laRegione
16.02.21 - 22:48

Nuove accuse a San Suu Kyi, ora la Cina condanna il golpe

II regime da una parte prolunga lo stato d'emergenza, dall'altra promette nuove elezioni. Ma il popolo è sempre più scontento

nuove-accuse-a-san-suu-kyi-ora-la-cina-condanna-il-golpe
(Keystone)

Un'altra accusa farsa contro San Suu Kyi ancora detenuta e ora a processo, la costante minaccia del giro di vite contro i manifestanti, mentre le proteste contro il golpe vanno avanti e le promesse di elezioni da parte della giunta non placano la rabbia della popolazione.

A due settimane dal colpo di stato, la Birmania è ancora sospesa in un limbo di instabilità. Una situazione che scontenta anche la Cina, che finora non si era unita al coro di condanne contro l'intervento dei militari. Il premio Nobel per la pace, arrestata il primo febbraio e "in buone condizioni di salute" per il suo avvocato, è comparsa nella prima udienza contro di lei, in una teleconferenza organizzata dai militari con poco preavviso. Oltre al reato di importazione illegale di sei walkie-talkie, la "Signora" - come il presidente Win Myint - dovrà ora rispondere anche dell'accusa di aver violato la legge sulle catastrofi naturali, non rispettando le restrizioni anti-coronavirus in campagna elettorale. Se condannata, rischia fino a tre anni di reclusione per ciascun capo di imputazione. La prossima udienza è prevista per il primo marzo.

Le bugie dei militari

Nel frattempo, i militari hanno ribadito oggi l'obiettivo di "andare al voto e consegnare il potere nelle mani del partito vincitore", una dichiarazione d'intenti che non chiarisce le intenzioni della giunta. Se si andasse al voto con l'attuale sistema maggioritario secco, la "Lega nazionale per la democrazia" trionferebbe ancora, come nel 2015 e lo scorso novembre. Ma per mandare il partito dei militari al governo, in coalizione col 25 percento di seggi garantito all'esercito dalla Costituzione, le strade sono due: introdurre un sistema elettorale proporzionale - soluzione ventilata da diversi analisti - o escludere il partito di Suu Kyi con pretesti vari, per esempio una condanna contro la "Signora". Il malcontento contro la presa del potere dei militari resta alto. Oggi a sud di Yangon, manifestanti hanno bloccato un tratto di ferrovia verso il porto. Da giorni il Paese è sull'orlo dello sciopero generale, con diverse categorie professionali che già incrociano le braccia. Per la seconda notte consecutiva, Internet è stato bloccato dalla giunta, nel chiaro tentativo di limitare le comunicazioni per organizzare le proteste. In molti temono che siano le prove generali di una repressione violenta. Dopo aver chiaramente sottovalutato la reazione popolare, il generale golpista Min Aung Hlaing è probabilmente indeciso su come precedere. Schiacciare le proteste nel sangue, specie ora con le immagini dei social media, lo renderebbe un paria internazionale.

La Cina, che ha enormi interessi energetici e geopolitici nel Paese, ha segnalato il proprio malcontento lamentandosi di non essere stata informata in anticipo del golpe. Usa e Ue attendono, evocando la minaccia di sanzioni. Con i progressi democratici dell'ultimo decennio ormai azzerati, non sembrano esserci opzioni ideali per uscire dall'impasse.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
il commento
3 ore
I 70 anni di Putin e i bivi della Storia
Sta lasciando il Paese peggio di come l’ha trovato, in crisi e in guerra. Cosa sarebbe accaduto se Eltsin avesse scelta il liberale Nemtsov al suo posto?
Confine
3 ore
Minori non accompagnati, aumenta la pressione in frontiera
Nel suo oratorio di Rebbio, don Giusto della Valle sta attualmente ospitando 15 ragazzi egiziani. A Como mancano strutture sufficienti per tutti.
Estero
10 ore
Nasce la Comunità politica europea, c’è anche la Svizzera
L’incontro a Praga con 44 Paesi presenti. C’è anche la Turchia. Restano fuori solo Russia e Bielorussia
thailandia
17 ore
Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini
Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso
Brasile
1 gior
Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio
Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
1 gior
Altri due missili verso il Mar del Giappone
Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
Burkina Faso
1 gior
Burkina Faso, Ibrahim Traoré nominato presidente
Dopo il secondo colpo di Stato nel Paese in meno di nove mesi, al capitano sono stati conferiti pieni poteri
caro-energia
1 gior
L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa
Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
la guerra in ucraina
1 gior
Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’
Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
Estero
1 gior
Servizi americani: ‘Kiev dietro l’omicidio Dugina, Usa estranei’
Secondo fonti dell’intelligence citate dal Nyt, i servizi di Washington non erano a conoscenza dell’attentato contro la figlia dell’ideologo di Putin
© Regiopress, All rights reserved