laRegione
03.02.21 - 20:52

Farsa Birmania, San Suu Kyi incriminata per i walkie-talkie

I militari: “Violata la legge sull'import”. Il Nobel ai domiciliari per 14 giorni. Nasce un movimento di disobbedienza civile

farsa-birmania-san-suu-kyi-incriminata-per-i-walkie-talkie
(Keystone)

Aung San Suu Kyi arrestata per l'importazione illegale di una decina di walkie-talkie, il suo fedele presidente Win Myint detenuto per aver violato le restrizioni imposte per il coronavirus. Due giorni dopo il golpe, in Birmania la presa del potere dell'esercito ha assunto toni farseschi con la rivelazione dei "reati" dei due più alti leader ora in detenzione. Ma per quanto spiazzante, ciò dimostra come i militari facciano sul serio. Nel frattempo, la comunità internazionale è divisa, con la Cina che impedisce una condanna in sede Onu.

La Signora e Win Myint resteranno agli arresti domiciliari per 14 giorni, fino a metà febbraio, ha scritto su Facebook la Lega nazionale per la democrazia di Suu Kyi: i walkie-talkie incriminati sono quelli usati dal servizio di sicurezza del premio Nobel per la Pace. Entrambe le violazioni, della legge sull'import-export per Suu Kyi e di quella sulla gestione delle catastrofi per Win Myint, comportano una pena massima di tre anni di carcere. Non si tratta delle prime accuse bizzarre rivolte a Suu Kyi: nel 2010, quando era prigioniera nella sua villa di Yangon, fu condannata per aver violato le condizioni della sua detenzione - e quindi squalificata dalle successive elezioni - semplicemente perché un americano squilibrato aveva attraversato a nuoto il lago Inya arrivando a contatto con Suu Kyi.

Le interferenze della Cina

La decisione dell'esercito, che ufficialmente ha preso il potere per presunti massicci brogli elettorali alle elezioni di novembre stravinte dalla Lega per la democrazia, mostra come i militari non temano le reazioni internazionali. Forse anche perché sentono di avere le spalle coperte dalla Cina: secondo la Bbc, il Consiglio di sicurezza dell'Onu ieri non è riuscito ad accordarsi per una dichiarazione congiunta contro il colpo di stato perché Pechino si è opposta, forte del suo diritto di veto in quanto membro permanente. Un'accusa negata dal ministro degli Esteri cinese, ma è un fatto che le dichiarazioni di Pechino finora siano state molto tiepide e improntate alla stabilità.

Anche se l'Occidente dovesse imporre sanzioni, ipotizzate dal ministro francese degli Esteri Jean-Yves Le Drian, il loro impatto sarà per forza smorzato. In Birmania, intanto, sta prendendo forma un nascente movimento di disobbedienza civile, lanciato da alcuni medici e dipendenti pubblici che si rifiutano di lavorare per i militari e protestano contro l'arresto anche di almeno 16 critici della società civile: tra gli attivisti per i diritti umani e giornalisti birmani è diffusa la paura di essere i prossimi. I più baldanzosi disobbedienti si sono fatti ritrarre con le tre dita alzate, lo stesso gesto del film 'Hunger Games' utilizzato dai manifestanti pro-democrazia in Thailandia. Nelle strade di Yangon, alla sera gli automobilisti suonano i clacson e residenti di interi quartieri iniziano a battere le pentole dalle finestre, in un simbolico gesto per scacciare gli spiriti malvagi. Ma da come si stanno muovendo nei primi giorni dopo il golpe, non sembra che abbiano intenzione di andarsene presto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
italia
8 ore
Quando il parchimetro... porta fortuna
È successo nel Cuneese dove una signora ha acquistato un Gratta e vinci per cambiare i soldi per il parcheggio e vince 500mila euro
Canada
10 ore
L’uragano Fiona lascia 500mila case senza corrente
Lo riferisce l’azienda elettrica locale, Nova Scotia Power, secondo quanto riportato da Cbc
Stati Uniti
13 ore
Problemi ai finestrini: le auto di Tesla tornano in garage
Richiamate 1,1 milioni di vetture per un aggiornamento del software che permetterà di ovviare a un malfunzionamento
Turchia
17 ore
‘Il referendum russo? Non lo riconosciamo’
Lo ha affermato il portavoce della presidenza turca Ibrahim Kal. La stessa cosa accadde anche per il referendum in Crimea nel 2014
Estero
17 ore
L’ultimo addio ad Abe
I funerali dell’ex premier giapponese, ucciso in un attentato, si terranno il prossimo 27 settembre
Estero
22 ore
La politica è un Hobbit (o un pelaverdure)
Cronaca semiseria dei comizi che hanno chiuso la campagna elettorale italiana, nell’attesa che arrivi domenica.
Estero
1 gior
Guardie armate porta a porta, al via i referendum in Ucraina
Milioni chiamati alle ‘urne’. Intanto il patriarca Kirill invita a combattere. E decine di migliaia di russi scappano all’estero
Estero
1 gior
Per l’ambasciatore svizzero l’occupazione di Izyum è ‘barbaria’
Dura presa di posizione della sede diplomatica elvetica in Ucraina. Visitati da Claude Wild i centri distrutti dagli occupanti russi
Stati Uniti d’America
1 gior
Aborto: ‘Datemi due senatori e ne farò una legge’
Duro attacco del presidente Biden alla fronda repubblicana: ‘Non sanno assolutamente nulla delle donne americane’
Italia
1 gior
Il piccolo Mattia risucchiato dall’acqua e dal fango per 13 km
Ritrovato l’ultimo disperso dell’alluvione che si è scagliata sulle Marche lo scorso 15 settembre. Il grande dolore dei genitori
© Regiopress, All rights reserved