laRegione
Salernitana
0
Atalanta
0
1. tempo
(0-0)
Ajoie
3
Ambrì
0
2. tempo
(3-0 : 0-0)
Bienne
2
Davos
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Zugo
1
Friborgo
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
1
Zurigo
3
2. tempo
(0-1 : 1-2)
Lakers
3
Losanna
0
2. tempo
(2-0 : 1-0)
Ginevra
2
Lugano
2
2. tempo
(1-1 : 1-1)
boris-eduardo-e-la-schizofrenia
(Flickr su licenza Creative Commons)
La formica rossa
13.09.21 - 05:250
Aggiornamento : 12:13

Boris, Eduardo e la schizofrenia

Il Mattino dice che il sindacato giallo TiSin non ha 'alcun legame' con la Lega. Strano, visto che ci sono le stesse persone, allo stesso indirizzo

“Il sindacato TiSin è un’iniziativa privata. Tra i referenti ci sono due esponenti della Lega, ma TiSin non ha alcun legame col movimento”. Il ‘Mattino’ mette via così, senza il prete e con un trafiletto seminascosto, il caso del sindacato giallo che aiuta alcune aziende a eludere la legge sul salario minimo, pur di sfruttare al massimo i frontalieri. Questo nonostante la fantomatica “associazione in difesa del lavoro in Ticino” abbia alla vicepresidenza la vicecapogruppo leghista in Gran Consiglio, Sabrina Aldi, e come membro del comitato direttivo Boris Bignasca, capogruppo al medesimo legislativo e figlio di cotanto padre. Anche la sede si trova nella stessa via e allo stesso numero civico di quella della Lega. Un esempio di schizofrenia da manuale, insomma, di quelli che magari sarebbe meglio farsi vedere da uno bravo. Oppure sono solo abituati a buttarla in tribuna e fare melina, contando su qualche giornalista della domenica che già gli copre le spalle con interviste in ginocchio. Come diceva il ticinesissimo Eduardo De Filippo: “Ha da passà ’a nuttata”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
15 ore
Tra spinte gentili e presunte derive autoritarie
L’immunità di gregge è l’obiettivo da raggiungere per buttarsi alle spalle l’incubo Covid. E il pass è uno dei modi. L’altro è l’obbligo vaccinale
Commento
15 ore
Rimborsi per legittima difesa, aridaje
Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime
Commento
1 gior
Più o meno tasse per i super ricchi 
I grandi contribuenti devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica
Commento
1 gior
Schiave invisibili dei trafficanti
Per incastrare i criminali servono testimoni, ma le vittime vanno difese meglio e sostenute, altrimenti nessuno parla
Commento
1 gior
Una sinistra che fa la sinistra, con tutto ciò che ne consegue
Il Piano di rilancio del Ps apre molti interrogativi sui fondi per finanziarlo, a partire dalla questione delle stime. Ma è un bene per il dibattito politico
L'analisi
2 gior
L’illusione del mercato autoregolato
Salario minimo: la vicenda delle tre aziende del Mendrisiotto ripropone la storica contrapposizione tra due visioni dell’economia e della società
Commento
2 gior
Matrimonio per tutti: per un ‘sì’ pragmatico
Dubbi su temi quali la donazione di sperma sono comprensibili. Ma lo Stato deve garantire i diritti, non decidere come dobbiamo stare al mondo
Commento
3 gior
Una responsabilità ricoperta col cemento
Durante il processo Bataclan è emerso che il gruppo Lafarge, oggi associato alla svizzera Holcim, contribuiva a finanziare il terrorismo islamico
Commento
4 gior
Iniziativa 99%, un correttivo opportuno e sopportabile
La Svizzera conosce una forte concentrazione del patrimonio in poche mani. La proposta della Giso renderebbe il sistema fiscale solo un pizzico più equo.
Commento
5 gior
I talebani, Guantanamo e noi
Svanisce definitivamente l’illusione che al bipolarismo della guerra fredda potesse seguire un periodo di tolleranza tra le nazioni e di 'democrazia a volontà'
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile