laRegione
boris-eduardo-e-la-schizofrenia
(Flickr su licenza Creative Commons)
13.09.21 - 05:25
Aggiornamento : 12:13

Boris, Eduardo e la schizofrenia

Il Mattino dice che il sindacato giallo TiSin non ha 'alcun legame' con la Lega. Strano, visto che ci sono le stesse persone, allo stesso indirizzo

“Il sindacato TiSin è un’iniziativa privata. Tra i referenti ci sono due esponenti della Lega, ma TiSin non ha alcun legame col movimento”. Il ‘Mattino’ mette via così, senza il prete e con un trafiletto seminascosto, il caso del sindacato giallo che aiuta alcune aziende a eludere la legge sul salario minimo, pur di sfruttare al massimo i frontalieri. Questo nonostante la fantomatica “associazione in difesa del lavoro in Ticino” abbia alla vicepresidenza la vicecapogruppo leghista in Gran Consiglio, Sabrina Aldi, e come membro del comitato direttivo Boris Bignasca, capogruppo al medesimo legislativo e figlio di cotanto padre. Anche la sede si trova nella stessa via e allo stesso numero civico di quella della Lega. Un esempio di schizofrenia da manuale, insomma, di quelli che magari sarebbe meglio farsi vedere da uno bravo. Oppure sono solo abituati a buttarla in tribuna e fare melina, contando su qualche giornalista della domenica che già gli copre le spalle con interviste in ginocchio. Come diceva il ticinesissimo Eduardo De Filippo: “Ha da passà ’a nuttata”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lega sindacato tisin
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
1 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
2 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
2 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
3 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
3 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
4 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
5 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
6 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
1 sett
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
© Regiopress, All rights reserved