laRegione
taskforce-culture-normalita-lontana-si-prolunghi-il-sostegno
’Non ingannino i segnali di leggera ripresa’ (Keystone)
Covid e Cultura
03.11.21 - 20:40

Taskforce Culture: ‘Normalità lontana, si prolunghi il sostegno’

Nel 2022 due terzi degli operatori del settore dovranno affidarsi agli aiuti: un sondaggio rivela gli effetti persistenti della crisi Covid sulla cultura

Parla il sondaggio condotto a ottobre dall’ufficio di ricerca Ecoplan per conto di Taskforce Culture, fotografando lo stato in cui versa la cultura in Svizzera al termine del secondo anno di pandemia e sondando le prospettive future. E la fotografia dice di un settore in cui la normalità è ancora lontana se, nel 2022, due terzi degli operatori del settore culturale
dovranno ancora fare affidamento sui sostegni. “Interromperli alla fine di quest’anno – scrive Taskforce Cultura – causerebbe un danno enorme a chi è già stato gravemente colpito dalla crisi Covid, riducendo sconsideratamente l’efficacia degli aiuti prestati nei mesi scorsi». Pur facendo “il minimo necessario”, le misure adottate “si stanno comunque dimostrando efficaci e la loro implementazione sta ormai funzionando quasi alla perfezione”. Da cui l’invito al Parlamento a prolungare i dispositivi di sostegno fino alla fine del 2022.

Per gli interpellati, nel 2020 gli aiuti hanno rappresentato circa un terzo dei loro guadagni. Nel 2021, gli stessi equivalgono a più di un quarto. Lo scorso anno, il fatturato di due terzi dei partecipanti è stato inferiore dell’80% del salario dell’anno precedente, tenendo conto degli aiuti. La percentuale di lavoratori culturali con un salario annuale di meno di 40mila franchi è passata dal 46% (2019) al 61% (2020) e 57% (2021). Situazione parimenti tesa per le imprese culturali: circa i tre quarti indicano che la cifra d’affari dello scorso anno è inferiore dell’80%; per circa la metà, addirittura sotto il 40% di quella realizzata abitualmente prima della pandemia. Calo ancor più drastico in ambiti di vendita e prevendita biglietti, calata nel 2020 del 20% per la metà delle imprese interpellate. Poco cambia, pur in leggero aumento, per l’anno in corso. Il cielo è tutt’altro che limpido anche per le associazioni culturali: Nel 2020, il 61% degli intervistati dichiarava rimeno del 20% di entrate regolari; nell’anno in corso, per una buona metà tale flessione è confermata.

Non ingannino, quindi, i segnali di leggera ripresa: stando ai dati, solo il 21% dei professionisti della cultura intervistati afferma di avere di nuovo un volume d’incarichi paragonabile a quello pre-pandemia. Per il 23% degli intervistati, prenotazioni e incarichi per il 2022 risultano ridotti della metà rispetto agli anni precedenti, e per il 42% degli intervistati il volume si è ridotto ad appena il 25%. Tirando le somme, il 45% si aspetta di realizzare al massimo l’80% di guadagno rispetto all’epoca pre-Covid 19.

In base all’attuale legge Covid, i sostegni se ne andranno alla fine del 2021. Il Consiglio federale ha proposto la loro proroga al Parlamento e Taskforce sottolinea come i risultati del sondaggio confermino l’assoluta necessità del prolungamento: stante l’impossibilità di una normalizzazione nel 2022, il 65% degli interpellati indica che continuerà a dipendere dalle misure di sostegno nel 2022, e così succederà per due terzi delle imprese culturali e il 58% delle associazioni culturali. “Per più della metà di essi, senza aiuti – chiude Taskforce Cultura – la situazione peggiorerebbe in modo significativo, grave o addirittura letale”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus crisi covid cultura sondaggio taskforce culture
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
3 min
‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’
Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
1 ora
Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela
‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
2 ore
La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda
Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Cinema
16 ore
Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche
La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
18 ore
Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione
Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Musica
20 ore
Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record
Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
20 ore
Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana
Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
Culture
21 ore
Spider-Man, compie 60 anni il più giovane dei supereroi Marvel
Creato nell’agosto del 1962 da Stan Lee, con la collaborazione geniale del disegnatore Steve Ditko, ha ritrovato nuova gloria al cinema con Sam Raimi
Open Doors
1 gior
L’epopea dei profughi cubani che incrina il mito rivoluzionario
‘La opcíon cero’ di Marcel Beltràn è una testimonianza cruda dell’esodo dall’Isola delle Grandi Antille. ‘Una storia reale che non dà risposte’.
Locarno 75
1 gior
Il sesso, i sessi, in concorso
Valentin Merz e ‘De noche los gatos son pardos’, premio LGBT (se ci fosse), e ‘Piaffe’, fiction d’esordio di Ann Oren
© Regiopress, All rights reserved