laRegione
Confine
28.03.21 - 10:03

Allarme da Legambiente, Ceresio a rischio

Per la ventilata dismissione del depuratore di Arcisate (Varese),

di MarcoMarelli
allarme-da-legambiente-ceresio-a-rischio
Ti-press

Grido d'allarme del Circolo Legambiente Valceresio sulle conseguenze che deriverebbero dalla ventilata ipotesi di dismettere il depuratore di Arcisate e far confluire le acque reflue dei sei comuni della Valceresio nell'impianto di Cuasso al Monte, che secondo gli ambientalisti "non è in grado di assorbire  gli oltre 2.000 mc/d del depuratore di Arcisate".

Non compromettere i risultati ottenuti

Per Legambiente "c’è il rischio che il passaggio possa compromettere i risultati ottenuti in questi anni nell’ambito della depurazione, che si sono tradotti in un miglioramento della qualità delle acque del lago Ceresio". Da qui una preoccupata lettera inviata ad Alfa srl, società pubblica che gestisce il Servizio idrico integrato della provincia di Varese e per conoscenza, oltre ai comuni della Valceresio (ci sono anche Lavena Ponte Tresa e Porto Ceresio), anche a Regione Lombardia e Consiglio di Stato del Canton Ticino. Legambiente, nella lettera, ricorda che "grazie agli interventi già effettuati localmente dai Comuni, la qualità delle acque negli ultimi anni è nettamente migliorata tanto da poterne finalmente dichiarare la balneabilità, elemento imprescindibile per sostenere la vocazione turistica presente sull’intero bacino italo-svizzero. Non dobbiamo invalidare il risultato ottenuto, ma eventualmente  migliorarlo, correggendo l’eccezione dei due punti tuttora inquinanti in territorio di Porto Ceresio: i torrenti  Vallone e Bolletta, quest’ultimo che raccoglie le emissioni dal depuratore di Valle di Cuasso al Monte".

 

La risposta di Alfa non si è fatta attendere. "In questa fase stiamo studiando la situazione perché la depurazione è l’ultimo anello di una catena più lunga – la risposta del presidente di Alfa Paolo Mazzucchelli  -. Come per altre situazioni, anche i depuratori di Cuasso ed Arcisate saranno al centro di una valutazione che tenga conto di tutti gli aspetti legati al ciclo dell’acqua. E’ nostro interesse e interesse dei territori, che si trovino soluzioni ottimali, ed è chiaro che non è interesse di nessuno sovraccaricare il depuratore di Cuasso e rischiare di inquinare il Ceresio. Oltre a rischiare pesanti sanzioni per infrazioni alle normative europee in materia di inquinamento delle acque''.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
la guerra in ucraina
8 ore
Biden pronto a parlare con Putin
Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
8 ore
La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’
Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
9 ore
Giallo su sei pacchi bomba in Spagna
Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
9 ore
“La Nato non entrerà nel conflitto”
Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
11 ore
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
Italia
13 ore
Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti
Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
Italia
14 ore
Maxisequestro di marijuana in provincia di Brescia
Nel mirino della Guardia di Finanza un’azienda che coltivava canapa legalizzata. Ma con Thc superiore al limite: confiscate due tonnellate
Città del Vaticano
16 ore
Congo e Sud Sudan nei piani di viaggio del Papa
Rinviata già a luglio a causa di problemi al ginocchio, la visita in Africa del Pontefice sarà recuperata tra fine gennaio e inizio febbraio
Italia
17 ore
Frana di Casamicciola, individuati altri due corpi
All’appello mancano ancora due persone. E nel pomeriggio è prevista una nuova riunione del Centro Coordinamento Soccorsi
Confine
17 ore
Falsi test positivi per il green pass, 11 indagati a Varese
I tamponi venivano effettuati da due infermieri conniventi all’esterno di una farmacia estranea alla vicenda. Costo totale: 500 euro
© Regiopress, All rights reserved