laRegione
Locarno Film Festival
11.07.22 - 16:25
Aggiornamento: 12.07.22 - 22:02

L’Osi e ‘Broken Blossoms’ di Griffith aprono Locarno 75

Mercoledì 3 agosto al Palexpo, l’Orchestra della Svizzera italiana eseguirà dal vivo le musiche del film

l-osi-e-broken-blossoms-di-griffith-aprono-locarno-75
Da ‘Broken Blossoms’ di David Wark Griffith

La 75esima edizione del Locarno Film Festival inizia con un salto nel 1919. ‘Broken Blossoms’ è il lungometraggio del pioniere e maestro del cinema David Wark Griffith; l’Orchestra della Svizzera italiana (Osi), diretta da Philippe Béran, eseguirà dal vivo le musiche del film composte da Carl Davis, compositore e direttore d’orchestra statunitense, autore di numerose colonne sonore per il cinema muto, da ‘Napoleon’ di Abel Gance (1927) a ‘Intolerance’ di Griffith (1916).

L’inaugurazione di Locarno75 avrà luogo mercoledì 3 agosto alle 15.30 al Palexpo di Locarno. Qui riprenderà vita uno dei capolavori del cinema muto americano, interpretato dall’allora star del cinema mondiale Lillian Gish. Musa di Griffith, a ventisei anni Gish interpretò la tredicenne Lucy Burrows; al suo fianco, nel ruolo di Cheng Huan, l’attore newyorkese Richard Barthelmess. In ‘Broken Blossoms’ Griffith continuò il suo inesauribile processo di sperimentazione.

"‘Broken Blossoms’ è un film incredibile, incredibilmente moderno e addirittura contemporaneo, sia per il linguaggio, sia per i temi che tratta", racconta Philippe Béran. "È tecnicamente meraviglioso e per me sarà un onore essere il primo al mondo a dirigerlo dopo Carl Davis. Mi ha mandato una partitura scritta appositamente per questo film: farla ascoltare al pubblico di Locarno sarà una vera gioia ed emozione". "Nel 1919 – spiega il direttore d’orchestra – il film era accompagnato da musiche scritte da Louis F. Gottschalk, che Davis ha ripreso e ri-arrangiato negli anni 80. La musica segue fedelmente il movimento cinematografico, il ‘touch’ di questo melodramma e passa da momenti che ti trasportano in Cina, quando in scena c’è Yellow Man, sottolineati da uno strumento particolare come il cimbalom, alla potenza di Wagner, quando la camera passa al padre di Lucy e alla sua violenza. Le musiciste e i musicisti dell’Osi che avrò il piacere di dirigere saranno 48 e insieme ricostruiremo un’atmosfera veramente particolare, unica, lontana un secolo ma fortemente attuale". Informazioni: www.locarnofestival.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
17 ore
Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel
Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
19 ore
Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’
Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
20 ore
‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano
È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
22 ore
‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour
Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
Libri
22 ore
Le ciliege della costa del Mar Nero
Pubblichiamo un estratto dalla prima sezione del terzo capitolo ‘Üsküdar’ tratto dal libro ‘Un inverno a Istanbul’, tradotto da Laura Bortot
Musica
1 gior
Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®
Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica
La recensione
1 gior
Vivian, Edward e Pretty Bryan
Doppio sold out al Lac per l’ottimo ‘Pretty Woman - Il musical’, due ore di buon umore con musiche di Bryan Adams (ti piace vincere facile)
Culture
1 gior
Da Hannah ad Anna, le tante facce della Valle Bavona
Il lucernese Kurt Koller ci parla del suo film ‘Vento di vita vera’ in programma martedì 29 all’Otello di Ascona, con la presenza del regista
Castellinaria
2 gior
Per tutte le Anna Frank del mondo
Highlights della cerimonia di chiusura, palmarès e pensieri in libertà con Flavia Marone, presidente, e Giancarlo Zappoli, direttore artistico
La recensione
2 gior
Diretti da Mencoboni, in quattro per Monteverdi
Voces suaves, Concerto Scirocco, Männeroktett Basel, Coro Clairière: al netto delle scelte interpretative, il pubblico applaude
© Regiopress, All rights reserved