laRegione
la-controrevolucion-di-cuba-l-isola-apre-al-libero-mercato
(Keystone)
laR
 
09.02.21 - 06:05
Aggiornamento : 16:30

La controrevolución di Cuba: l’isola apre al libero mercato

Quel che non riuscì per decenni agli Usa, riesce al coronavirus: la pandemia ha ridotto il turismo, costringendo il Paese a trovare altre soluzioni economiche

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Quel che non riuscì agli Stati Uniti è riuscito al coronavirus. Cuba si arrende davanti alla più grande crisi economica dai tempi del crollo dell’Unione Sovietica e annuncia un’apertura ai privati senza precedenti, ponendo di fatto fine alla Rivoluzione, che era morta da un pezzo, senza però accorgersene. Cuba e lo scheletro spolpato della Revolución più romantica e romanzesca del Novecento erano andati avanti per puntiglio e per abitudine, in quel mix di orgoglio e indolenza che solo una dittatura tropicale può avere. Fidel Castro, morto nel 2016 e amato e riverito in pubblico fino all’ultimo, era sempre più criticato: alfiere di un Paese rimasto fuori dal tempo in uno scacchiere che andava in pezzi.

Le prime privatizzazioni avevano portato soldi e turismo, ma non per tutti, aumentando la distanza tra chi aveva e chi non aveva. Tra chi sopravviveva con il peso cubano e chi viveva con il peso convertibile (equiparato al dollaro), le due monete con cui l’isola certificava la sua schizofrenia, la tendenza sempre più sfrenata a una doppia velocità con una stessa destinazione: andare a schiantarsi.

La paura di un nuovo Período Especial

I cubani temono - come un uragano incombente - il ritorno di tempi duri come quelli del Período Especial, negli anni ´90. Una decade di restrizioni estreme frutto dell’effetto tenaglia provocato da una parte l’implosione dell’Urss, che lasciò di colpo Cuba senza il suo maggior finanziatore (Mosca sovvenzionava infrastrutture, comprava a prezzo gonfiato i prodotti locali come lo zucchero o esportava in stile baratto facilitato il petrolio), dall’altra l’inasprimento dell’embargo statunitense. Anni in cui aumentarono malnutrizione, malformazione, mortalità infantile e repressione. E in cui diminuì l’aspettativa di vita. Da lì si uscì grazie alle prime liberalizzazioni, in particolare nel settore turismo, e a nuove alleanze alternative, la più celebre fu quella con il Venezuela di Chávez.


Venditore di zucchero filato per le strade de L'Avana (Keystone)

La distensione dei rapporti diplomatici durante l’era Obama e il passaggio di poteri, prima a Raúl Castro e poi a Miguel Díaz-Canel, ha accelerato un processo inevitabile. L’anti-imperialismo - vero caposaldo della Rivoluzione mai davvero compiuta - resta, acuito anche dai passi indietro di Washington sotto l’amministrazione Trump, ma non c’era più tempo per una battaglia ideologica a oltranza. Soprattutto con l’arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca, le cui idee non sono poi dissimili da quelle di Obama, di cui fu il vice. E così è arrivato - inevitabile - il semaforo verde alla liberalizzazione di oltre duemila attività economiche riconosciute ufficialmente (ed elencate in un registro chiamato Clasificador Nacional de Actividades Económicas), che vanno ad aggiungersi alle altre 127 professioni che già si erano aperte al libero mercato. Della lista compilata dal ministero del Lavoro cubano restano fuori solo 124 voci, perlopiù legate ad aree strategiche come media e telecomunicazioni, sanità e Difesa. Insomma, tutto quel che deve rimanere nelle mani dello Stato in uno Stato che si definisce socialista. Il resto è un ‘liberi tutti’ di difficile gestione, una terapia choc iniziata proprio con l’abolizione della doppia moneta, il primo gennaio scorso, e proseguita senza la presentazione ufficiale di un piano economico che - si spera - almeno qualcuno abbia chiaro negli uffici che contano.

