laRegione
Spettacoli
17.02.19 - 08:520

A Berlino un palmarès quasi perfetto

La fatica di essere ebreo a Parigi, quella di essere bambino fra preti pedofili e quella di essere giovane a Napoli... Gli Orsi della berlinale osservano la realtà

I Gilet gialli hanno aggredito il filosofo e accademico francese Alain Finkielkraut incontrato per le strade di Parigi, la colpa del sessantanovenne opinionista è di essere ebreo. Al Festival di Berlino, che ha gli stessi anni del filosofo, la Giuria guidata da Juliette Binoche ha laureato con l'Orso d'Oro il film "Synonymes" del regista israeliano Nadav Lapid, che ha come tema la fatica di essere ebreo a Parigi.

Come sempre la Berlinale è attenta alla società in cui viviamo, questa volta riesce a sposare l'attualità, non solo con il film vincitore, ma anche con il secondo premio, l'Orso d'argento Gran Premio della Giuria a "Grâce à Dieu" di François Ozon. Regista che proprio nel giorno in cui in Vaticano il cardinale Theodore McCarrick è stato ridotto allo stato laicale per pedofilia, prende un premio per un film che si riferisce a un fatto di pedofilia sacerdotale che ha portato poche settimane fa in tribunale il cardinale arcivescovo di Lione e primate delle Gallie, Philippe Barbarin.

Ha dell'incredibile la casualità della situazione creata da questo palmarès, se poi si pensa ai problemi comportamentali dei bambini in età scolare, aggravati dall'ambiente in cui vivono. Ed ecco il terzo premio, il Silver Bear a "Systemsprenger" (System Crasher), film di Nora Fingscheidt che affronta di petto il problema.

Premi meritati? Visto il peso che hanno civilmente, senz'altro sono perfetti. Come i due premi per l'interpretazione maschile e femminile ai protagonisti dello stesso film, "Di jiu tian chang" (So Long, My Son) di Wang Xiaoshuai: l'attrice Yong Mei e l'attore Wang Jingchun. Il film, che forse meritava il premio maggiore, racconta del cammino forzato di una Cina che ha cancellato il valore del singolo individuo. In questo senso ha dell'ironia, forse involontaria, il premio individuale a un film, questo, corale.

L'orso d'argento per la miglior sceneggiatura a Maurizio Braucci, Claudio Giovannesi e Roberto Saviano per "La paranza dei bambini" di Claudio Giovannesi, segnala un'opera di scrittura interessante incapace di diventare film compiuto. Due premi restano ai bordi di una scelta sociale, cui anche il film italiano appartiene: si tratta del contestato premio per la miglior regia a Angela Schanelec per il suo "Ich war zuhause, aber" (I Was at Home, But) film sulla sedimentazione di un dolore in una famiglia, e quello per la fotografia a Rasmus Videbæk per "Ut og stjæle hester" (Out Stealing Horses) di Hans Petter Moland, film intimo sviluppato su grandi spazi.

Resta fuori dai premi il film simbolo di questa Berlinale, il macedone "Gospod postoi, imeto i' e Petrunija " (God Exists, Her Name Is Petrunya) della regista Teona Strugar Mitevska: forse era un film troppo al femminile e spudoratamente anti machista, per essere amato da tutta la Giuria, una Giuria che ha perso così l'occasione per un palmares perfetto.

Potrebbe interessarti anche
Tags
film
premio
premi
giuria
essere ebreo
ebreo
regista
berlinale
berlino
orso
TOP NEWS Culture
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile