laRegione
01.02.21 - 07:32
Aggiornamento: 16:12

Colpo di Stato in Myanmar: i militari arrestano Aung San Suu Kyi

Golpe dell'esercito nel giorno in cui avrebbe dovuto riunirsi il nuovo Parlamento. La leader al popolo: 'Non accettate'. Onu e Ue condannano, Washington minaccia.

colpo-di-stato-in-myanmar-i-militari-arrestano-aung-san-suu-kyi
Keystone
Aung San Suu Kyi nel 2016

L'esercito del Myanmar ha organizzato un colpo di Stato e arrestato colei che è de facto il capo del governo civile, Aung San Suu Kyi, così come diversi responsabili del suo partito; e ha proclamato lo stato d'urgenza, piazzando i suo generali ai posti chiave. 

"Questa decisione è necessaria per preservare la stabilità del Paese", hanno annunciato i militari sulle loro emittenti televisive, annunciando uno stato di emergenza di un anno. Essi accusano la commissione elettorale di non avere posto rimedio alle "enormi irregolarità" che, secondo loro, ci sono state in occasione delle elezioni legislative di novembre, vinte massicciamente dal partito di Aung San Suu Kyi (la Lega nazionale per la democrazia, Lnd), al potere dalle elezioni del 2015. 

Stando a un comunicato dell'esercito, Min Aung Hlaing (capo delle forze armate) concentra ormai i poteri "legislativo, amministrativo e giudiziario", mentre un altro generale, Myint Swe, è stato designato presidente a interim, posizione più che altro onorifica. L'esercito ha promesso nuove elezioni entro un anno. "Metteremo in atto una vera e propria democrazia multipartito", hanno dichiarato i militari sulla loro pagina Facebook, aggiungendo che il potere sarà trasferito dopo "che si svolgeranno elezioni libere ed eque".

Secondo quanto indicato da un giornalista dell'agenzia Afp, l'esercito ha preso possesso del municipio della città di Rangoon, capitale economica del Paese, qualche ora dopo che Aung San Suu Kyi e il presidente birmano Win Myint erano stati arrestati.

"Abbiamo sentito dire che sono detenuti a Naypyidaw", la capitale del Paese, ha precisato il portavoce della Lnd, secondo il quale diverse altre persone sono state fermate.

San Suu Kyi alla popolazione: "Non accettate quanto successo"

Aung San Suu Kyi - in base al contenuto di una lettera, diffusa sui social media dal suo partito - esorta la popolazione a "non accettare" il golpe.

Mentre voci di un colpo di Stato si andavano vieppiù diffondendo negli ultimi giorni, San Suu Kyi "ha lasciato questo messaggio al popolo", ha spiegato su Facebook Win Htein, presidente della Lega nazionale per la democrazia.

L'Onu e l'Ue condannano, Washington minaccia

L'accesso a Internet e le telecomunicazioni sono stati fortemente disturbati in tutta la Birmania, rileva l'Ong Netblocks; mentre l'agenzia Afp ha constatato che l'accesso all'aeroporto internazionale di Rangoon è stato bloccato.

L'Onu, gli Stati Uniti, l'Unione europea e l'Australia hanno condannato gli arresti e hanno fatto appello alla liberazione immediata delle persone fermate, nonché al ripristino della democrazia.

Con "la dichiarazione del trasferimento di tutti i poteri ai militari, viene dato un duro colpo alle riforme democratiche in Birmania", ha indicato il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres in un comunicato. Il Consiglio di sicurezza si riunirà nei prossimi giorni per affrontare la questione.

L'Ue ha "fermamente" condannato il colpo di Stato, chiedendo "la liberazione immediata" delle persone detenute. "Il risultato delle elezioni va rispettato - ha scritto il presidente del Consiglio europeo Charles Michel su Twitter. "Il popolo del Myanmar vuole la democrazia e l'Unione europea è con lui", ha aggiunto il capo della diplomazia europea Josep Borrell sul medesimo social media.

Dal canto loro gli Stati Uniti hanno minacciato di adottare "misure nei confronti dei responsabili", ha avvertito il portavoce della Casa Bianca Jen Psaki in un'altra nota stampa.

Questo colpo di Stato giunge poco prima che il Parlamento uscito dalle ultime legislative si riunisse per la prima sessione, che avrebbe dovuto svolgersi proprio oggi.

Dieci anni or sono la Birmania era uscita da un regime militare che era stato al potere per quasi mezzo secolo. Gli ultimi due colpi di Stato, dall'indipendenza del Paese nel 1948, risalgono al 1962 e al 1988.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
55 min
Il Nobel per la Pace va ad Ales Bialiatski (e non solo)
L’attivista bielorusso condivide il riconoscimento con due organizzazioni umanitarie: il Russia’s Memorial e l’Ukraine’s Center for civil Liberties
Estero
3 ore
Milano violenta, arrestati i trapper Baby Gang e Simba La rue
Alla base del provvedimento una lite nella zona della movida finita a colpi di pistola contro due persone. Il giudice: ‘Violenza legata a logica di banda’
Confine
7 ore
Minori non accompagnati, aumenta la pressione in frontiera
Nel suo oratorio di Rebbio, don Giusto della Valle sta attualmente ospitando 15 ragazzi egiziani. A Como mancano strutture sufficienti per tutti.
Estero
14 ore
Nasce la Comunità politica europea, c’è anche la Svizzera
L’incontro a Praga con 44 Paesi presenti. C’è anche la Turchia. Restano fuori solo Russia e Bielorussia
thailandia
21 ore
Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini
Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso
Brasile
1 gior
Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio
Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
1 gior
Altri due missili verso il Mar del Giappone
Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
Burkina Faso
1 gior
Burkina Faso, Ibrahim Traoré nominato presidente
Dopo il secondo colpo di Stato nel Paese in meno di nove mesi, al capitano sono stati conferiti pieni poteri
caro-energia
1 gior
L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa
Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
la guerra in ucraina
1 gior
Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’
Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
© Regiopress, All rights reserved