laRegione
Covid e Cultura
28.11.21 - 16:48
Aggiornamento: 21:04

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale

si-alla-legge-covid-19-la-taskforce-culture-e-soddisfatta
‘Operatori e imprese culturali avranno da affrontare un inverno tutt’altro che facile’

“Il rinnovato Sì alla Legge Covid-19 dimostra che la popolazione continua a sostenere l’insieme di disposizioni in essa contenute. La fiducia della popolazione verso gli strumenti di compensazione per i settori più duramente colpiti – che per altro non erano contestati – è altrettanto importante”. Si apre così il comunicato della Taskforce Culture seguito all’esito delle urne, relativamente a un Sì al quale, in vista del progressivo acuirsi della crisi pandemica, vengono auspicati l’estensione da parte del Parlamento, durante la sua sessione invernale, delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale, mantenendoli invariati nella forma. Nell’esito del voto, la Taskforce Culture vede confermata la sua convinzione che “i dispositivi di compensazione e sostegno previsti dalla legge continuino a essere indispensabili e riscuotano un alto consenso presso la popolazione”. Ora tocca al Parlamento deliberare una proroga.

Per la Taskforce l’attuale legge Covid-19 funziona, e così gli strumenti finanziari offerti a sostegno dei settori più fortemente colpiti. “Il che – prosegue lo scritto – non significa un aggravio in termini economici, dato che la loro sospensione comporterebbe, ad esempio, costi aggiuntivi per il fondo di disoccupazione e i sussidi sociali, né si tratta di un pozzo senza fondo: il limite di credito per quest’anno non è stato raggiunto, e naturalmente i sostegni sarebbero concessi solo dove si riscontrasse un bisogno reale e comprovato”. Laddove il settore culturale dovesse tornare alla normalità in tempi più rapidi del previsto, “calerebbe anche il numero delle richieste presentate e/o approvate”. Prolungare le misure di compensazione e lo scudo protettivo significa quindi “in primis garantire quella sicurezza finanziaria di cui si ha urgente bisogno e dare al settore culturale fiducia nel futuro”.

La situazione, per la Taskforce, resta estremamente instabile: guardando solo ai paesi vicini, “operatori e imprese culturali avranno da affrontare un inverno tutt’altro che facile e ancora molto lontano dalla normalità”: l’erogazione d’indennità e i sostegni vanno dunque al di là del rispetto della volontà popolare, già ampiamente giustificati da una situazione epidemiologica odierna che indica chiaramente la necessità di non farli decadere alla fine dell’anno.

Per finire, il Certificato Covid: “Permette lo svolgimento e la partecipazione agli eventi nella massima sicurezza possibile e consente agli operatori culturali di viaggiare. Finché verrà mantenuta la certificazione obbligatoria per partecipare alle manifestazioni, i costi per i test dovrebbero tornare a essere a carico della Confederazione e dei Cantoni”, chiude la Taskforce.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
1 ora
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo "Gangsta’s Paradise" del 1995. È morto a Los Angeles.
Culture
2 ore
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
14 ore
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
16 ore
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
22 ore
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
Spettacoli
22 ore
È morto Bruno Arena de I Fichi d’India
Aveva 65 anni. Nel 2013 era stato colpito da un aneurisma cerebrale
Netflix
1 gior
Wanna Marchi non è pentita, d’accordo?
Su Netflix c’è ‘Wanna’, storia della regina delle televendite in quattro puntate (dedicata a quelli che ‘una volta era meglio’)
Società
1 gior
Pensi di leggere il giornale, ti trovi a far propaganda russa
Facebook blocca profili di una rete fra le più complesse mai individuata attivi soprattutto in Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Ucraina
Spettacoli
1 gior
Riposo vocale per Anastacia, rinviato il concerto di Locarno
Imposizioni mediche impongono la riprogrammazione del live del 29 settembre al Fevi. I biglietti restano validi per la nuova data, di prossimo annuncio
Spettacoli
1 gior
Shakira va alla sbarra, chiesti otto anni e due mesi
La cantante colombiana rinviata a giudizio per frode ai danni del fisco iberico. Dovrà pagare anche una multa di oltre 23 milioni di euro.
© Regiopress, All rights reserved