laRegione
ALBOT R. (MDA)
Federer R. (SUI)
21:45
 
Losanna
6
Langnau
0
pausa
(2-0 : 4-0)
Friborgo
3
Zurigo
2
pausa
(2-1 : 1-1)
Lakers
2
Davos
1
pausa
(1-0 : 1-1)
ALBOT R. (MDA)
0 - 0
21:45
Federer R. (SUI)
ATP-S
MIAMI USA
Winner plays Krajinovic.
Ultimo aggiornamento: 23.03.2019 21:26
Losanna
LNA
6 - 0
pausa
2-0
4-0
Langnau
2-0
4-0
1-0 JEFFREY
8'
 
 
2-0 KENINS
10'
 
 
3-0 EMMERTON
30'
 
 
4-0 IN-ALBON
31'
 
 
5-0 FROIDEVAUX
35'
 
 
6-0
39'
 
 
8' 1-0 JEFFREY
10' 2-0 KENINS
30' 3-0 EMMERTON
31' 4-0 IN-ALBON
35' 5-0 FROIDEVAUX
39' 6-0
Series tied 3-3.
Ultimo aggiornamento: 23.03.2019 21:26
Friborgo
LNA
3 - 2
pausa
2-1
1-1
Zurigo
2-1
1-1
1-0 CHAVAILLAZ
1'
 
 
2-0 ROSSI
3'
 
 
 
 
6'
2-1 MIRANDA
 
 
36'
2-2 SUTER
3-2 LHOTAK
39'
 
 
1' 1-0 CHAVAILLAZ
3' 2-0 ROSSI
MIRANDA 2-1 6'
SUTER 2-2 36'
39' 3-2 LHOTAK
Ultimo aggiornamento: 23.03.2019 21:26
Lakers
LNA
2 - 1
pausa
1-0
1-1
Davos
1-0
1-1
1-0 KNELSEN
18'
 
 
 
 
26'
1-1 WETTER
2-1 GAHLER
37'
 
 
18' 1-0 KNELSEN
WETTER 1-1 26'
37' 2-1 GAHLER
Ultimo aggiornamento: 23.03.2019 21:26
Ti-Press
Fuoco a Riazzino (Ti-Press)
Confine
08.01.19 - 16:530
Aggiornamento 19:02

Incendi: rimane l'allerta su Lario, Verbano e zona Pedemontana

Codice rosso tra le 18 di oggi e le 8 di giovedì 10 gennaio, per venti da nord/nord ovest. Nel frattempo, si analizzano le prime criticità ambientali

Anche se gli ultimi incendi sembrano domati, non è ancora finita. Resiste ancora un focolaio a Sorico, nel comasco, in alto lago, sul Monte Berlinghieri. Ed è comunque sotto controllo. Ma non è tempo per abbassare la guardia. Dalla Sala operativa della Protezione civile della Regione Lombardia, nel pomeriggio, è stata diramata una nuova allerta che prevede elevato rischio: codice rosso di incendio boschivo per l'arrivo dei venti da nord/nordovest, con intensità media attorno ai 50 chilometri orari, che potrebbe arrivare sino a 70 chilometri. L'allerta riguarda il periodo compreso tra le 18 di oggi e le 8 di giovedì 10 gennaio.

L'allarme riguarda il Lario (province di Como e Lecco), il Verbano (provincia di Varese) e la zona Pedemontana occidentale (Como, Varese e Lecco). I venti potranno assumere anche il carattere di Föhn, in particolare sui settori occidentali della regione lombarda. Nel frattempo, i vigili del fuoco e i volontari di Varese continuano ad installare le pompe d'acqua sul fronte della montagna da Ganna sino alla cima della Martica. Si tratta di un reticolo di turbature che potrà tornare utile nella malaugurata – non si può escludere – ripartenza delle fiamme con l'arrivo del vento, un percorso di manichette lungo chilometri che si alimenta grazie ad alcune vasche riempite in quota dalle cisterne del vigili del fuoco. Nel primo pomeriggio vi è stata una ulteriore ricognizione da parte dei droni con camere termiche in grado di leggere le diverse temperature al suolo. Ricognizioni che hanno confermato il rischio di nuovi incendi.

Nel frattempo, a seguito del sopralluogo effettuato nella giornata del 5 gennaio da parte dei tecnici dell'Arpa Lombardia, sulle aree del Monte Martica devastate dalle fiamme, sono emerse le prime criticità ambientali che hanno compromesso un'area boschiva di 400 metri. Dalla prossima settimana, da parte di Arpa Lombardia, incominceranno indagini e monitoraggi di carattere ambientale e sulla matrice delle acque sotterranee. Gli interventi serviranno ad accertare se le sostanze di combustione del bosco e degli agenti chimici utilizzati per lo spegnimento delle fiamme possano raggiungere, nel breve e lungo periodo, anche la falda idrica, considerato che in zona ci sono le sorgenti dell'Alpe Cuseglio e delle Gallerie della Valgana. 

2 mesi fa Giorni di fuoco (eppure il vento soffia ancora…)
Potrebbe interessarti anche
Tags
fiamme
varese
chilometri
lombardia
TOP NEWS Estero
© Regiopress, All rights reserved