Il vaccino in offerta ai turisti

Se la strategia è una navigazione a vista, potrebbe rivelarsi molto pericolosa per Cuba: il Pil dello scorso anno è crollato dell’11%, in larga parte a causa del forte calo di turisti dovuto alla pandemia. Ma da anni gli indicatori economici dell’isola hanno un saldo negativo: i razionamenti sono all’ordine del giorno, si resiste andando a far la spesa con la ‘libreta’ (la tessera annonaria che garantisce il sostentamento), ma le file fuori dagli empori sono diventate sempre più inquiete, a tal punto da chiedere - in alcuni casi - l’intervento della polizia. Ci sono stati accenni di rissa, nelle ultime settimane, per accaparrarsi anche un semplice pollo o una lingua di maiale. Insomma, il quadro non è dei più tranquillizzanti, a livello tanto economico quanto sociale. E quest’anno le cose potrebbero addirittura peggiorare se non si riesce a invertire la rotta: anche per questo, Cuba ha annunciato una specie di folle offerta che - in tempi di coronavirus - potrebbe avere un certo successo. In sintesi: chi sceglie di andare in vacanza sull'isola potrà chiedere di essere vaccinato contro il Covid. Se la fase tre della sperimentazione del vaccino locale dovesse procedere senza intoppi, presto Cuba potrebbe creare 100 milioni di dosi in un Paese con meno di 12 milioni di abitanti. Mare, vaccini e cuba libre rigorosamente all-inclusive. Business is business, ormai anche nella patria della Revolución.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus cuba economia pandemia turismo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Stati Uniti
2 ore
Strage in Texas, per la polizia rischio di accuse e cause legali
Sotto indagine la reazione inadeguata delle forze di polizia durante la strage nella scuola elementare di Uvalde in cui sono morti 19 bambini e 2 docenti
Estero
4 ore
Bachelet: la visita in Cina non è un’indagine
L’Alto Commissario dell’Onu per i diritti umani ha aperto la conferenza stampa sulla prima visita in Cina in 17 anni, incentrata sullo Xinjiang.
Estero
7 ore
Si tuffa nel Lago di Como e non riemerge: morto 17enne
Il ragazzo era stato recuperato ieri in condizioni disperate. Si era buttato in acqua mentre era con gli amici. Probabilmente fatale lo choc termico
Estero
8 ore
È morto il cardinale Sodano, ex Segretario di Stato vaticano
Aveva 94 anni. Fu il “numero due” della Santa Sede sotto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI
Estero
9 ore
Usa: donna armata uccide un uomo che sparava sulla folla
La donna possedeva l’arma legalmente. L’uomo ha iniziato a far fuoco dall’auto dopo esser stato invitato ad allontanarsi da un party in strada
Estero
10 ore
Trump alla lobby delle armi: ‘Ci riprenderemo la Casa Bianca’
L‘ex presidente è intervenuto alla convention della National Rifle Association (Nra) a Houston. ’Quando sarò ancora presidente combatterò il male’
Video
Estero
21 ore
Bambini armati nel video della convention Nra
A Houston in Texas parla fra le proteste il ceo della potente lobby, che replica a Biden sull’ipotesi di abolire il secondo emendamento
Estero
23 ore
‘Solo un sì è un sì’: violenze sessuali, la Spagna indica la via
Primo via libera del Parlamento alla legge che pone al centro il consenso esplicito. La ministra Irene Montero: frutto di 30 anni di lotta civica.
Stati Uniti
1 gior
‘Una decisione sbagliata’ non irrompere nella classe
Tre giorni dopo il massacro di Uvalde, il capo del Dipartimento di pubblica sicurezza prende la parola. Oltre cento i colpi sparati dal killer
Olanda
1 gior
Cadono due gondole nel parco a tema, quattro feriti
Una giostra perde pezzi: momenti di paura questo pomeriggio al Sprookjesbos di Valkenburg, nei Paesi Bassi
© Regiopress, All rights reserved