laRegione
Covid e Cultura
03.11.21 - 20:40

Taskforce Culture: ‘Normalità lontana, si prolunghi il sostegno’

Nel 2022 due terzi degli operatori del settore dovranno affidarsi agli aiuti: un sondaggio rivela gli effetti persistenti della crisi Covid sulla cultura

taskforce-culture-normalita-lontana-si-prolunghi-il-sostegno
’Non ingannino i segnali di leggera ripresa’ (Keystone)

Parla il sondaggio condotto a ottobre dall’ufficio di ricerca Ecoplan per conto di Taskforce Culture, fotografando lo stato in cui versa la cultura in Svizzera al termine del secondo anno di pandemia e sondando le prospettive future. E la fotografia dice di un settore in cui la normalità è ancora lontana se, nel 2022, due terzi degli operatori del settore culturale
dovranno ancora fare affidamento sui sostegni. “Interromperli alla fine di quest’anno – scrive Taskforce Cultura – causerebbe un danno enorme a chi è già stato gravemente colpito dalla crisi Covid, riducendo sconsideratamente l’efficacia degli aiuti prestati nei mesi scorsi». Pur facendo “il minimo necessario”, le misure adottate “si stanno comunque dimostrando efficaci e la loro implementazione sta ormai funzionando quasi alla perfezione”. Da cui l’invito al Parlamento a prolungare i dispositivi di sostegno fino alla fine del 2022.

Per gli interpellati, nel 2020 gli aiuti hanno rappresentato circa un terzo dei loro guadagni. Nel 2021, gli stessi equivalgono a più di un quarto. Lo scorso anno, il fatturato di due terzi dei partecipanti è stato inferiore dell’80% del salario dell’anno precedente, tenendo conto degli aiuti. La percentuale di lavoratori culturali con un salario annuale di meno di 40mila franchi è passata dal 46% (2019) al 61% (2020) e 57% (2021). Situazione parimenti tesa per le imprese culturali: circa i tre quarti indicano che la cifra d’affari dello scorso anno è inferiore dell’80%; per circa la metà, addirittura sotto il 40% di quella realizzata abitualmente prima della pandemia. Calo ancor più drastico in ambiti di vendita e prevendita biglietti, calata nel 2020 del 20% per la metà delle imprese interpellate. Poco cambia, pur in leggero aumento, per l’anno in corso. Il cielo è tutt’altro che limpido anche per le associazioni culturali: Nel 2020, il 61% degli intervistati dichiarava rimeno del 20% di entrate regolari; nell’anno in corso, per una buona metà tale flessione è confermata.

Non ingannino, quindi, i segnali di leggera ripresa: stando ai dati, solo il 21% dei professionisti della cultura intervistati afferma di avere di nuovo un volume d’incarichi paragonabile a quello pre-pandemia. Per il 23% degli intervistati, prenotazioni e incarichi per il 2022 risultano ridotti della metà rispetto agli anni precedenti, e per il 42% degli intervistati il volume si è ridotto ad appena il 25%. Tirando le somme, il 45% si aspetta di realizzare al massimo l’80% di guadagno rispetto all’epoca pre-Covid 19.

In base all’attuale legge Covid, i sostegni se ne andranno alla fine del 2021. Il Consiglio federale ha proposto la loro proroga al Parlamento e Taskforce sottolinea come i risultati del sondaggio confermino l’assoluta necessità del prolungamento: stante l’impossibilità di una normalizzazione nel 2022, il 65% degli interpellati indica che continuerà a dipendere dalle misure di sostegno nel 2022, e così succederà per due terzi delle imprese culturali e il 58% delle associazioni culturali. “Per più della metà di essi, senza aiuti – chiude Taskforce Cultura – la situazione peggiorerebbe in modo significativo, grave o addirittura letale”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L'intervista
1 ora
Ottavia Piccolo racconta Elda Pucci, sindaco di Palermo
Il 4 e 5 febbraio a Locarno, l’attrice porta in scena ‘Cosa nostra spiegata ai bambini’, storia di una donna retta dunque scomoda, che non va dimenticata
Musica
3 ore
Grande jazz a Chiasso: Paolo Fresu e Dave Holland, per gradire
Svelata, con preziosa parentesi live, la XXIV edizione del Festival di cultura e musica jazz, dal 9 all’11 marzo con ‘inserto’ femminile.
Distopie
4 ore
‘Il mondo nuovo’ di Huxley, che fece letteratura con la scienza
Esiste un romanzo distopico di soli personaggi negativi, senza uno scettico o una ribelle, e il bene che provi a contrastare il male?
Culture
14 ore
Alla scoperta de ‘Il capitale’ in compagnia di Paolo Favilli
A Mendrisio, il 5 febbraio, lo storico toscano discuterà della sua ultima opera ‘A proposito de Il capitale’ con Virginio Pedroni e Christian Marazzi
Spettacoli
22 ore
Niente tour europeo per Ozzy Osbourne
Problemi di salute costringono l’iconico rocker britannico a cancellare le sue esibizioni. E potrebbe essere il punto finale alle tournée classiche
Libri
1 gior
Trenta brevi racconti di Giuseppe Curonici
È nelle librerie ‘La donna che parlava lentamente’ (Interlinea), storie di quotidianità nelle quali è facile ritrovarsi.
Rsi
1 gior
Bentornati nel salotto di ‘Confederation Music Sessions’
Con Marco Kohler tra i contenuti della seconda stagione del format Rsi, dal 3 febbraio al 3 marzo, su YouTube, Play Suisse e poi in tv.
Culture
1 gior
Il Carnevale di Basilea come non l’avete mai visto
Lanterne, maschere, gruppi: il dietro le quinte segreto nel documentario ‘Yschtoo’ di Nicolas Joray. Al cinema Lux di Massagno mercoledì 1° febbraio
Locarno Film Festival
1 gior
Successione Marco Solari, c’è la commissione
Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
2 gior
Le Donne, la musica e Ornella Vanoni
Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
© Regiopress, All rights reserved