laRegione
Locarno 75
02.08.22 - 19:39

L’Osi interpreta ‘Broken Blossoms’ al Fevi

Domani, alle 15.30, l’Orchestra, diretta da Béran, inaugura la 75esima edizione del Locarno Film Festival con la proiezione del regista Griffith

l-osi-interpreta-broken-blossoms-al-fevi
©Park Circus-Cohen Film Collection
Lillian Gish nei panni della tredicenne Lucy Burrows

Anche quest’anno, grazie all’Orchestra della Svizzera italiana (Osi), il Locarno Film Festival inizierà la nuova edizione con un salto nel passato per portarlo nel presente. Un salto lungo oltre un secolo, giusto il tempo di tornare al 1919 e ritrovare ‘Broken Blossoms’, lungometraggio del pioniere e grande maestro del cinema David Wark Griffith. A dargli suoni e musica 103 anni dopo saranno le musiciste e i musicisti dell’Osi diretti da Philippe Béran che, domani (mercoledì 3 agosto) al Palexpo (Fevi) alle 15.30, inaugureranno l’edizione eseguendo dal vivo le musiche del film composte da Carl Davis.

Sullo schermo tornerà a vivere con una nuova voce uno dei capolavori del cinema muto americano, interpretato da una delle prime e più grandi star del cinema mondiale: Lillian Gish. Musa di Griffith, a ventisei anni Gish – che nel 1971 sarebbe stata insignita di un Oscar onorario – riuscì in un’interpretazione indimenticabile nei panni di una ragazzina tredicenne, Lucy Burrows. Al suo fianco, nel ruolo di Cheng Huan, l’attore newyorkese Richard Barthelmess. In ‘Broken Blossoms’ il regista di ‘Intolerance’ e ‘The Birth of a Nation’ continuò il suo inesauribile processo di sperimentazione, con controcampi e soggettive capaci di ipnotizzare il pubblico; talento e gesti che saranno mossi e sottolineati dalle musiche eseguite dall’Osi.

«Broken Blossoms è un film incredibile, incredibilmente moderno e addirittura contemporaneo, sia per il linguaggio, sia per i temi che tratta – racconta Philippe Béran –. È tecnicamente meraviglioso e per me sarà un onore essere il primo al mondo a dirigerlo dopo Carl Davis. Mi ha mandato una partitura scritta appositamente per questo film: farla ascoltare al pubblico di Locarno sarà una vera gioia ed emozione». Spiega ancora il direttore d’orchestra: «Nel 1919, il film era accompagnato da musiche scritte da Louis F. Gottschalk, che Davis ha ripreso e ri-arrangiato negli anni Ottanta. La musica segue fedelmente il movimento cinematografico, il "touch" di questo melodramma e passa da momenti che ti trasportano in Cina, quando in scena c’è Yellow Man, sottolineati da uno strumento particolare come il cimbalom, alla potenza di Wagner, quando la camera passa al padre di Lucy (Lillian Gish, ndr) e alla sua violenza. Le musiciste e i musicisti dell’Orchestra che avrò il piacere di dirigere saranno 48 e insieme ricostruiremo un’atmosfera veramente particolare, unica, lontana un secolo ma fortemente attuale».

La proiezione è resa possibile grazie all’Osi, all’Associazione Amici dell’Orchestra della Svizzera italiana (Aosi) e con il sostegno della Fondazione per la cultura.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
27 min
Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli
I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
33 min
Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar
Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
2 ore
È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’
L‘attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ’Lost’
Spettacoli
6 ore
La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret
Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
L'intervista
9 ore
Eugenio Finardi, anche ‘Euphonia Suite’ è musica ribelle
Una traccia unica minimalista, da ‘Voglio’ fino a ‘Extraterrestre’, e in mezzo ‘Soweto’, La radio’, ‘Diesel’ e molto altro. Lunedì, showcase alla Rsi
Culture
21 ore
Oltre mezzo milione di visitatori per i musei ticinesi
Pubblicati i dati 2021 relativi al settore della cultura nel Rapporto statistico cantonale dell’Osservatorio culturale ticinese
Società
23 ore
Campagna pubblicitaria choc: bambini con peluche bondage
Per promuovere i propri articoli, nel caso zainetti, la maison di moda Balenciaga scivola su fotografie di cattivo gusto: e scoppia la polemica
Distopie
1 gior
‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse
Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
Otium
1 gior
Il Forum per l’italiano in Svizzera
Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico
Spettacoli
1 gior
Hang Massive, vibrazioni sonore a Lugano
‘Viviamo in un mondo con una sola immensa umanità’ è il messaggio di Danny Cudd e Markus Offbeat, venerdì 2 dicembre allo Studio Foce
© Regiopress, All rights reserved