laRegione
05.12.22 - 21:02

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari

i-detenuti-con-misure-terapeutiche-vanno-adeguatamente-seguiti
‘Il trattamento fuori del penitenziario’ (Ti-Press)

Ora è nero su bianco. È la mozione, firmata dalle commissioni parlamentari ‘Giustizia e diritti’ e ‘Carceri’, che sollecita "un’adeguata presa in carico" delle persone detenute sottoposte a misure terapeutiche
stazionarie, misure disposte dai giudici. Le due commissioni chiedono al Consiglio di Stato di "progettare un’appropriata soluzione in Ticino che consenta di eseguire misure terapeutiche stazionarie fuori dal penitenziario, ponendo così fine a una situazione insoddisfacente, lesiva dei diritti delle persone sottoposte a misure, ma anche a un insufficiente contenimento del rischio di recidiva e all’esposizione al rischio di soppressione della misura proprio per l’assenza di un’istituzione adeguata". Ritengono insomma "necessaria" la creazione nel cantone di "un’istituzione psichiatrica appropriata o di una vera e propria istituzione per l’esecuzione delle misure che possa raggiungere e garantire gli standard richiesti di presa a carico, con personale specializzato per offrire terapie adeguate con conseguente riduzione del rischio di recidiva". Vi è tuttavia da considerare pure l’aspetto costi. In altre parole, continua l’atto parlamentare, "sarà importante valutare anche l’impatto finanziario di una tale istituzione, facendo un’analisi dei costi attuali, rispettivamente di quelli futuri, considerando pure possibili ricadute finanziarie nel caso persone di lingua italiana sottoposte a misure in altri Cantoni dovessero trovare posto nella nuova istituzione in Ticino".

‘Situazione oggi insoddisfacente’

La mozione – primi firmatari Ivo Durisch (Ps) e Luca Pagani (Centro/Ppd) – è stata sottoscritta dalla ‘Giustizia e diritti’ nella riunione di stamattina. L’ok della commissione preposta alla sorveglianza delle condizioni detentive nel cantone è giunto già nelle scorse settimane. Nell’atto parlamentare si citano anche gli articoli del Codice penale in materia. In Ticino, annotano i mozionanti, "non esiste un reparto di psichiatria forense all’interno dell’istituzione psichiatrica cantonale, ma neppure, più in generale, un’istituzione chiusa per il trattamento". Oggi le misure stazionare "vengono eseguite o in carcere, secondo la possibilità data dalla legge ma a titolo eccezionale, o in strutture chiuse fuori Cantone". Entrambe le soluzioni "di ripiego" generano tuttavia dei problemi, affermano le due commissioni del Gran Consiglio: "Come abbiamo appurato, il trattamento terapeutico in carcere è insufficiente e la giornata normale della persona pur sottoposta a misure è praticamente identica a quella di un detenuto in esecuzione di pena": Cosa, secondo i firmatari dell’atto parlamentare, "inappropriata per offrire davvero un percorso terapeutico e riabilitativo". Far capo a strutture d’oltralpe? "Pone non solo il problema di una lista di attesa molto lunga ma, anche trovando posto, si aggiunge il problema della lingua come della distanza dai famigliari, oltre ai costi a carico del Cantone". Questa situazione "ha fatto sì che in alcuni casi recenti la misura stazionaria è stata revocata per assenza di un’istituzione adeguata".

Si confida in tempi brevi

Da qui la mozione. «Stamattina in commissione ‘Giustizia e diritti’ tutti i gruppi parlamentari hanno firmato l’atto – osserva soddisfatto Ivo Durisch, da noi contattato –. I deputati delle due commissioni hanno capito la delicatezza della situazione e la necessità, nonché l’urgenza, di correttivi per dar seguito alla legge. Al Consiglio di Stato il compito di tradurre in pratica, in tempi possibilmente brevi, quanto propone la mozione». Evidenzia a sua volta il presidente della commissione Giorgio Galusero: «Il problema si è acutizzato negli ultimi anni: è dunque assolutamente necessario, e urgente, intervenire».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
6 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
11 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
16 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
1 gior
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
1 gior
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
1 gior
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
© Regiopress, All rights reserved