
20 ore
Costa Concordia, la Cedu conferma la condanna a Schettino
La Corte europea dei diritti umani ha rigettato il ricorso del capitano della nave naufragata contro la condanna a 16 anni di reclusione
Confine
22 ore
Sulla strada per la Valtellina vigilia di Ferragosto di caos
Una frana nella notte ha causato la chiusura della corsia nord della Milano-Lecco-Valtellina, provocando incolonnamenti in direzione di Sondrio
© Regiopress, All rights reserved