laRegione
29.05.22 - 12:27
Aggiornamento: 15:40

Da TiSin a Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi)

Dopo l’uscita di Sabrina Aldi e Boris Bignasca, il sindacato cambia nome e direttivo e attacca: ‘Controlli delle Paritetiche senza senso e vessatori’

da-tisin-a-sindacato-libero-della-svizzera-italiana-slsi
Ti-Press
Nando Ceruso, presidente di TiSin, ora Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi)

Dopo le dimissioni di Sabrina Aldi e Boris Bignasca dal comitato direttivo, il sindacato TiSin cambia pelle, a cominciare dal nome: non più "Organizzazione per il lavoro in Ticino – TiSin", appunto, ma Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi). Il nuovo comitato direttivo, oltre che dal presidente Nando Ceruso, sarà composto da Anna Scarlino (vicepresidente) Andrea Basalini e Mimmo Chiaravallotti, in rappresentanza dei settori Socio-sanitario e servizi, Autotrasporti pubblici e privati, Edilizia e rami affini.

Le modifiche allo statuto sono state approvate all’unanimità dall’assemblea del Comitato interprofessionale del sindacato riunita sabato 28 maggio 2022 a Sementina.

L’Slsi, come scritto nella nota stampa, "intende impostare la propria attività attraverso un rapporto leale di collaborazione con le Istituzioni del Cantone, le Associazioni di categoria e tutte le entità che, seppure a diverso titolo, sono sensibili ai diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e ai temi sociali che li coinvolgono. Il tutto riaffermando fortemente la propria posizione di assoluta autonomia politica e confessionale".

Rispetto alla missione storica del sindacato di difesa e promozione dei diritti dei lavoratori, Slsi dichiara di prendere atto "delle mutate realtà dell’economia moderna, nella quale la contrapposizione aprioristica "Sindacato e Padronato" risulta antistorica e sterile, intende improntare la sua attività nella ricerca continua del dialogo tra le parti". La visione di Slsi è che "forza-lavoro e impresa debbano concorrere, ognuna nel proprio ambito, al successo dell’attività in cui sono impegnate, tenendo conto del fatto che tale successo possa e debba andare a beneficio di entrambe le parti". Anche riguardo alle associazioni imprenditoriali, AITI, Camera di Commercio e tutte le istituzioni pubbliche a vario titolo coinvolte nel processo, Slsi dichiara di porsi nell’ottica della "ricerca del dialogo sempre e con chiunque, quindi, fuori da ogni contrapposizione ideologica, nel rispetto reciproco e pari dignità".

Ai "rigidi steccati burocratici e legislativi imposti", il sindacato predilige "la libera trattativa tra le parti, demandando ai partner sociali il compito di pianificare un futuro di concertazione seria, leale e d’impresa etica che assuma le proprie responsabilità sociali di fronte al Paese e verso i lavoratori che sono chiamati ad assolvere un ruolo sempre più importante e decisivo nelle attività e nella crescita delle imprese".

Critiche anche nei confronti delle Commissioni paritetiche, che a dire di Slsi generano una "farragine burocratica", con i loro controlli definiti "ripetitivi, spesso senza senso quando non vessatori", che per il sindacato sono "fonte di alti costi e di intralcio per le imprese, mentre si rivelano spesso di sostanziale interesse per le forze sindacali e per le stesse commissioni paritetiche".

"Va da sé", conclude il comunicato, "che in tale ambito debba essere aperto un tavolo serio di discussione onde ridefinire le linee guida e le regole future delle Commissioni paritetiche, considerando gli interessi primari dei lavoratori e le mutate esigenze nell’ambito del mercato del lavoro in generale".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
7 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
7 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
8 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
8 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
9 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
9 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Ticino
11 ore
Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione
La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Luganese
11 ore
Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’
Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
Luganese
11 ore
Incidente sulla A2, code in direzione sud
Si segnalano disagi al traffico tra Muzzano e la galleria di Collina d’Oro
Luganese
12 ore
Inserimento professionale, Lugano tira le somme
Presentato il rapporto d’attività 2022 del Settore formazione e lavoro della Divisione socialità
© Regiopress, All rights reserved