laRegione
Ambrì
3
Langnau
6
3. tempo
(2-1 : 0-5 : 1-0)
Lakers
5
Zurigo
4
3. tempo
(2-1 : 3-1 : 0-2)
Olten
5
Winterthur
0
fine
(0-0 : 2-0 : 3-0)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
3. tempo
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
6
GCK Lions
2
3. tempo
(2-0 : 2-1 : 2-1)
Visp
2
Zugo Academy
4
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
0
Sierre
1
3. tempo
(0-1 : 0-0 : 0-0)
elezioni-a-hong-kong-pechino-avra-potere-di-veto
Il parlamento cinese (Keystone)
Estero
11.03.21 - 20:250
Aggiornamento : 20:51

Elezioni a Hong Kong: Pechino avrà potere di veto

Ok del Parlamento cinese alla nuova stretta. Londra: ‘Così si svuota la democrazia’

a cura de laRegione

Pechino – La Cina sferra l'affondo decisivo al modello Hong Kong conosciuto negli ultimi 24 anni, confezionando una bozza di riforma del sistema elettorale che praticamente darà a Pechino il diritto di veto decisivo e finale sulle candidature. Il via libera, alla presenza del presidente Xi Jinping, è maturato all'unanimità nella Grande sala del popolo di piazza Tienanmen, dove nell'ultimo giorno dei lavori 2.895 delegati del Congresso nazionale del popolo, il ramo legislativo del parlamento, si sono espressi a favore, con l'unica nota di colore di un astenuto e l'assenza di voti contrari.

La risoluzione approvata affiderà alla Commissione elettorale il potere di bloccare ed escludere i candidati sgraditi, nominando e scegliendo al tempo stesso e in modo diretto "una quota relativamente larga" di parlamentari secondo la lealtà mostrata verso Pechino, come "patrioti". Il metodo scelto sarà di incrementare i deputati del Consiglio legislativo (da 70 a 90), il mini-parlamento di Hong Kong, con il proposito di diluire il peso dei candidati eletti democraticamente. In più, il peso dei componenti pro-Pechino saliranno nella Commissione elettorale, il cui compito è la scelta del capo esecutivo (una sorta di governatore) dei territori, portandoli da 1.200 a 1.500. L'opera di marginalizzazione delle voci democratiche della città, in risposta alle proteste anche violente del 2019, ha registrato le prime critiche da Londra. Il ministro degli Esteri britannico, Dominic Raab, ha definito la mossa "l'ultimo passo per svuotare lo spazio del dibattito democratico a Hong Kong" e una prova di forza che "mina la fiducia" della comunità internazionale verso la Cina.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
7 ore
Zaki sarà scarcerato, ‘ma non è stato assolto’
Lo studente egiziano dell’Università di Bologna era stato arrestato in Egitto con l’accusa di propaganda sovversiva
Francia
10 ore
Esplosione: crolla un edificio, un morto accertato
Una donna e il suo bebè sono invece stati estratti vivi dalle macerie
Estero
1 gior
Gli Usa vogliono boicottare le Olimpiadi di Pechino
Nessun rappresentante del governo statunitense sarà presente ai Giochi invernali di Pechino. La replica: ‘Offesa al popolo cinese’
Confine
1 gior
Vigezzo: ubriaco aggredisce Carabinieri, arrestato
L’episodio si è verificato sabato notte; ubriaco, un 64enne si è scagliato sugli agenti intervenuti per calmarlo
Estero
1 gior
A New York vaccino obbligatorio per i lavoratori privati
Misura voluta dal sindaco uscente Bill De Blasio. Nel 2020 la maggiore città Usa era stata molto colpita dal coronavirus, con almeno 34mila morti
Confine
1 gior
Cabiate, ergastolo per il 26enne che picchiò a morte una bimba
Un cittadino rumeno uccise la figlia della compagna lo scorso gennaio, dopo averla violentata. La difesa ricorrerà in Appello
Estero
1 gior
Francia: giovedì si decide sul nuovo allestimento di Notre-Dame
L’ambizione è dare alla cattedrale una nuova giovinezza in vista della riapertura prevista per il 2024. Ma non mancano le polemiche
Estero
1 gior
Myanmar: Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere
Il premio Nobel per la pace è stato condannato per incitamento a disordini pubblici e per la violazione delle misure anti-Covid
Francia
1 gior
La riconquista di Zemmour parte tra proclami e scontri
Tafferugli e sedie lanciate in aria tra attivisti antirazzisti ed alcuni militanti di estrema destra. Il candidato: ‘Obiettivo, immigrazione zero’
Estero
2 gior
‘Esecuzioni sommarie’, l’Occidente condanna i talebani
A quasi 4 mesi dalla presa di Kabul, le vendette dei talebani che avevano promesso l’amnistia per i nemici finiscono nel mirino degli Stati Uniti
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile