laRegione
08.02.22 - 08:37
Aggiornamento: 17:06

In Svizzera tassi ipotecari più alti dal 2018

Lo afferma uno studio degli specialisti del servizio di confronti internet Moneyland. Ridotto, a ogni modo, il potenziale per un aumento

Ats, a cura de laRegione
in-svizzera-tassi-ipotecari-piu-alti-dal-2018
Ti-Press
Casa più cara

I tassi ipotecari hanno raggiunto il livello più alto dal 2018. Per le ipoteche su cinque anni sono dell’1,28% e per quelle decennali dell’1,55%. A metà dicembre i tassi erano rispettivamente dello 0,97% e dell’1,17%. Da metà dicembre, i tassi d’interesse indicativi per le ipoteche fisse in Svizzera sono aumentati di un ‘insolito’ 0,31 punti percentuali per i mutui a cinque anni e di 0,38 punti percentuali per quelli a dieci anni, osservano gli specialisti del servizio di confronti internet Moneyland. Ci sono però ancora differenze significative tra le tariffe offerte. Ad esempio, la differenza tra il tasso indicativo più vantaggioso per i mutui decennali a tasso fisso e il più caro è di 0,69 punti percentuali (più vantaggioso all’1,14% e il più caro all’1,83%). Le ipoteche online rimangono più economiche: 1,33% in media contro 1,55% in generale per i mutui fissi a dieci anni.

La Federal Reserve degli Stati Uniti dovrebbe alzare il tasso direttore diverse volte quest’anno, ma né la Banca centrale europea (Bce) né la Banca nazionale svizzera (Bns) hanno annunciato un prossimo incremento. La pressione che potrebbe essere esercitata sulla Bns rimane bassa, data l’evoluzione dell’inflazione. In questo contesto, per il momento il potenziale per un aumento dei tassi in Svizzera sembra ridotto.

L’evoluzione è comunque al rialzo. «In uno scenario in cui l’inflazione continua a salire, la Bce e la Bns potrebbero essere costrette a reagire prima con aumenti dei tassi», afferma Felix Oeschger, analista di moneyland.ch. È quanto già avviene negli Stati Uniti dove l’inflazione sta dando filo da torcere alla Fed americana.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
la banca in difficoltà
2 gior
‘I problemi di Credit Suisse risolti se venisse rilevata’
Secondo la SonntagsZeitung potrebbe essere acquisita dalla più piccola Julius Bär
Economia
2 sett
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
3 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
3 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
1 mese
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
1 mese
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
© Regiopress, All rights reserved